“3000remiX”, il nuovo EP di Blindur – Intervista

Author

Categories

Share

3000remiX” è il nuovo Ep di Blindur. Contiene 7 versioni inedite, rimasterizzate e remixate del brano “3000X”. Quest’ultimo è estratto dall’album “A”(2019)  secondo lavoro discografico del progetto guidato dal cantautore e produttore Massimo De Vita.

“3000remiX” di ingredienti nuovi

Blindur decide di dare nuova vita ad un brano che rappresenta una svolta per il progetto. Ne hanno preso parte vari DJ e produttori, da Marco Messina dei 99 Posse a Speaker Cenzou, con riletture che vanno dalle sonorità reggae a quelle psichedeliche, tutte confluite in una sperimentazione che ha fatto nascere 7 nuove canzoni da una stessa identica anima.

Noi di Indielife ne abbiamo parlato appunto con Massimo De Vita per curiosare tra gli aneddoti legati a questo progetto.

Ciao! Grazie per la disponibilità.

Iniziamo con una domanda quasi necessaria: com’è nata l’idea di riproporre un brano in sette nuove versioni?

3000X è stata fin da subito, per me, una canzone molto importante; dal punto di vista della scrittura e della composizione ha segnato una vera rottura con quello che era stato blindur fino a quel momento. Parole enigmatiche, un flusso onirico più che narrativo, l’idea di una canzone costruita quasi interamente su un solo accordo, il sentore di afro beat, il rock più dichiarato. Tutti ingredienti nuovi per il nostro mondo. Poteva quindi rimanere solo la terza traccia del nostro secondo disco? Certo che no, ma allo stesso tempo era fuori tempo massimo per essere proposta come singolo e quindi le abbiamo fatto la festa!!!

Com’è andata la fase di (ri)produzione delle nuove versioni?

Molto molto divertente! Ci siamo totalmente affidati ai 7 dj / producer che hanno rimaneggiato il brano. Ci siamo messi a totale disposizione di tutti nel caso in cui servissero interventi suonati (vedi il remix di Whodamanny per esempio), stravolgendo i nostri ruoli, aprendoci a sonorità normalmente lontane da Blindur, ma che abbiamo accolto con piacere ed entusiasmo.

Tutto in definitiva ha preso i contorni di un gioco, di un grande esperimento ed è stata una continua sorpresa.

La frase-incipit “Felicità è il nome del coltello che tortura l’umanità” sembra essere severa e provocatoria. Cosa si vuole esprimere?

Severa non lo so, provocatoria di sicuro! Credo che siamo in un qualche modo invogliati, se non addirittura costretti, a perseguire un modello di felicità basato sulla competizione continua e sul mito del primato. Come non fosse abbastanza, la felicità è quasi un dovere, come se qualsiasi esperienza “negativa” non avesse nulla da insegnare o rivelare (cosa che invece io credo fermamente). Fatta questa premessa penso che la “felicità” e la disperata corsa per raggiungerla, possano facilmente diventare causa di frustrazione, insoddisfazione, infelicità, ecco il paradosso che trasforma la più alta espressione di bene in un coltello.

Sappiamo che Blindur è stato gruppo spalla di numerosi artisti italiani. Ci racconti un aneddoto inedito sulla carriera di Blindur?

Ce ne sarebbero un milione, dall’indescrivibile emozione di essere sul palco con Cristina Donà, a quella volta con i Tre Allegri Ragazzi Morti al Rivolta di Marghera, o con Niccolò Fabi al Carroponte di Milano, fino all’indimenticabile serata con gli Zen Circus all’Alcatraz. Gli aneddoti e le storielle divertenti si sprecano. Giusto per dirne una che non racconto quasi mai, ad un festival bellissimo a Bergamo, “Rock sul serio”, causa pioggia, il duetto in programma con il Pan Del Diavolo, previsto durante il loro set, si trasformò in una jam session dal microfono dello stand dei panini sotto il quale ci eravamo riparati. Una roba che non ci si crede!!!

Per concludere, progetti per il futuro prossimo?

Come sempre Blindur non sa stare fermo! Nuove canzoni sono già più o meno sul fuoco e forse ci aiuteranno a dar forma ad un nuovo disco; ma allo stesso tempo stiamo lavorando a proggetti teatrali, a nuovi e imminenti live, stiamo pensando alla finale del premio Bindi e alla super serata finale allo Sferisterio di Macerata per Musicultura. Insomma non ci annoiamo!

Grazie!

grazie infinite a voi!

Date del Tour Estivo di Blindur

1/08 Bellosguardo (SA) – Rural Dimensions Festival (per info: http://ruraldimensions.it/)

23/08 Marina di Camerota (SA) – Meeting del Mare *opening act per Dimartino e Colapesce *SOLD OUT

28 e 29/08 Macerata – Finale Musicultura 2020 @ Arena Sferisterio (per info: http://musicultura.it/)

04/09 S. Margherita Ligure (GE) – Finale Premio Bindi (per info: http://premiobindi.com/)

06/09 Torino – Off Topic *in duo acustico + Stefanelli open act (per info: offtopictorino.it)

11/09 S. Maria Capua Vetere (CE) – Matuta *in duo acustico

18/09 Salerno – Limen Festival @ Arena del mare (a breve biglietti disponibili su: postoriservato.it)

Fonte: Ufficio Stampa Big Time

Author

Share