Cos’è il cantautorato elettrodomestico estremo? Ne parliamo con Ceroli

Author

Categories

Share

Dal 29 Gennaio possiamo ascoltare il primo EP di Ceroli, artista abruzzese che definisce la sua musica cantautorato elettrodomestico estremo.

In precedenza batterista del Management del dolore post operatorio, con i suoi brani apre i concerti di Luca Romagnoli e Marco Di Nardo, oggi noti come Management nel Sumo Tour.

Ed è nella data barese che noi di Indie Life abbiamo incontrato Ceroli alla scoperta di un approccio musicale innovativo.

Ben trovato! Parlaci della tua musica!

Ciao! Dunque, ho iniziato a scrivere brani intorno ai 19 anni, ma per un po’ sono rimasti nel cassetto. Poi col Management del dolore post operatorio ho registrato tre dischi e iniziato ad avere una certa esperienza. Tra un tour e un altro completavo le canzoni, col tempo ho costruito il mio piccolo studio di registrazione. Ho proposto i miei brani a un’ etichetta di Lanciano (paese d’origine, ndr), la Biscottificio Records che ha completato produzione e promozione.

Hai definito la tua musica “cantautorato elettrodomestico estremo”: di che si tratta? Perché estremo?

Il concetto di elettrodomestico è definito dai suoni elettrici, elettronici e poi acustici; domestico perché effettivamente produco tutto a casa mia. Estremo invece deriva dalle divergenze di genere relative ai brani: si può passare dal noise al melodico.

Ti definiresti un artista indie?

Perché no! Ma in generale, voglio essere un artista che compie scelte musicali in maniera libera.

Un esempio di cantautorato elettrodomestico estremo

Sappiamo che sei stato il batterista del Management del dolore post operatorio. È meraviglioso vedere te, Luca e Marco insieme sul palco, come esempio di amicizia. Da dove è nata dunque la tua esigenza di intraprendere un percorso autonomo?

Mi piacerebbe rispondere con un’immagine a me molto cara: se un albero sposta le sue radici muore, un essere umano invece metaforicamente muore se non trova radici altrove. Dunque la vita è questione di scelte: io ho sentito l’esigenza di cambiare. Tuttavia con Luca e Marco c’è una forte amicizia e continuiamo a suonare insieme.

La versione del brano “Un giorno dopo l’altro” di Management e Ceroli

“Passiamo i giorni a spiarci su Instagram” canti nel brano come fare l’amore con te e parli di guerra per i follower. Allora, com’è l’amore ai tempi dei social network?

Bella domanda! (ride, ndr) Questo tema è molto attuale e tornerà nei brani che pubblicherò prossimamente. Ma a dire il vero i social non influenzano molto il mio modo di relazionarmi.

Dalla tua musica traspare un atteggiamento introspettivo. Ne hai mai avuto paura?

Direi di no, sono molto introspettivo caratterialmente e amo la solitudine: se dovessi scegliere un tatuaggio, sarebbe la scritta “da solo”. Al momento questo si nota anche artisticamente ma forse in futuro potrei trovare una band.

Perché dovremmo continuare ad ascoltare Ceroli?

Perché sta arrivando una bomba!

Grazie Nicola, ci vediamo presto!

Grazie a voi!

Segui ceroli_musica su Instagram!

Author

Share