Fuori Noi, gli Zero Assoluto incontrano Gazzelle

Author

Categories

Share

Indie prima degli indie. La scuola cantautorale romana degli anni ’00 incontra quella attuale: gli Zero Assoluto feat Gazzelle hanno pubblicato il brano “ Fuori Noi”.

What Is This, a Crossover Episode?

Fuori noi è il ritorno alla musica di Matteo Maffucci e Thomas De Gasperi, un duo che ha dato luce al primo indie triste, quello che ci fa pubblicare storie Instragram mirate per attirare l’attenzione. L’incontro con Gazzelle, alias Flavio Bruno Pardini è stato quasi inevitabile, la matrice musicale è la stessa ma i tempi sono diversi, quindi perchè non fare un crossover episode?

La scuola indie romana, di cui fanno parte anche artisti come CLAVDIO, Galeffi e Coez, ha molti punti in comune con gli Zero Assoluto, sia nella parte melodica (Thomas) che in quella rap (Matteo).

I millennials hanno vissuto la loro adolescenza cantando piangendo per le strofe malinconiche degli Zero Assoluto (riprese poi nei film di Moccia) con questo brano incontrano la gen Z, angosciata da una “Vita Paranoia” (Brano da cui è stato tratto l’omonimo film).

Vita Paranoia, Film

Fuori Noi

Abbiamo scritto senza farci troppe domande, senza orpelli e senza alcun tipo di scadenze o obblighi. Abbiamo scritto insieme perché ci andava, perché Flavio (Gazzelle ndr) ha un dono naturale nel comporre e perché ci veniva naturale farlo insieme. Abbiamo scritto canzoni, fumato sigarette, bevuto tanto e ci siamo raccontati chi siamo. È solo l’inizio! Il 24 Luglio “Fuori Noi” feat @gazzelle__” – hanno dichiarato gli Zero Assoluto.


Nel brano, l’equilibrio del duo capitolino rimane lo stesso, la prima strofa e il bridge di “Fuori Noi” sono cantate dalla voce sabbiata di Thomas mentre il ritornello è di Gazzelle. Come un cavaliere dell’amor cortese lui canta “E mi spaccherò la schiena per portarti dove vuoi” e “ma ogni volta che sto bene non me lo ricordo più” tornando il Flavio triste di sempre.

Non può mancare la parte Rap di Matteo Maffeucci, successiva al primo ritornello, di cui ricorderemo sicuramente la frase “sembra tutto più bello lontano da qui anche se non è vero”.

Un testo un po’ “maschile”, con delle metafore un po’ difficili (strane? -.-), esempio: “Voglio scrivere una frase sul muro, ma con un coltello che non lasci nessun dubbio”. La base musicale invece è molto attuale, riprende le chitarre e i synth tanto cari agli Zero Assoluto e a Gazzelle, una canzone itpop che naviga a vista nelle radio italiane.

Testo

Cosa vuoi?
Io sto bene
Usciamo a bere?

Come stai?
Sembra bene
dormiamo insieme

Voglio scrivere una frase sul muro
ma con un coltello
che non lasci nessun dubbio
che ogni dubbio è tempo perso
come un sogno che ti sveglia e non lo sai
se sei quello che sei

E mi spaccherò la schiena
per portarti dove vuoi
per andare fuori a cena
per non andare fuori noi
siamo sopra un’altalena
e ogni tanto cado giù

non me lo ricordo

Mi domando cosa vuoi da me
sarei pure disposto a morire
mi rispondo se non lo sai te
facevo prima a non uscire
e sono anni che ci scrivo i pezzi sopra
senza mai capire bene se la vita mi ritorna indietro addosso
vorrei sapere almeno come
e siamo fatti così, così, così
basta poco davvero
sembra tutto più bello lontano da qui
anche se non è vero

Voglio scrivere una frase sul muro ma con un coltello
che non lasci nessun dubbio
che ogni dubbio è tempo perso
come un sogno che ti sveglia e non lo sai
se sei quello che sei

E mi spaccherò la schiena
per portarti dove vuoi
per andare fuori a cena
per non andare fuori noi
siamo sopra un’altalena
e ogni tanto cado giù
ma ogni volta che sto bene, non me lo ricordo più

Leggi anche, Ora che ti guardo bene, a sorpresa il nuovo singolo di Gazzelle!

Author

Share

Articolo precedentezildjianpinky – BERLIN
Prossimo articoloCurtis Walsh – Midnight