Leanò, “Tempio”è il suo EP d’esordio

Certamente introspettiva, la musica di Leanò è difficile da definire. Onirica, melismatica, naturale. Ma forse per comprendere cosa voglio dire, è necessario ascoltarla. Ma con un ascolto attento e quasi meditativo, come se si entrasse in un “Tempio”. Così infatti si intitola l’Ep d’esordio dell’artista milanese.

Potente e fragile, colorata e brillante, la voce di Leanò rimane impressa dopo il primo ascolto.

Ho intervistato Leanò per saperne di più.

“Tempio” è il tuo EP di esordio. Iniziamo con una domanda complessa. Secondo te, qual è il punto di incontro fra musica e spiritualità?

Bella domanda! Probabilmente varia di persona in persona e in base alla concezione che si ha dello spirituale e dell’arte. Mi piace pensare che a volte la musica riesca a farci entrare a contatto con una dimensione un po’ estranea alla vita a cui siamo abituati, che ci guidi a fermarci un attimo e guardarci dentro, farci delle domande e metterci in discussione.  Forse è questo il punto di incontro, almeno per me.

“Alba” è un brano che richiama il movimento delle onde del mare. Ci racconti come è nato?

È nato proprio tra le onde del mare. Dopo una serata estiva tra amici non sapevamo cosa fare, qualcuno ha proposto di fare una gita in barca e all’improvviso ci siamo ritrovati alle cinque del mattino in mezzo al nulla, in un’esplosione di colori che ha lasciato tutti senza parole.

Qual è il percorso umano e professionale che ti ha portata alla scelta di realizzare un EP?

Volevo che le mie canzoni venissero ascoltate da più persone e mi piaceva l’idea di pubblicare un EP prima di un album vero e proprio, anche per dare modo a chi non mi conosceva di avere un assaggio di quello che faccio.

La tua voce è delicata e potente allo stesso tempo. Il tuo stile è molto personale. C’è una voce femminile italiana a cui ti sei ispirata nel tempo? Qual è?

Ti ringrazio! A dire la verità no. Il mio primo maestro di canto ci teneva molto a farmi sviluppare il mio modo di cantare, tant’è che quando mi discostavo troppo me lo faceva notare. Forse un po’ per pigrizia non mi è restato che “fidarmi” della mia voce, anche se all’epoca non mi piaceva.

Dopo un Ep che definisce una certa cifra stilistica, quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Fare tanti live e godermi l’uscita dell’EP, anche se ci sono nuove canzoni pronte per essere “sfornate”.

Grazie!

Seguici su Instagram!

Share

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato su tutte le nuove uscite e per non perderti nemmeno un articolo dei nostri autori! Basta solo la tua mail!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share