A tu per tu con la sfacciata (e rivoluzionaria) irriverenza glam di Sibode Dj

In occasione dell’uscita del suo ultimo singolo “Suko” (e il titolo già dice molto, ma non tutto: scoprite da voi che significa, oggi, prendersi “alla leggera sul serio” ascoltandovi il brano), abbiamo fatto qualche chiacchiera con Sibode Dj, alter-ego – ai limiti, talvolta, della nemesi – di Simone Marzocchi (Orchestra Corelli e Teatro delle Albe).

Sibode DJ, sei un pazzo. Spero ci concederai quest’esordio, che ci pare più che azzeccato alla luce della tua discografia e della recente uscita di “Suko”, il tuo secondo singolo per Brutture Moderne. Ce li dai tu, tre aggettivi attraverso i quali inquadrare la tua musica?

Ciao Indielife (si pronuncia indilaif), come va? Ve lo concedo…per stavolta (ride N.d.R.) [l’ho scritta io la N.d.R., in realtà non ho riso]. Certo, ve li do io gli aggettivi:

1.forte 2.ganza 3.sexy 4.quattro.

Come è successo che Simone Marzocchi si è trovato un giorno soppiantato dalla forza propulsiva di Sibode DJ? E’ oggi una coesistenza pacifica o turbolenta?

Ah sì, come successo? Sibode era lì che spingeva, e spingeva, no? quindi c’era già dentro, e poi un giorno…tac! è saltato fuori, così, ed ha iniziato a ballare e cantare e ad insultare la gente, Simone era ammutolito, però poi ha visto che si poteva farci dei soldi… La convivenza non è pacifica, Sibo odia Simo, però Simo sta imparando a lasciare lo spazio a Dj… spero possa andare meglio in futuro…

“Suko”, tra l’altro, ha un video piuttosto intenso ed efficace a chiarire fin da subito la forza eversiva e irriverente di Sibode DJ, che ha evidentemente fatto a pezzi il Simone più composto. La tua musica, a nostro parere, gode di un alto livello di “performatività”: secondo te, oggi, esiste ancora il genere? O è solo un discorso di quanto si interpreta più o meno efficacemente la “parte sessuale” che ci sentiamo calzare meglio addosso?

Simone è spacciato, ahahah! Mah… credo che sia la seconda cosa che dici, quel “calzare meglio addosso” mi piace molto. E poi mi è piaciuto quando hai detto “la tua musica gode”. Dal vivo sì, dicono che sono molto performante, la mia musica è fatta anche da una componente visiva abbastanza forte.

Dicci i tre dischi preferiti di Sibode Dj e mandaci a quel paese nel modo più glamour che puoi.

”The shape of punk to come” dei Refused, “The decline” dei NOFX, “Dalla” di Lucio Dalla, “Il mondo è come te lo metti in testa” di Giovanni Truppi, “Thriller” di M.J., tutta la produzione di Domenico Bini. Grazie per questa bella intervista, baciatemi le chiappette.

Share

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato su tutte le nuove uscite e per non perderti nemmeno un articolo dei nostri autori! Basta solo la tua mail!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share