UNO SCRITTORE INTERVISTA GLI SCRITTORI

Bentornati nel mio ormai famoso salotto virtuale, oggi farò due chiacchiere con lo scrittore Massimo Gagliardini. Come lascio la parola al mio ospite:

1) PRESENTATI, PARLACI DI TE

Sono nato il 2 aprile del 1973 a Siena, città natale ma anche da sempre mia dimora.

Il mio percorso di studi e professionale si è fin da subito incanalato su tematiche strettamente scientifiche:

dopo il liceo, conseguo la laurea in Biologia nel 2002 e trovo impiego lo stesso anno presso una multinazionale del farmaco,

che mi permette un fortunato accesso al mondo della farmacologia e delle scienze mediche. Nonostante la mia predilezione per i temi scientifici,

divento dopo il liceo un serio appassionato di storia e in particolare di certi capitoli storici  quali le grandi guerre, le grandi civiltà antiche, il medioevo e soprattutto i grandi naufragi, come si desume facilmente dal primo romanzo che ho scritto. 

2) QUANDO È NATA LA TUA PASSIONE PER LA SCRITTURA?

Per la precisione sette anni fa, quando ho deciso di dare un senso editoriale ai miei approfonditi studi sul drammatico naufragio del Titanic, avvenuto nel 1912.

3) UNO SCRITTORE È PRIMA DI TUTTO UN LETTORE, CHE GENERE PREDILIGI?

Leggo molta saggistica, il più delle volte inerente temi scientifici (Biologia e Medicina) e storici (medioevo e grandi eventi del del ‘900). Per quanto riguarda la narrativa, prediligo i classici del passato e romanzi a sfondo storico.

Ogni tanto, mi prendo una pausa con romanzi non storici, come romanzi noir o thriller ambientati in epoca moderna. 

4) PARLACI DEL TUO ULTIMO LAVORO E DELLA TUA SCRITTURA

Il mio ultimo (nonché primo) lavoro è un thriller storico noir ambientato ai primi del ‘900, in piena belle epoque e in particolare tra le sontuose sale del transatlantico più tristemente famoso di tutti i tempi, il Titanic.

In “Gelidi abissi”, il contesto storico del naufragio, animato dai veri personaggi che erano a bordo, si interseca con la vicenda thriller dall’alto contenuto emotivo che si ritrovano a vivere i tre protagonisti principali scaturiti dalla mia fantasia.

Il mio scopo era quello di creare una trama thriller accattivante e coinvolgente, facendo in modo che il lettore si sentisse nello stesso tempo parte del viaggio, ovvero che vivesse con gli occhi dei protagonisti gli attimi di terrore vissuti dai passeggeri in quella drammatica notte.

5) EDITORIA CLASSICA O SELFPUBLISHING?

Editoria classica senza il minimo dubbio. Non ho mai preso in considerazione né il selfpublishing né le case editrici a pagamento.

6) SCRIVICI LA CITAZIONE PREFERITA DEL TUO SCRITTORE PREFERITO

Una delle tante del mio autore contemporaneo preferito:

“Considerava i libri un po’ come degli uccelli e non voleva vederli fermi o ingabbiati.” (Italo Calvino, da “Il barone rampante”)

Ti voglio scrivere però anche questo, non è il mio autore preferito ma è uno dei più begli incipit che ho mai avuto modo di leggere:

“Questa è la storia di un uomo chiamato Eddie e comincia dalla fine, con Eddie che muore sotto il sole. Potrebbe sembrare strano iniziare una storia dal finale, ma ogni fine è anche un principio. Solo che, quando sopraggiunge, lo si ignora.”

(“Le cinque persone che incontri in cielo”, di Mitch Albom.

7) SCRIVICI LA CITAZIONE PREFERITA DI UNA TUA OPERA

Tra le mie preferite di Gelidi abissi, anche in questo caso l’incipit:

“Mi chiamo Renard, Renard Odow, e ho ventisette anni. Un uomo nel fiore della giovinezza, direte voi. In effetti avrei un’intera vita davanti, ma non è questo ciò che il destino ha in serbo per me. 

La verità è che sto morendo. Sto per esalare il mio ultimo respiro nel bel mezzo dell’oceano e lo farò nell’anonima infermeria di una nave chiamata Carpathia.”

Grazie a Massimo per la bellissima chiacchierata virtuale. Continuate a seguire la mia rubrica per altri utili consigli di lettura.

Immagini donate dall’autore

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato su tutte le nuove uscite e per non perderti nemmeno un articolo dei nostri autori! Basta solo la tua mail!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui