“Flaubert”: l’educazione sentimentale di Nicolò Marangoni

La tristezza è un vizio e io preferisco questa nostalgia”, afferma Nicolò Marangoni nel suo ultimo brano “Flaubert”. Anni di letteratura non potrebbero effettivamente dargli torto, se pensiamo a quanti classici fondano le proprie narrazioni sulla nostalgia, tanto bella ma tanto amara. 

L’autore decide di raccontarci la propria storia d’amore, e nel farlo, attinge dal cantautorato moderno parole e sonorità pop, che vanno così a delineare le caratteristiche del suo nuovo progetto, cominciato con l’etichetta Believe.

Marangoni, classe ‘99, sembrerebbe far parte di quella fetta di giovani che elogia la prosa e la poesia tanto da trarne un’insegnamento. Il magister vitae questa volta sembrerebbe il naturalista francese, autore di Madame Bovary e dell’ Educazione sentimentale, e che dà anche il titolo al brano. “Flaubert”, insomma, non è soltanto una storia d’amore rivissuta nel pensiero del ricordo, ma una metafora continua tra l’amore e le pagine di un libro.

Nicolò ci spiega che per lui la relazione tra due persone potrebbe somigliare a un capitolo, fatto di pagine, parole, punti. E così a questo se ne susseguiranno dei nuovi, che assommati, uno ad uno, andranno a completare la nostra personale educazione sentimentale. 

Dai libri, come dall’amore, infatti, è possibile trarre un’insegnamento, e Nicolò Marangoni, ha saputo trasformare quanto appreso in “Flaubert”: una storia d’amore non più soltanto intima e personale, ma del mondo. 

Share

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato su tutte le nuove uscite e per non perderti nemmeno un articolo dei nostri autori! Basta solo la tua mail!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share