Bona Fide: l’internazionalità matura di Viva Lion!

Articolo precedenteDomenica indie
Articolo successivoAvarello, indigestione di bellezza

Bona Fide è il nuovo album di Viva Lion!

Dopo Mi casa es tu casa è uscito il nuovo disco di Viva Lion!, al secolo Daniele Cardinale.
Bona Fide è il titolo della raccolta di undici tracce che compongono un lavoro che, nelle parole del suo stesso autore, è “in buona fede, genuino, reale. Se le influenze musicali sono quelle dei tre produttori ed amici che ci hanno lavorato (Federico Nardelli, Federico Coderoni e Giampaolo Speziale, ndr), nei testi ci sono introspezione, amore e perdita”.
L’uscita del disco è accompagnata dalla clip video del singolo Boomerang, che è già in piena rotazione radio.

Un indie non italiano

Bona Fide è un disco indie, ma molto più in senso oltreoceanico che italiano.
Prima di tutto, Viva Lion! canta in inglese, cosa che porta l’ascoltatore italofono a non concentrarsi subito sulle parole, ma a trovarsi di fronte alla canzone come ad un insieme di testo e musica.
In secondo luogo, la produzione non è quella tipica della musica indipendente, ma tocca sonorità vicine a quelle di gruppi come Other Lives e Low Roar, cioè gruppi sì indie, ma targati USA.
Brani come Silverlin o Cardabello non possono non ricordare lo stile scarno chitarra-voce del cantante statunitense autore di brani come Give Up e Patience, mentre chi conosce Tamer animals non potrà evitare di correre col pensiero a quelle sonorità ascoltando Boomerang o AM.
Quello che sorprende è che la dichiarazione d’intenti dell’autore appare del tutto rispettata: questo Lp arriva all’ascoltatore come un lavoro intimo e al tempo stesso estremamente maturo, tanto da potersi confrontare immediatamente con brani e dischi di autori americani ben più quotati.

Questa maturità è possibile grazie all’intenso lavoro internazionale di Viva Lion!, abituato a girare in Europa e nelle Americhe e a confrontarsi con nomi di spicco come Stereophonics e The Fratellis.
La sua dimensione internazionale, oltre che dalla lingua dei testi, è data dal fatto che il mixaggio sia stato operato a cavallo tra Roma e Berlino, due capitali sicuramente ricche di spunti intellettuali e musicali: se nella capitale tedesca è stato girato il video di Boomerang, è in italiano il featuring di Deal, con Chef Ragoo.

Bona Fide è valso i cinque anni di attesa che lo hanno preceduto, il suo autore dimostra sensibilità e consapevolezza di sé e dei propri mezzi, producendo un lavoro che meriterebbe ben più fama (in terra italiana soprattutto) di quella poca che probabilmente è condannato ad avere.


Share

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato su tutte le nuove uscite e per non perderti nemmeno un articolo dei nostri autori! Basta solo la tua mail!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share