La “Tropical beach” di ADRIANO

Author

Categories

Share

Adriano Di Mauro è un’artista di origini siciliane, un musicista, un illustratore, insomma un creativo che oggi più di prima fa della musica il suo mestiere! Colgo l’occasione dell’uscita del suo ultimo brano Tropical Beach per saperne di più della sua musica! Ecco per Indielife l’intervista di ADRIANO!

Com’è nato il tuo progetto musicale?

Il mio progetto musicale è nato nel 2017. In quel periodo vivevo a Milano e iniziai ad avvicinarmi alla produzione musicale usando il computer e alcuni software per registrare. Iniziai a comporre le mie prime tracce, che erano totalmente strumentali. Quando tornai quell’estate in Sicilia, a Catania, iniziai a scrivere i miei primi testi in italiano. Poi incontrai i ragazzi de L’Eretico Booking, con cui avviammo il progetto, partendo con il primo singolo, “Vieniconme”.

In quale genere rientra la tua musica?

La mia musica rientra sicuramente nell’indie italiano, perché si avvicina molto a quelle sonorità, anche se mi sento influenzato da tantissime altre cose e mi piace molto cercare di inserire nella mia musica generi che in qualche modo non si identificano troppo in un solo modo di vedere la musica. Mi piace l’idea di poter non rendersi conto, certe volte, a quale genere appartiene un brano.

Com’è nato il tuo singolo “Tropical beach”?

Tropical Beach è nato quell’estate in cui tornai a Catania da Milano. Era una sera d’estate, appunto, ero fuori in cortile a casa mia, iniziai a scrivere il testo e un già avevo anche la melodia in testa. Poi in realtà l’ho ripreso ultimamente, durante il lockdown: mi trovavo, come tutti, a casa, ero bloccato con la mia ragazza, che ha contribuito a far nascere nuove idee per questo brano, che inizialmente era nato come un brano estivo, allegro; cosa che tuttora è, però abbiamo inserito insieme degli elementi che facessero riflettere sul contrasto che c’era in quel periodo tra la realtà esterna e la realtà virtuale che tutti stavamo vivendo, perché non potevamo vivere altro se non la casa e lo schermo.

Come nascono le tue canzoni?

Le mie canzoni nascono innanzitutto per l’esigenza di trasmettere un messaggio, che per me è quello di dare un po’ di leggerezza alla vita. Vedo spesso persone che si fanno condizionare dai problemi, non riescono a vivere in modo tranquillo certe dinamiche e mi piacerebbe trasmettere questo messaggio, di prendere con più leggerezza certe cose. Senza togliere importanza ai problemi, ma anche senza vedere il bicchiere mezzo vuoto. Quindi invito anche a vedere il bicchiere mezzo pieno, cioè entrambe le parti.

C’è un po’ di Sicilia nella tua musica?

Sì. Sicuramente non mi sento influenzato dalla cultura musicale siciliana, ma mi sento un sacco influenzato dalla Sicilia come atmosfere, come paesaggi, dalle persone che vivono in Sicilia. Io sento in Sicilia una forte teatralità, un modo molto allegro di esprimersi. E questo mi condiziona tantissimo.

ADRIANO

Quali sono le tue influenze musicali e quali artisti ascolti di più?

Mi sento un sacco influenzato dagli anni Ottanta e Settanta e mi influenza molto la musica disco dance e un po’ anche il funk. Ma in realtà poi tutto si mischia anche con l’elettronica, mi piace davvero ascoltare tantissima roba. Gli artisti che ascolto più recentemente e che credo mi stiano influenzando sono Rejjie Snow, Tyler The Creator, Todd Terje e molti altri.

Con chi ti piacerebbe collaborare per creare un singolo e/o un album?

In Italia sicuramente ci sono due dei musicisti che al momento apprezzo di più, soprattutto se devo pensare all’aspetto della produzione musicale, della creazione di un brano insieme a qualcuno, e sono Niccolò Contessa e Cosmo. Sono dei musicisti e produttori che ammiro perché secondo me sono riusciti a incastrare bene delle sonorità che in Italia, nella cultura musicale italiana, non erano considerate molto pop, ma sono riuscite a farle diventare pop.

Adriano conclude dicendo…

Mando un saluto a tutti e saluto i ragazzi di Indielife. Ciao!

Guarda la video intervista di ADRIANO su Instagram e YouTube!

Leggi anche l’intervista di IRuna!

Author

Share