Her Bloomatches, “Marmalade Dreams” è l’album d’esordio – Recensione

Her Bloomatches è il nome della band nata a fine 2018 a Monza. Possiamo ascoltare ora il loro album d’esordio, “Marmalade Dreams”, anticipato dal singolo “Jane”. Contenente sette tracce, che arrivano anche ai 5 minuti di durata, l’album è piuttosto etereo e malinconico

 Il sound in generale rimanda un po’ al dream-pop d’oltreoceano, stile London Grammar. I brani sono ben strutturati, in un crescendo di intensità, guidato da una voce femminile calda e determinata. Per quanto sia un album caldo e avvolgente, non rinuncia a momenti più pungenti e se vogliamo, anche più tesi. Una tensione che viene smorzata dai suoni morbidi delle chitarre, molto liquide e contornate dal riverbero.

Considerevoli anche le linee di basso, che lasciano pensare che alla band non sia mancata l’influenza di stampo Radiohead. Si tratta di brani narrativi, che raccontano di temi come la solitudine, l’amore, la verità, in modo non banale, in lingua inglese e con grande espressività.

Ma il tema principale dell’album è la ricerca, ricerca della giusta atmosfera per quanto riguarda i suoni, ricerca di sé stessi, considerando i testi.

Come si è detto, l’ispirazione britannica della band è piuttosto marcata, ma l’attitudine nel complesso è molto credibile e personale.

Per essere un album d’esordio, la band Her Bloomatches si pone come una realtà molto interessante e promettente.

Chissà questi brani come potrebbero essere resi bene in una dimensione live.

Leggi anche la guida all’ascolto dei singoli di aprile!

Seguici su Instagram!

Share

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato su tutte le nuove uscite e per non perderti nemmeno un articolo dei nostri autori! Basta solo la tua mail!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share