In the car: i MonMonday e la rimozione post-traumatica

Author

Categories

Share

In the car: il singolo post-trauma dei MonMonday

I MonMonday, al secolo Mathieu Bequet e Remo Spezza, sono un duo elettrowave italo-belga. In the car è il loro nuovo brano, pubblicato il 22 giugno (video in uscita il 26 giugno).
In the car ha un valore particolare per i membri del duo, e in particolare per il cantante belga: viene infatti rievocato un fatale incidente in auto che ha portato via sua madre. Nel drammatico momento dello schianto sul veicolo erano presenti anche Mathieu e Tristan, i due figli della donna deceduta. La canzone, dedicata a Tristan, non tratta però l’incidente in sé, quanto delle differenze mnemoniche tra i due.

Oblio

Mathieu non si ricorda più cosa sia successo. Sa che sua madre non c’è più, ma la sua memoria gli impedisce di ricostruire la dinamica dell’incidente.
Tristan, invece, sa benissimo cosa è successo; forse vorrebbe non saperlo, ma i dettagli sono stampati tra i suoi ricordi.
Con In the car i MonMonday offrono il racconto di questa discrasia, parlando dell’oblio e del meccanismo di rimozione del trauma che segue un evento drammatico come quella tragedia del 1998.
Il pezzo, per quanto triste, non è morboso nel ribadire i dettagli della vicenda, dato che il tema portante è la dimensione del ricordo e della sua impossibilità di fronte a un fatto talmente doloroso da dover essere allontanato e nascosto dalla mente.

Elettronica e post-punk

Dal punto di vista musicale, il nuovo singolo dei MonMonday è debitore della tradizione elettronica anni ’80 (stile Depeche Mode), ma la produzione di Remo Spezza e il mixaggio di Federico Fontana lo avvolgono in un’atmosfera malinconica che ricorda le sonorità post-punk.
In the car, a discapito del tema duro che affronta, si presenta come un brano completo se visto nella tradizione cui appartiene, data la sua coerenza stilistica con tutto il lavoro che è in campo elettronico-syntwave negli ultimi 15/20 anni.

Author

Share