“Precipitare” dall’Apice, che significa?

Author

Categories

Share

No, non stiamo per cercare una risposta. Stiamo trovando la domanda che si nasconde nel nuovo singolo di Apice “Precipitare”. Un brano che ha il sapore e il potenziale di un inno generazionale, con interrogativi soffusi, personali ma condivisibili.

Un brano che ha le stesse sfumature del mare al tramonto, del momento in cui la luce del sole si fa onda e precipita come quei discorsi che la corrente porta via.

“Precipitare”

Ascoltare questo singolo significa colorare la malinconia e lasciarsi “Precipitare” in sensazioni inevitabili e forse recondite. A vostro rischio e pericolo.

“Precipitare” è un termine che ha molte sfacettature. Non è necessariamente legato ad un’accezione distruttiva. Forse precipitare è anche un modo per conoscere il buio e imparare a orientarsi meglio.

Apice ci racconta con inedita forza e sensibilità il suo modo di affrontare le cadute. Che per un cuore disordinato non sono altro che un’occasione per vivere di più.

Ma chi è Apice?

Manuel Apice, in arte “solo” Apice è un artista dalla malcelata emergenza espressiva. Del resto ci aveva già raccontato del suo “Beltempo” nel suo album d’esordio per La Clinica Dischi.  Il cantautore ligure classe ’95 mette in musica il giusto connubio tra silenzio di una generazione un po’ dispersa e voglia di farsi ascoltare.

Noi di Indielife abbiamo chiacchierato con lui per saperne di più!

Guarda il video dell’intervista!

“Chissà come si riesce a non vivere più

(dal brano “Precipitare”)

Fonte: Worilla Press&Promotion

Instagram: Apice, Indielife

Author

Share