Ahia!: il nuovo ep dei Pinguini Tattici Nucleari

É uscito il 4 dicembre il nuovo ep dei Pinguini Tattici Nucleari intitolato “Ahia!”. Un disco di sette tracce che ci immerge nei problemi della generazione attuale. Non potevano scegliere titolo più azzeccato per questo nuovo progetto discografico, un grido che molto spesso viene utilizzato per segnalare dolori fisici, ma in questo caso dolori anche dell’anima. Un grido che forse in tanti, al termine di questo 2020, ci ritroviamo a pronunciare, ma che loro lo rendono più leggero grazie alle note fresche che ci fanno cantare e ballare dal primo all’ultimo brano.

Si parte subito con Scooby-Doo, la descrizione di una ragazza, dei suoi sogni e delle sue abitudini, ma soprattutto la voglia di conoscerla a fondo. “Voglio quello che tu non mi mostri, i tuoi demoni e tutti i tuoi mostri. Ciò che pensi quando resti muta, tutti i dubbi su cui sei seduta.” Così cita il ritornello, una richiesta esplicita, quella di riuscire a mostrare sé stessi senza paura del giudizio e il timore di sentirsi sbagliati.

Quasi come un mantra segue Scrivele scemo. Un consiglio e uno sprono a buttarsi, a scrivere quelle parole che a volte fanno così paura. “Scrivile, scemo, tre parole in croce poi scappa lontano, poi perdi la voce”.

Si continua con Bohémien, la descrizione di una convivenza andata male, che ci illude in un lieto fine, per poi rituffarci nell’amara realtà, nel sogno di un piccolo bohémien che vorrebbe passare le feste con la sua amata e la sua famiglia, “ma tu non puoi venire”, come cita alla fine del brano.

Il disco prosegue con Pastello Bianco, una storia d’amore finita durata una vita. Una strofa canta: “Che noi due ci conosciamo bene dalla prima elementare e scrivevo tutti i miei segreti col pastello bianco sul diario. Speravo che venissi a colorarli e ti giuro sto ancora aspettando!”. Sottolinea come si spera sempre che la persona amata ritorni prima o poi tra le nostre braccia, ma come molto spesso l’illusione è dietro l’angolo e questo momento non arriverà.

Subito dopo c’è La storia infinita, il ricordo vivido di un’estate meravigliosa. “Perché sei stata l’estate migliore della mia vita è la verità, sembrava la storia infinita ma forse era solo la felicità

Il penultimo brano è Giulia, un nome di donna che racchiude in sé la sofferenza di un tradimento e, a concludere l’ep c’è Ahia, il ricordo di un amore finito, la voglia di dimenticare e, allo stesso tempo, “per quanto mi sforzi, sei tutto ciò che mi resta”.

Un ep da ascoltare tutto d’un fiato, per emozionarsi, rivedersi dentro e piangere o, come dicono in Pastello Bianco, togliersi il mare dagli occhi.

nuovo ep pinguini tattici nucleari

Buon ascolto:https://open.spotify.com/album/0b2peKNz7zmn4xIxfPBUPa?si=XpLsWto8SHG_6ep3vKxH8g

Share

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -
Share
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram