La catarsi di “Origami”, il disco d’esordio di Immune

Articolo precedenteIl rap dialoga con Dante
Articolo successivoA Rio de Janeiro con Buva

Immune, noi di Indielife, lo avevamo ospitato virtualmente sulle nostre colonne all’incirca un mese e mezzo fa, quando la nostra fanzine è stata trasformata, per lo spazio di una live session, nella prima tappa del suo DPCM (Dal Palco di Casa Mia) Digital Tour: fu l’occasione perfetta per riassaporare l’ormai remoto gusto del palco (seppur virtualmente), alimentando l’attesa per quel disco d’esordio che finalmente ha visto la luce, consegnandosi ieri alle orecchie di pubblico e addetti al settore.

Origami“, e nessun titolo poteva essere più azzeccato di quello scelto da Immune per raccontare la manifattura artigianale, paziente e complessa dei dieci brani della tracklist, che attraverso quello speciale gioco illusionistico che da sempre avvicina arte e magia riescono a far credere all’ascoltatore di trovarsi di fronte a qualcosa di bellissimo perché semplice – come una cassa in quattro o come, appunto, un origami – ma che in realtà nasconde nelle sue sfumature policromatiche il gusto complesso della ricerca e della sperimentazione.

Sin dai primi secondi di “WA”, emerge tutto l’afflato elettronico dell’anima noir di Immune: sintetizzatori e delay sembrano essere gli strumenti principali della rivoluzione estetica che il cantautore piemontese persegue, fondendo poesia e dancefloor nella tessitura curata di una produzione intelligente ed eclettica; “Origami”, la titletrack, è l’urlo liberatorio che, dopo l’afasia frammentata dal retrogusto orientaleggiante dell’introduzione, si concretizza nella rabbia del manifesto: “Chiuso in un barattolo”, “Prima di te”, “Guardandomi” e “Scura” offrono all’ascoltatore l’autopsia di un amore diventato catena, corona di spine condivisa con chiunque nella vita abbia amato veramente; ecco perché “Origami” assomiglia ad un processo di auto-terapia, certo, ma che spinge verso la catarsi: nella storia di Immune si specchiano le storie di tanti, rendendo così il disco un racconto che si fa comune, di tutti.

“Profondo Blu”, “Discoparty” e “Evadere” aprono invece spioncini luminosi da cui filtra la luce necessaria a non far demordere il cuore, che in “Invisibile” pare trovare la dimensione perfetta per l’accettazione delle proprie debolezze, trasformate ora in punti di forza. Insomma, “Origami” è una lezione di musica e filosofia quotidiana, utile a ricordarci che, nonostante le distanze siderali, non smettiamo di essere vicini nella nostra umana predisposizione, come direbbe De André traducendo Cohen, «al trionfo e al pianto».

Bravo Immune, ci hai già fatto salire la voglia di un secondo disco.

Share

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -spot_img
Share