Comett – Love is what you make it

Author

Categories

Share

Comett – Love is What you Make it

Love is what you make it di Comett è un brano dal ritmo incalzante e dalle sonorità elettro-rock/pop tratto dal terzo album “Method“. Il brano, cantato in lingua inglese si prefigura come un ritorno alle origini dell’artista francese.

Love Is what you make it
  • Originalità
  • Qualità Audio
  • Tecnica
  • Feeling
4.4

Voto Complessivo

PRO:

  • Pezzo orecchiabile con sonorità tipicamente Syntho-Rock.
  • La melodia è aggraziata e accompagna il testo con leggerezza. 
  • testo diretto ed efficace riesce con la sua semplicità a colpire al primo ascolto.

CONTRO:

  • Voce intonata, ma si perde nell’espressività 
  • Seconda Voce, un po’ anonima mi sarebbe piaciuto che fosse risaltata di più 
  • Respiri vocali, in alcuni punti malgestiti

Opinioni

Questo brano interpretato da Comett è per me una vera scoperta e sicuramente di questo artista francese, che ormai è arrivato al suo terzo album, ne sentiremo ancora parlare. Il brano ricorda molto nelle sonorità i grandi classici degli anni tanto in voga ’80 e ’90 e che in questo decennio stanno ritornando di moda. Il punto forte di questo brano è sicuramente il sapiente uso della tastiera, unito alla voce a mio dire quasi eterea e spettrale. La chitarra infine accompagna con dolcezza la melodia dall’inizio alla fine.

A mio parere, questa canzone, ha ben pochi difetti. La voce, per quanto si intoni e si amalgami con il brano, appare a tratti tremante, come se gli mancasse del coraggio. I respiri in alcuni punti, sono inoltre malgestiti e la seconda voce appare quasi anonima laddove è impiegata.

Conclusioni

In conclusione, posso dire che è questo brano di Comett, è senz’altro coraggioso che ripropone una leggerezza musicale che ormai si sta perdendo. Il testo è poetico, semplice e senza particolari fronzoli e viene accompagnato con grazia dalla chitarra per tutta la durata del brano. Il tema dell’amore viene espresso con gentilezza. L’amore è un sentimento che non dovrebbe mai essere dato per scontato anzi, come canta Comett, bisogna trattarlo delicati guanti.

Nonostante mi sarei aspettata più sicurezza nell’espressività vocale, il brano ha centrato a pieno il suo obiettivo iniziale. Lo consiglio a chi cerca della musica da ascoltare in pace e tranquillità magari con un bel libro in mano oppure durante una gita on the road.

I diritti della foto in evidenza appartengono alla pagina di Facebook di Comett

Author

Share