ULTIMI ARTICOLI

Gaza ci racconta di tutti i suoi “STRATI”. Intervista

Gaza ci presenta il suo primo Ep da solista, “STRATI“, in cui parla di sé e a sé; una lettera a Federico, scritta su un flow trascinante, che mostra tutte le sfaccettature dell’artista. Strato dopo strato.

Un percorso dentro la psiche del giovane artista che giunge ad una conclusione: diventare la luce in mezzo al buio quando non riesce più a trovarla al di fuori di sé.

Intervista a GAZA per “STRATI”

Ciao Gaza! Abbiamo ascoltato il tuo nuovo album “STRATI”, che come il nome suggerisce analizza le parti che compongono il tuo animo. È stato difficile per te spogliarti di ogni strato superficiale nello scriverlo?

Ciao! Per quanto riguarda gli strati superficiali no, non sono stati tanto problematici quanto quelli interiori, che ho trovato difficili da sviscerare. Nonostante io pensi di essermi messo parzialmente a nudo con questo EP (direi che sarebbe un venti percentuale). La mia scelta artistica infatti è quella di spalmare su un maggior numero di canzoni ciò che mi compone, sia
per volontà che per la mia maturità artistica e personale in continua evoluzione. Questo richiede tempo per approfondire diversi aspetti che mi riguardano, facendo sì che col passare del tempo arriverò a trasmettere in modo più diretto e chiaro ciò che vorrò raccontare.

Con il tuo produttore fidato Chryverde hai deciso di ispirarti, a livello di produzioni, agli anni 80. Perché questa scelta? Che tipo di sapore volevi dare all’opera?

Ad essere onesto non c’è un reale perché di questa scelta. Se non per la nostra voglia di rimanere coerenti portando un certo tipo di suono per tutta la raccolta di brani. In ogni caso, penso che queste produzioni nel suddetto stile diano un tocco di classe, professionalità e duttilità per quanto riguarda la vastità di pubblico (in termini d’età) che potrebbe andare a “colpire” lasciando appunto l’ascoltatore soddisfatto sia per quanto riguarda i giovani nostalgici di suoni che ricordino gli anni 80, che di adulti, pur sempre nostalgici in quanto possano rivivere momenti passati con il solo ascolto.

Ritroviamo nei tuoi testi una forte sicurezza e grandi speranze nel futuro. Da cosa deriva
questa tua indole così positiva e resiliente?

Diciamo che quella voglia di rivalsa che si sente nei testi che vanno a comporre questo Ep, sia volutamente in contrasto con la parte di opera più triste ed autocritica. Come un saliscendi di emozioni. Da una forte tristezza e un clima di rassegnazione, spesso nella medesima canzone, si passa ad una risalita personale, ad una reazione positiva e portatrice di speranza nei confronti del futuro.

Caratteristica che strizza l’occhio ad un altro elemento/argomento che ho voluto velatamente trattare, ovvero quello del bipolarismo. In ogni caso, come avete colto subito dopo o durante l’ascolto, è un aspetto che ho sempre avuto. Una grinta interiore, (che si alterna ad un assottigliarsi della stessa) una voglia di “spaccare il mondo” in senso positivo che ha sempre fatto parte di me e che quindi definirei come innata qualità che compone la mia persona, non derivante da un qualcosa od un evento in particolare.

Qual è il tuo brano preferito di “STRATI” e perché?

Il mio brano preferito di STRATI è LACRIME SALATE, in quanto sia una traccia davvero toccante e in grado di, mi metto nelle vesti di ascoltatore, farmi sentire capito e meno solo. Tutti versiamo stesse lacrime salate. Ho due piccoli aneddoti che mi legano particolarmente a questo brano, vado per importanza: È uno dei pochi fino ad ora, che è stato capace di emozionare me e mia madre tornando da lavoro
in macchina. Per giunta, ho preso spunto, per quanto riguarda il titolo, da quello di un capitolo di un libro che mi ha colpito ultimamente e aiutato a crescere, nonché la storia di Siddartha Gautama. A “capo” del pensiero Bhuddista che da qualche tempo mi accompagna come nuova filosofia di vita.

Come inizia il tuo rapporto con la religione buddhista e quanto essa influenza la tua musica?

Riporto spesso riferimenti a questa corrente di pensiero nelle mie canzoni, in quanto si tratti di un buon 80% delle mie letture fino ad ora. Anche con uscite prossime al di là di questo Ep, sentiremo diverse citazioni e temi trattati a riguardo. Mi sento quindi di dire che influenzi in
maniera positiva sia ciò che scrivo che ciò che vivo. Per quanto riguarda il mio avvicinamento a questa cultura, non ho una data od un avvenimento preciso che l’abbia scaturito. Ho semplicemente ritenuto, guidato da stupore e curiosità, che sarebbe potuto essere un ottimo cavillo per poter ampliare le mie argomentazioni nelle canzoni oltre che, cosi come strada facendo è emerso, un ottimo compagno di vita a cui rifarsi ogni qualvolta ce ne fosse bisogno; l’ho presa un po’ come un buon amico in grado di dare ottimi consigli e pareri sul come a:rontare diverse situazioni di vita quotidiana.

Ora che hai raccontato e sfogato tutte le tue lotte e sofferenze celate, cosa dobbiamo aspettarci in futuro dalle tue canzoni?

Per il futuro, c’è da aspettarsi, guardando il mio roster di canzoni alla mano inedite oltre a quelle che ancora sono da comporre, un racconto sempre più dettagliato (almeno questo è l’obiettivo) di tutte le mie lotte e sofferenze celate che ancora sento di non aver completamente
argomentato. Oltre a ciò però, mi sono concesso e mi concederò più leggerezza. Nonché canzoni comunque capaci di avvolgere l’ascoltatore il quale potrà apprezzarne sonorità, capacità stilistiche, flow e metriche nuove ed originali. Lanciando anche messaggi positivi e motivazionali derivanti dalle mie interpretazioni e prestazioni.

“FORSE FORSE” alla fine ci si salva. Intervista a Sergio Ruggeri

Sergio Ruggeri è tornato, con la sua “Forse Forse” pubblicata con La Crème Record, il 2 di febbraio.

“Forse Forse” è un pezzo indie pop che racconta la fine di una relazione tossica da cui il cantautore, sebbene con qualche ferita e livido, riesce a uscire vincitore.

Dopo che uscite da una rissa vi rendete conto di esservi fatti male, ma comunque è un male per il quale dopo due o tre giorni guarite, acquisite la consapevolezza di non essere fatti di carta e le cose si sistemano, si va avanti comunque“.

Intervista a Sergio Ruggeri

Dici che il dolore di un amore passa, come passano i lividi dopo una rissa. Ma tu, in una rissa, ci sei mai effettivamente finito?

L’amore per forza di cose è già di suo dolore, come penso allo stesso tempo che il contrario di amore sia morte. Penso che metaforicamente ci possano essere delle analogie ma i processi di guarigione sono diversi… dipende sempre dalla persona che sei e dalla tua storia. Con la violenza – nella sua totalità – non ho nulla a che fare, ma in passato ho commesso errori dovuti ai periodi in cui mi trovavo, alla curiosità e sicuramente all’inquietudine del tempo. Aggiungo che non esistono giustificazioni ad un atto violento.

Da laurea in economia ad attore, a cantante. Quando e perché hai scelto di dedicarti interamente alla creatività/arte?

Ho fatto economia senza laurearmi. Mi sono avvicinato al “cinema” ma è meglio dire alla recitazione per cercare di superare dei limiti. La recitazione permette di scoprirti, chi recita ricerca e può essere qualcos’altro portandosi sempre con sé. Esprimersi è importante, ognuno ha la sua maniera, trovate la vostra e iniziate. La scrittura per me è terapeutica, ho proprio bisogno di scrivere. Nelle canzoni trovi tutto di me, forse pure troppo…

Descrivi il momento esatto in cui hai cominciato a scrivere “Forse Forse”.

“Forse Forse” è l’episodio di una serie, una serie scritta in breve tempo, non so dirti il momento preciso in cui l’ho scritta, mentirei. Posso dirti che è arrivata sinceramente e quando ho quella sensazione mi chiudo e la scrivo. È una canzone a cui tengo, non sarebbe neanche dovuta uscire se ci penso…

In casa respiravi aria di musica, quale? In che modo ha influenzato la tua scrittura?

A casa mia, mia madre è la musica. Con lei ho scoperto il mondo della musica, è una passione che mi ha trasmesso. Sicuramente non ci sono generi ben precisi che hanno segnato la mia infanzia o adolescenza, a casa potevamo ascoltare di tutto. I cantautori delle passate generazioni sono ovviamente un’ispirazione ma so di avere un mio modo di raccontarmi, spero di riuscire a portarvi dentro al mio mondo.

Come ci si sente rinati dopo una relazione tossica?

Le relazioni tossiche, le persone tossiche all’interno di una relazione, sono la droga più forte da espellere… Immaginatevi di drogarvi non sapendo di drogarvi, tutti i giorni, per mesi o per anni. Amatevi, che chi vi merita vi amerà a prescindere sennò fanculo.

Un saluto ai nostri lettori!

Ciao ragazzi, vi aspetto al primo live, lì saremo noi veramente.

Accettando i propri “Demoni” – Intervista a Flora

0

Flora è tornata per parlarci dei suoi “Demoni” personali. Dopo l’inno alla vita e alla spensieratezza che abbiamo sentito in “Marechiaro”, siamo passati a un tema più introspettivo.

Ognuno di noi ha i propri “demoni” ed è giusto che li abbia, come ci ricorda Flora. Questo nuovo singolo parla proprio della capacità di ognuno di noi di accettare le proprie debolezze.

Intervista a Flora su “Demoni”

Il tuo nuovo singolo “Demoni” è quasi un’antitesi alla tua precedente “Marechiaro”. Cosa ti ha spinta a scrivere questi due brani contrastanti nel contenuto?

“Marechiaro” e “Demoni” rispecchiano i due lati complementari ma contrastanti della mia persona: da una parte l’energia positiva, l’euforia, dall’altra una visione più tormentata dell’esistenza, l’ansia, le paranoie. Ho accettato queste due parti di me grazie ad un lavoro di introspezione. La scrittura poi è venuta naturalmente.

“Demoni” è il tuo modo di accogliere il lato più ansioso e tormentato di te stessa. Ti è stato facile accettare questa tua indole? La musica ha avuto parte importante?

Non è stato facile e probabilmente la musica ha contribuito ad alimentare le mie ansie. Avere un obiettivo di vita, decidere di dedicarsi in toto allo sviluppo di una carriera musicale talvolta è difficile. I traguardi si fanno sempre più importanti, il lavoro è tanto. Sto pian piano riuscendo a lasciare indietro questo aspetto per dedicarmi unicamente a ciò che di bello può darmi la musica: le emozioni, l’adrenalina, la ricerca infinita, l’euforia.

Mantieni un’impronta musicale molto dance ed energica nonostante il tema oscuro che affronti. Questo significa che ballare coi propri demoni è la chiave per stare meglio?

Nei miei brani porto un messaggio di accettazione, di normalizzazione e ho voluto scegliere un sound dance per sottolineare la tematica di cui parlo che risulta ancora più enfatizzata dalla ritmica quasi ossessiva. 

Il cantautorato è una parte fondamentale della tua ricerca musicale. A chi ti ispiri nella scrittura dei pezzi? Quali sono le tue principali influenze?

Nel momento della scrittura cerco di non ispirarmi ad un artista in particolare. Prima di organizzare l’arrangiamento e pensare alla produzione realizzo però una playlist di reference che mi serviranno per entrare nel mood del brano sul quale sto lavorando e dalle quali posso attingere per i dettagli sonori. Ho dei riferimenti musicali molto eterogenei e i miei ascolti cambiano molto in base al periodo della vita che sto vivendo. La costante rimane il cantautorato italiano: Battisti, la scuola genovese, Rino Gaetano, Gaber. In questo periodo spazio dai The Weeknd, Daft Punk a De Andrè ed Elodie.

Dal lato della produzione sei accompagnata da Francesco Pisapia. Perché hai scelto proprio lui per la tua musica, al punto da integrarlo anche nella produzione di “Demoni”, curata principalmente da Renato D’amico?

Avevo bisogno di una persona che potesse dare ai miei brani un sound più elettronico, contemporaneo, i cui ascolti e reference musicali si discostassero molto dalle mie. In Francesco ho trovato un producer che rispecchia queste caratteristiche, una persona attenta e pignola come me, un lavoratore talvolta maniacale. Per questo ho scelto di affidargli la produzione dei miei futuri lavori e di integrare il suo gusto musicale nei due brani che avevo già prodotto con D’amico nell’ottica di creare un lavoro il più possibile omogeneo. 

Nasci e cresci a Roma, ma nella vita hai viaggiato tanto per studiare musica. Perché decidi di approdare a Milano? Trovi più ispirazione nella bella Roma o nella tua attuale, ed immagino frenetica, vita milanese?

Milano è un vortice di energia pazzesco, non saprei immaginarmi in un posto diverso in questo momento della mia vita. Qui ho trovato tanti stimoli, ho incontrato persone meravigliose, ho messo radici concrete per il mio futuro musicale. Mi sono trasferita attirata all’idea di città perennemente in movimento che talvolta sembra soffocante ma al contempo restituisce grandi soddisfazioni. Certo, Roma rimane la città più bella del mondo, la mia vera casa, e probabilmente il posto dove tornerò a vivere tra qualche tempo. 

L’ispirazione riesco a trovarla un po’ dappertutto fortunatamente. Oramai le mie canzoni non sono più legate unicamente all’idea di ispirazione ma anche alla pratica. 

Per concludere con la frase finale di “Demoni”: “Mi tengono sveglia, a immaginare, un altro finale, lontano da qui”. Se ti chiedessimo ora, che finale ti stai immaginando?

Nel brano faccio riferimento ad un finale alternativo a quello che nei momenti di panico e di ansia sembra essere un finale già scritto: un finale fatto di buio e nessuna soluzione, di rassegnazione. Quello che invece immagino per me è un finale luminoso, fatto di passione, amore, serenità e bellezza e ovviamente musica. Il finale che vorremmo un po’ tutti:)

“Cara maestra ho di nuovo perso” di SELENIO: recensione

0

“Cara Maestra ho di nuovo perso” è il nuovo singolo di SELENIO per TSCK Records, che vede la partecipazione di Francesco Lettieri: un brano che intreccia nostalgia, gratitudine e speranza. Attraverso la penna ispirata di SELENIO, moniker di Ciro Zerella, il brano diventa un viaggio sensoriale nel mondo pedagogico e non solo dell’artista irpino.

La canzone, carica di emozione e poesia, pone la figura dell’insegnante al centro del discorso musicale, questa si eleva come faro guida nella vita dell’artista. La “Maestra” del titolo non è solo un personaggio, ma un simbolo di saggezza, affetto e orientamento. Le note si dipanano come ricordi vividi, rievocando i momenti scolastici e anche la scuola stessa vissuta come un luogo di formazione, crescita e sostegno.

Francesco Lettieri, vincitore di Musicultura, contribuisce con la sua maestria pianistica e la sua sensibilità, arricchendo ulteriormente il brano. La collaborazione tra i due artisti si traduce in un’armonia perfetta di suoni e significati.

Il testo tocca corde emotive profonde, esplorando la resilienza, l’affetto e il desiderio di rialzarsi dopo ogni caduta. La canzone diventa una dichiarazione di gratitudine per coloro che, nella nostra formazione, hanno agito come delle guide preziose.

La melodia, talvolta malinconica, talvolta radiante, segue un percorso artistico che fonde il cantautorato classico ad elementi pop più moderno. SELENIO mostra ancora una volta la sua versatilità, accogliendo influenze e contaminazioni, creando una traccia che risuona profondamente nell’animo di chi ascolta.

In definitiva, “Cara Maestra ho di nuovo perso” si eleva oltre il semplice brano, trasformandosi in un’ode a chi è stato davvero un maestro e insegnante di vita per noi al di là degli obblighi scolastici, una connessione intima tra passato, presente e futuro.

Parlando di bugie tra le “Dune” di 24ORE, intervista

Il 17 novembre è in uscita “Dune” il nuovo singolo del cantante 24ORE. Un singolo particolare, non solo per ciò di cui tratta, ovvero le bugie bianche che amiamo raccontare a noi stessi, ma anche per le diverse modalità di presentazione.

No spoiler, ma in questa storia si parlerà di Fuerteventura, di incontri fortunati e di video musicali. Ma anche di un sito nato ad hoc per raccontare “Dune”.

Ve lo facciamo raccontare dall’artista.

Intervista a 24ORE su “Dune”

Dune è un pezzo che si regge su una bella e importante metafora. Ti va di “spacchettarla” e di parlarcene un po’?

A marzo 2023 sono stato in vacanza a Fuerteventura e sono stato da subito affascinato dalle Dune di Corralejo. Le guardavo e contemplavo l’immensità di un elemento così grande fatto da granelli così piccoli. Le Dune sono bugie, si sgretolano tra le mani mentre le guardi da vicino. E’ lo stesso meccanismo che accompagna le relazioni: ci sono tante bugie che si dicono, spesso a fin di bene, le cosiddette “bugie bianche”. Ma a queste poi ci si abitua, invecchiano, ed è un attimo a passare dalle “bugie bianche” alle “bugie gialle”. Granelli di sabbia che si accumulano un po’ alla volta, portati dall’imprevedibilità delle esperienze e del trascorrere quotidiano dell’oceano che bagna le spiagge e che porta con se, un po’ alla volta, un granello su un granello. Durante la bassa marea l’oceano si ritira e la sabbia si asciuga al sole, torna a essere visibile e splendente. Ad ogni infrangersi del mare un po’ di “bugie gialle” si stratificano fino a creare delle Dune. Il tempo che passa è direttamente proporzionale a quanto mentiamo a noi stessi e all’altro e quindi il ritornello recita:”Ho le dune gli occhi / come sabbia ritorni / ho perso la mia voce dentro ogni tua bugia”.

Il tema delle bugie è strettamente connesso a quello della conoscenza di sé. Spesso le bugie non caratterizzano solo la relazione con gli altri ma anche con noi stessi, sono un modo di tutelarci dalla brutalità di certe verità. In questo pezzo si allude ad un’altra persona e ad un legame non sincero ma si può dire che si parli anche del mentire a se stessi?

Prendo in prestito una frase dalla serie tv White Collar:” Spesso le cose che nascondiamo sono le più evidenti a chi sta intorno”. E’ un gioco duplice nel suo essere: mentire agli altri vuol dire mentire a se stessi. Spesso chi mente guarda fisso negli occhi, fermamente: controlla se credi alle loro bugie. Quindi sì, mentire agli altri vuol dire contemporaneamente mentire a sé stessi. L’allusione ad un’altra persona è un buon espediente per razionalizzare quello che succede dentro di noi, altrimenti non sapremo misurare le nostre emozioni mentre mentiamo solo a noi stessi.

24ORE DUNE
Ph. Giorgia Zamboni

Cosa distingue questo nuovo brano dalla tua produzione precedente e in cosa possiamo trovare invece una continuità?

La continuità riguarda sicuramente la scrittura e il modo di interpretare gesti comuni in qualcosa di più metaforico: tutto il mio progetto nasce e finisce nella quotidianità. Cerco di valorizzare o di guardare un altro punto di vista tutte quelle azioni che facciamo senza neanche accorgercene: da un modo di parlare, di guardare, di toccare al perché ci guardiamo allo specchio, al come laviamo la nostra faccia.
24 Ore nasce come un diario personale dove poter annotare delle giornate tipo della mia vita per cui ogni brano è un nuovo vissuto. In “Dune” c’è un sentimento di serenità dedito all’accettazione del mondo che vivo: non reprimo le bugie che dico o che mi vengono dette. La ricerca di una scrittura più morbida, credo, mi abbia permesso di essere meno criptico nelle cose che scrivo, di lasciare spazio a chi mi ascolta nel rivedersi in un’esperienza. Su questo è fondamentale il rapporto con Michael Tenisci, che si sta occupando della parte di produzione e che mi aiuta a organizzare meglio i pensieri in fase di scrittura.
Inoltre grazie alla fotografa Giorgia Zamboni stiamo riuscendo un po’ alla volta a dare vita alle immagini che ho in testa, che sono sempre più lucide per comunicare ancora meglio tutto quello di cui parla il brano.

In occasione dell’uscita di questo brano hai creato un originalissimo sito-contenitore di confessioni, segreti e bugie. Ti va di raccontarci questo progetto? Come è nata l’idea e con quale obiettivo?

Sono24ore.it è una bugia e nasce dalla necessità di coinvolgere le persone in quello che faccio. Volevo che chiunque si potesse sentire libero di raccontarmi in modo anonimo una bugia e quindi un segreto. Una bugia non non è solo quella che si dice mentendo ma è anche mantenere un segreto, nascondere velatamente con un telo semitrasparente quello che si vuole conservare e proteggere. Amo rendere ciò che faccio per tutti dando più valore con delle piccole cose. L’ho fatto per tutti i brani, con dei portachiavi da Motel per il brano “Lontanissimo” oppure per “Bellissima Malinconia” tramite dei tatuaggi temporanei e dei laccetti con un numero di telefono (tutt’ora attivo) per ascoltare il brano in anteprima. Non mi sento nulla di più degli altri e vorrei creare un dialogo con chi mi ascolta, renderli protagonisti delle mie storie, regalargli qualcosa. Il mio sogno è quello di poter suonare in giro per l’Italia e bere birre con chi viene ad ascoltarmi, conoscere nuove persone, condividere.
Un grande ringraziamento ai ragazzi di Basement 11, in particolare a Luigi Di Marcantonio che ha permesso la nascita del sito in tempi record.

Questo pezzo si correda di un progetto visivo molto evocativo, il video ci consegna precisamente l’immaginario del brano. In che modo pensi che le immagini possano arricchire e dare valore ad un brano, in un momento in cui la velocità che caratterizza il mondo musicale, nei consumi e nella produzione, ha reso il video musicale uno strumento probabilmente meno centrale rispetto al passato?

Concordo su questa cosa e difatti una musica cosi fast food non coincide con la mia. Ci tengo a scrivere con calma, a cercare di cucire tutto su misura e alla perfezione. Questo mi lascia poco tempo per pensare di girare un video. Ma l’imprevedibilità a volte crea delle magie assurde! Per questo brano ho avuto la fortuna di tornare a Fuerteventura per passare una settimana organizzata da Cosmico con altri designer che non conoscevo ed un coach. Per l’occasione c’erano Jacopo e Alessio di Visualzer che riprendevano l’esperienza di condivisione in villa per l’intera settimana. Una sera eravamo intorno ad un tavolo, ognuno a lavorare ai propri progetti, e tra una birra e una sigaretta si sono incuriositi della mia musica e hanno ascoltato “Dune”: si sono innamorati del pezzo e mi hanno detto “da domani giriamo il video!”. E’ stata un’esperienza magica perché “Dune” è diventata per tutti la colonna sonora della vacanza e la si canticchiava tutti insieme. Sono grato a ognuno di loro. Grazie Cosmico per avermi regalato questa esperienza!

L’amore è questione di “Sensazione”, intervista a Paul Giorgi

0

Abbiamo parlato con Paul Giorgi di farfalle nello stomaco, il tema del suo ultimo singolo “Sensazione“.

Che faccia bene o che faccia male (spesso più la seconda della prima), insomma, a volte non riusciamo proprio a ragionare davanti alla persona che ci fa provare sentimenti e sensazioni.

Quindi che farci di questa presa di coscienza se non scriverci una canzone? Ne abbiamo parlato con l’artista.

Intervista a Paul Giorgi su “Sensazione”

Ciao Paul! Come stai? “Sensazione” è il tuo nuovissimo pezzo e ho notato che ha un sound molto psichedelico, mi ha ricordatomolto Giorgio Poi in certe parti e alcuni pezzi di Gazzelle ai tempi di “Superbattito” in altre. Come mai questa scelta musicale? 

Ciao! Tutto ok, in realtà mi dispiace un po’ che sia arrivato per davvero l’autunno. Sembrava estate fino a due settimane fa. Ma ok. Voi come state? Comunque, la scelta musicale ricade sugli strumenti che ho a disposizione nel mio studio.

Ho pensato: voglio fare queste canzoni cercando di sfruttare il più possibile quello che ho qua dentro, perché comunque ha un suo timbro che tutto sommato mi piace. Il sound era ok mentre ci lavoravo e allora ho detto ok andiamo avanti. C’è il pianoforte, alcune tastierine che anzi sul ritornello le chiamerei tastierone. Poi chitarre ed effetti vari.

A livello discografico, stai facendo un percorso molto coerente in questa direzione, si sente bene tra un pezzo e l’altro che abbiamo ascoltato. Da cosa è nata inizialmente la volontà di sperimentare in questa direzione? 

Credo di aver un po’ risposto a questa nella domanda uno. Nasce un po’ dal fatto che sono abbastanza critico (o overthinker bo) nelle cose che faccio.. Il disco che ho pubblicato nel 2021 era più un concept album composto da animali e quel tipo di sound, quel tipo di bassi, quel tipo di chitarre. Mi piace pensare che in qualche modo io stia migliorando o solo acquisendo un po dì esperienza nel “craftare” le mie cose. Non ho proprio un’idea precisa di dove voglio andare a parare ma cerco di muovermi secondo quello che sento. Spero di continuare bene.

“Sensazione” parla di quelle situazioni masochiste in cui ci incastriamo e non ci riusciamo più a liberare e che spessoci portano a farci male, benché sembri non importarcene. Immagino che anche tu sia uno di noi. Giusto?  

Chiaro chiarissimo * sending abbraccio digitale *

Mi ha incuriosito il titolo di questo pezzo. Come mai hai scelto proprio questa parola per esprimere questo difficile sentimento?

Sensazione… In realtà sono un po’ incasinato con i nomi dei pezzi. Cerco nomi semplici. I miei progetti sul computer iniziano spesso con gli accordi.. perciò sarebbe stato brutto tipo chiamarlo “Dmaj7”. Ho chiesto un parere ai miei amici su telegram (che saluto <3) e poi alla fine ho scelto quello che mi sembrava un pelo più coerente. Quindi eccoci qua.

Consiglio agli amici e alle amiche di Indielife che continuano a sbatterci la testa e a farsi male?

Usate i cerotti 💔 il resto va tutto bene.. vogliate bene anche a voi stessi!

A tavola col “Finger Food” di Viliu – Intervista

Esplorare l’immaginario di un artista come fosse il tavolo di un buffet. Finger Food è un percorso tra le sfumature di Viliu: con determinazione e occhio critico, l’artista afferma se stesso e offre una visione del mondo attraverso le sue lenti.

Abbiamo chiesto a Viliu di rispondere ad alcune domande e curiosità su Finger Food, il suo EP disponibile dal 20 ottobre su tutte le piattaforme digitali.

Intervista a Viliu su Finger Food

Quello che si percepisce ascoltando le tracce di “Finger Food” una dopo l’altra è sicuramente il susseguirsi di pezzi molto diversi tra loro, qual è il filo conduttore, la caratteristica, che lega questi brani?

A livello musicale è la mia voce e l’immaginario che metto a disposizione.

Il titolo dell’EP è “Finger Food”. Come mai l’analogia con il cibo? In cosa i tuoi brani somigliano a dei piatti?

Immagina di essere davanti al buffet di un aperitivo, tanti piccoli assaggi di gusti differenti, cosa li accomuna? Essere sullo stesso tavolo alla mercé del pubblico.

Intro, in apertura all’EP, sembra un po’ il tuo personale manifesto e contiene anche considerazioni sulle condizioni della scena musicale attuale. Cosa puoi dirci in merito?

Per quanta musica emergente esce ogni giorno in Italia, non vedo la capacita di differenziarsi dalla moda che segue. Seguire la moda ti può far diventare virale, ma per quanto? Conta un’immagine ben distinta dalla scena, di certo all’inizio è controproducente ma a distanza di anni diventa una forza, un punto fisso a cui aggrapparsi.

Tornando alla diversità di tono e contenuti dei brani, “Samba pazienza” e “Pensieri fragili” sono due brani che colpiscono molto, per motivi diversi. Ti va di presentarli brevemente?

Samba Pazienza è una critica sociale che si nasconde sotto toni latineggianti per seguire il flusso dell’estate. Pensieri Fragili è un pezzo che mette in mostra i miei toni più cupi.

Se ce n’è una, qual è la traccia a cui sei più affezionato?

Purtroppo rimarrà un segreto.

In che misura la sperimentazione musicale influisce sulla tua scrittura e viceversa?

Sono due cose che si alimentano a vicenda, sperimentare musicalmente apre le porte a emozione che non pensavi di poter esternare e avere la possibilità di scrivere su nuovi stimoli è solo buon allenamento. Siamo giovani abbiamo bisogno di scavare a fondo.

“Colpa tua” di BOETTI, analisi di un senso di colpa, intervista

0

Boetti ritorna prepotentemente sulla scena con il nuovo singolo, “Colpa Tua“, uscito il 13 ottobre per Manita Dischi e .Belva. Il tema è quello del senso di colpa, che viene analizzato dall’artista da un’altra prospettiva. Dalla prospettiva delle tre entità che hanno da recriminargli una manchevolezza, un passo falso.

Ne abbiamo parlato con BOETTI.

Intervista a BOETTI su “Colpa tua”

Ciao Boetti! Come stai? Sappiamo che “Colpa tua” è il primo tassello di un rinnovato percorso artistico. Perché hai scelto proprio questo come primo brano?

Tra tutte le canzoni che avevo a disposizione ho voluto pubblicare la cosa più lontana e diversa in assoluto rispetto al primo disco. In soli due anni sono successe così tante cose e sentivo di essere cambiato così tanto che avevo bisogno di creare uno stacco netto tra il prima e il dopo. Prima, per esempio, tutta l’estetica (copertine dei singoli, visual promo etc.) era in grafica digitale, adesso è interamente fotografia analogica. E potrei continuare con mille altri esempi. Volevo che la gente rimanesse spiazzata a sentirmi passare dalla chitarra elettrica all’autotune, ma tranquilli: le altre tracce non sono tutte così “anomale” come questa.

Dal punto di vista musicale, ci sono sicuramente influenze nuove rispetto a ciò che avevamo sentito tempo fa. Com’è cambiata la tua musica nel tempo? 

È cambiato il mio modo di scrivere musica. Ho imparato a togliermi i riferimenti a cui solitamente mi aggrappavo, in primis gli strumenti musicali. Un musicista medio come me, se si siede al pianoforte o imbraccia una chitarra tirerà fuori qualcosa di più o meno prevedibile a livello armonico, quindi di conseguenza melodico e vocale. Mi capita sempre più di scrivere mentre guido o cammino: inizio a canticchiare qualcosa senza preoccuparmi della tonalità e solo dopo aver fissato l’idea passo a cercare le note sullo strumento. Il processo diventa ancora più variabile nel momento in cui apro il programma di registrazione sul computer, che mi dà la possibilità di usare i più disparati strumenti musicali. Insomma, mi sono liberato da alcuni paletti.

Il tema di questo nuovo pezzo è il senso di colpa, che è qualcosa con cui, volenti o nolenti, dobbiamo fare i conti tutti. Pensi che per te sia stato un motore per migliorarti oppure ti viene voglia di scappare quando senti il dito puntato contro? 

Il senso di colpa, in quanto “senso” – sensazione, è qualcosa di soggettivo e interiore, ma non così altruistico come sembra. In qualche modo proviamo dispiacere per aver fatto soffrire qualcuno senza sapere se quella persona effettivamente si senta ferita o tradita, magari non pensa nemmeno a noi. Questo circolo vizioso diventa uno specchio riflesso, un cortocircuito che in maniera un po’ narcisistica riconduce comunque tutto al nostro ego. Però averlo indagato, scrivendolo, senza vergogna né paure, ha sicuramente aiutato ad approfondire l’analisi di me stesso.

I personaggi con cui ti interfacci sono fondamentalmente divisi in tre parti all’interno della canzone. Ti va di parlarcene? 

Quando ho iniziato a pensare al secondo album mi sono promesso che non avrei più scritto qualcosa in maniera non chiara, mascherando i concetti con artifici retorici incomprensibili. Sono voluto tornare a un’essenzialità anche nella scelta dei vocaboli, chiamando ogni cosa con il suo nome: “chemio” è “chemio”, non ha senso trovare altre immagini per descriverla. Proprio per questo motivo credo che queste nuove canzoni parlino da sole. Il mio privato non è straordinario rispetto al privato di qualsiasi altra persona e contiene al suo interno gioie e dolori, alti e bassi: la fine di una relazione, la perdita (di vista) di molte amicizie con l’età che avanza e le vite che divergono sia a livello di stili di vita che di città in cui si abita; parlo della malattia di un genitore da figlio unico che vive lontano dalla casa natale. Ma non sarò sicuramente il solo, anzi mi sento più fortunato della media. Le distrazioni al giorno d’oggi sono tante (alienazione dovuta al lavoro, dipendenza dalla tecnologia) e sentivo il bisogno di rimettere al centro l’intimità, il privato delle nostre vite.

“Non ti odieresti davvero se avessi cura di me”. Parli di un senso di colpa che è anche a tratti fisiologico, perché a volte è necessario partire e lasciarsi qualcosa alle spalle. Sei d’accordo?

Ho un rapporto strano con le emozioni, nel senso che mi chiedo spesso se quello che provo dentro lo riesca a trasmettere anche all’esterno, alle persone a cui dovrei dimostrare amore, gratitudine o quando semplicemente devo delle scuse. Il fatto di scriverle, queste emozioni, di certo non aiuta, perché è un po’ come se io le provassi, esaurendole, attraverso le canzoni.

Ad oggi pensi che la musica valga il senso di colpa che a volte hai sentito?

Non sono la persona più tatuata della storia, anzi. Ma c’è una frase di “Piazza Grande” di Lucio Dalla che mi ha sempre colpito per la sua potente semplicità e anche per il fatto che ritorna solo una volta, pur essendo un verso del ritornello: “quel che sono l’ho voluto io”. Prima di andarmene da Bologna, dove ho abitato per tanti anni, quella frase me la sono fatta tatuare sull’avambraccio, perché rispecchia a pieno il modo in cui cerco di condurre la mia vita: senza rimpianti, perché qualunque cosa accada sarà il frutto, (o meglio) il prezzo delle mie scelte.

Un amore potente che colora tutto di “Rosso”, intervista a röa

Rosso” è il nuovo singolo di röa, giovanissima cantante che torna sulle scene del panorama pop con il suo secondo brano, sempre prodotto da Andrea Castelli ed heysimo (Simone Sproccati).

A differenza di “Estranei”, che raccontava il sentimento di abbandono e di addio, in “Rosso” röa esprime l’amore totalizzante che prova per la sua persona, a cui si sa affidare anche tra i dubbi e le incertezze.

Rosso come i suoi capelli e come il sangue, che sembrano mischiarsi tanto sono simili queste due persone.

Intervista a röa sul nuovo singolo “Rosso”

Ciao röa, come stai? Prime emozioni a caldo dopo la release del tuo nuovo singolo “Rosso”?

Ciao, molto bene, in realtà devo ancora realizzare che “Rosso” sia uscita, ma sono molto grata di tutti i feedback positivi che sto ricevendo, li apprezzo molto. 

Domanda banale ma, essendo ancora agli inizi del tuo percorso, importante per conoscerti meglio: qual è il significato del tuo nome d’arte? Perché “röa”? 

In realtà non ha un significato specifico. È un soprannome che ho usato per tanti anni, e nel momento in cui ho deciso di espormi con la musica aveva semplicemente senso continuare ad usarlo. Anche perché essendo una abbreviazione del mio nome credo mi rispecchi al meglio.

Da un punto di vista musicale troviamo svariate influenze, così come anche tra i tuoi ascolti abituali: quali sono i 3 album più importanti per te? E perché?

Ci sono svariati pezzi di album e artisti diversi che hanno contribuito alla mia passione per il mondo della musica. Se dovessi nominarne 3 nello specifico penserei subito a “JAMIE” di Montell Fish, a “East Atlanta Love Letter” di 6LACK e a “siix” di LIL DUSTY G.

“JAMIE” onestamente credo sia un album clamoroso e non ho altri attributi per descriverlo se non questo. Il modo di comunicare emozioni e pensieri di Montell Fish per me è arte. Ed ha contribuito a farmi percepire il potere della musica intesa non solo come forma di espressione, ma come vera e propria terapia

“East Atlanta Love Letter” credo sia in realtà il più importante perché mi ha accompagnata in svariati periodi della mia vita. È sempre stato un luogo sicuro dove tornare per trovare serenità, e sentirmi compresa. In particolare ci tengo a menzionare un brano di questo album, ovvero “Pretty Little Fears”. Perché la strofa di J.cole è la perfetta descrizione del rapporto tra me e Claudia, ovvero la ragazza che ha ispirato “Rosso”. 

Infine è impossibile per me non nominare “siix” di LIL DUSTY G, perché lo ritengo fonte di ispirazione, in quanto è un genere che mi piace molto ascoltare e che in parte mi piacerebbe replicare anche in Italia.

Un amore totalizzante color “Rosso” sangue: da dove nasce l’ispirazione per la scrittura di questo brano? 

Nonostante sembri scontato, rosso è il colore dei capelli di una ragazza che ho conosciuto 11 anni fa e che con il tempo è diventata la mia migliore amica e molto di più. 

Claudia con il tempo è diventata la mia famiglia e la persona con cui ho deciso di trascorrere il resto della mia vita. Lei è la mia anima gemella, ma non in senso romantico proprio perché il nostro rapporto si basa su amore puro, reale e così ampio da non poter essere ridotto ad un amore romantico. In realtà credo che “Rosso” descriva una minima parte del nostro legame, proprio perché non credo sia possibile descrivere a parole la complementarietà di due anime.

Sei una persona più razionale o emotiva? Nella tua musica qual è il lato di Aurora che emerge maggiormente?

Io in realtà ho un rapporto estremamente complicato con le emozioni, e ho sempre ricercato la razionalità, fallendo la maggior parte delle volte. Inoltre, studiando medicina in realtà sono obbligata ad essere razionale, ed è per questo che considero la musica una vera e propria terapia, ovvero un modo per esprimere emozioni che cerco di occultare in ogni modo da quando ne ho memoria. 

Quanto è importante per te, per un’artista emergente, circondarsi di persone che credono nel proprio progetto? Quali sono state, se ci sono, le figure chiave di questo tuo percorso nella musica ad oggi? 

Quando ero più piccola ho sempre vissuto la musica come un sogno che non si sarebbe mai realizzato, proprio perché dovevo dedicarmi allo studio e nell’ambiente in cui sono cresciuta non c’è mai stato spazio per la creatività.

Quando sono arrivata a Milano, invece, ho conosciuto un mondo che non credevo fosse reale, o almeno non credevo potesse essere reale per me. La prima persona a dare realmente importanza alla mia passione per la musica, oltre ai miei amici, è stato Simone Sproccati, in arte “heysimo”. Dal primo momento mi ha dato fiducia ed ha dimostrato di credere nel progetto. Dopo aver conosciuto Simone, ho avuto il piacere di lavorare con Andrea Castelli che, come Simone, mi ha accolta con massima fiducia e disponibilità. Sinceramente credo che senza di loro questo progetto non si sarebbe realizzato. E non smetterò mai di ringraziarli per aver creduto nella mia musica, tanto quanto me, se non di più.

Una calda e odiosa “Estate”, Intervista a Vinnie

Infatti odio l’estate. Perché se poi mangio ingrasso e non mi voglio spogliare“.

Vinnie questa Estate non se la vive bene e lo rende chiaro nell’ultimo singolo che prende il nome dalla calda stagione.

L’artista di MIND sogna l’inverno scappando da un’estate fatta di dormite sotto l’ombrellone, parmigiane difficili da digerire e prove costume che fanno venire l’ansia.

Continuando un filone iniziato con i singoli precedenti – l’ultimo pezzo era stato “Farfalla”, con Eramo Nubi -, Vinnie gioca con le sonorità in un brano che, sebbene rappresenti un lamentoso inno contro le ferie al mare, fa venire voglia di ballare, in un cantautorato influenzato da sonorità pop, soul, funk ed elettroniche.

Intervista a Vinnie su “Estate

Ciao Vinnie! È uscito da poco il tuo quinto singolo “Estate”, un lungo percorso iniziato ad aprile 2022 con “Clichè”: com’è cambiata la tua musica nel corso di questi mesi? Cosa vedi se ti guardi indietro?

Ciao! La mia musica nel corso di questi mesi penso si sia evoluta tantissimo. Ho cambiato direzione rispetto all’indie classico da cui sono partito e mi sono spostato verso l’rnb e il soul, sempre mantenendo comunque sonorità molto chill. Se mi guardo indietro posso ritenermi molto soddisfatto del lavoro svolto con il mio team che ringrazio sempre.

Qual è il filo conduttore tra tutti i tuoi singoli pubblicati fino a oggi?

Sicuramente il filo conduttore dei miei brani è l’amore. L’amore è presente in ognuno di essi, sotto forme diverse. Dall’amore per una persona, all’amore per gli amici fino ad arrivare all’amore verso una stagione, ovvero l’inverno.

vinnie estate

Un brano fresco, un pop da clubbing che non snatura però la tua essenza artistica. Ti abbiamo sentito quindi tra Indie, Pop, Soul e R&B: in quali di questi generi ti senti maggiormente a tuo agio? Da quali artisti prendi maggiormente ispirazione?

Con “Estate” abbiamo voluto dare una svolta un po’ più fresca alle nostre produzioni riprendendo un po’ il filone del mio secondo singolo “Fama” ma con sfaccettature più rnb. Sento di potermi identificare all’interno del genere rnb e soul.

Abbiamo capito che l’estate non è sicuramente la tua stagione preferita, ma cos’è quella cosa dei mesi estivi a cui non rinunceresti?

Una cosa a cui non rinuncerei mai e poi mai è il mare. Nonostante il caldo, il sudore e le zanzare, il mare è l’unico elemento che si salva e senza il quale, in estate, sarebbe davvero difficile sopravvivere.

vinnie estate

3 singoli che non possono mancare nella tua playlist estiva.

One life di kota the friend

Snooze di SZA

Torpi di Marco Castello

La musica è un rimedio per questi mesi torridi o il tuo processo creativo subisce uno stop dovuto a “mamme incazzate, sudore e zanzare”?

La musica è assolutamente un rimedio a questi mesi così caldi, quanto è bello scrivere al fresco del ventilatore o dell’aria condizionata? Chiaramente preferisco l’inverno, infatti durante i mesi estivi già penso a scrivere testi invernali, un po’ un paradosso no?

Passione e autodistruzione al “Moulin Rouge” di Forse Danzica, Intervista

Forse Danzica è tornato con un nuovo passionale ed esplosivo pezzo, “Moulin Rouge“.

Il cantautore ci aveva già parlato d’amore in “Autocad“, più dolce e propositivo. In “Moulin Rouge” si sa bene l’errore che si sta commettendo ma si procede perseverando, perché ci viene facile cedere alle tentazioni. Andare a letto con la propria ex non è quasi mai una buona idea e Forse Danzica riesce a condensare in questo nuovo singolo la rabbia, la rassegnazione e l’ironia nel commettere errori che sappiamo già bene dove ci porteranno. Ma a cui, alla fine, non rinunciamo.

Intervista a Forse Danzica su “Moulin Rouge”

Ciao Forse Danzica! “E la mia stanza sembra il Moulin Rouge quando vieni tu noi non dormiamo mai” canti nel tuo nuovo singolo. Insieme ad “Autocad” mostra due facce diverse della stessa medaglia. Da che sentimento nasce “Moulin Rouge”?

A me piace molto parlare d’amore e dintorni, perché credo sia uno di quei tre o quattro sentimenti in cui cadono i filtri e le nostre pulsioni si mostrano nella loro versione più pura, e per questo ci dicono molto della nostra natura.

In ogni caso, Moulin Rouge nello specifico parla di autodistruzione e di compiacimento rispetto all’inevitabile, mentre in “Autocad” si parla di costruzione e progettualità nonostante le macerie circostanti. Sono due facce della stessa medaglia nel senso che in entrambi i casi sono canzoni di ribellione contro quello che suggerirebbero il buonsenso e le circostanze. In Moulin Rouge si parla di un amore che sarebbe meglio lasciar perdere ma che in qualche modo ci induce sempre in tentazione; in Autocad si parla di un amore che induce a costruire e a fare progetti ignorando il fatto che le circostanze attorno a noi sono nemiche della progettualità. L’ispirazione per Moulin Rouge è stata un incontro sessuale con una ex che ha fatto soffrire entrambi; quella per Autocad un innamoramento durante le prime settimane della guerra in Ucraina.

Nel tuo nuovo singolo parli di quegli errori che sappiamo già di commettere ma a cui non sappiamo non cedere. Tu ti ritieni una persona lungimirante o impulsiva?

Entrambe: sono una persona lungimirante, ma la mia lungimiranza e la mia consapevolezza spesso non sono sufficienti a non farmi fare cose di cui poi mi pento. Penso sia molto comune. Le stronzate più grosse che ho fatto nella mia vita fino ad ora le ho fatte in uno stato di estrema consapevolezza e di pentimento preventivo, perché sapevo benissimo che quello che stavo facendo mi stava facendo male, ma per qualche forza superiore o per debolezza le ho fatte lo stesso.

A livello di musicalità, rispetto ad “Autocad”, “Moulin Rouge” è più rabbiosa e carica, sposando quello che è il mood della canzone. Tendi ad essere molto coerente tra testo e musica a mio parere. Sei d’accordo?

Spero di sì, tendenzialmente scrivo le canzoni portando avanti in parallelo testo, musica e arrangiamento, con l’intenzione che le componenti si influenzino e si parlino a vicenda.

La passione si sposa spesso con ciò che fa male. Cosa consiglieresti di fare a qualcuno che è in bilico tra il cedere ed avere il suo personale “Moulin Rouge” o meno?

Consiglierei di emanciparsi dall’incubo delle passioni, come diceva Battiato. Davvero, credo che più si riesca a elevarsi al di sopra delle pulsioni, più si stia meglio. Quindi, riservandomi il diritto di predicare bene e razzolare male, di base consiglierei sempre di resistere alle tentazioni quando siamo consapevoli che ci porteranno a pentirci. Spesso si esalta il lato attivo dell’esperienza, quindi si parte dal presupposto che fare le cose sia meglio che non farle. Ma anche la rinuncia e l’autocontrollo sono esperienze, legittime, formative e coraggiose tanto quanto le esperienze apparentemente più attive. Dipende da caratteri e stati d’animo.

Piani per il futuro?

Come molte persone della mia generazione mi accontenterei di averne uno.

“Gioco di me”: l’amore difficile di Bartowski ft Sir Giove. Intervista

Su una base jazzy, pop, hip hop e R&B, Bartowski, in featuring con Sir Giove, ci parla di un amore che ci fa sentire funamboli e pagliacci, “Gioco di me“.

Chi non è mai stato preso in giro da un amore che sembrava sincero e alla fine non lo era del tutto? Bartowski, con la sua solita ironia, riesce a fare di una situazione problematica un punto di forza, cantandotele col sorriso di chi sa che tanto, alla fine, andrà tutto bene.

Intervista a Bartowski e Sir Giove

Ciao Bartowski, ciao Sir Giove, come state? Di cosa parla “Gioco di me”?

Ciao ragazzi di Indielife, stiamo benissimo!! Voi?

Gioco di me parla di un rapporto molto strano in cui ci sono stati errori da entrambe le parti ma anche un forte sentimento. Questo comporta la nascita di tutte le situazioni e di tutti i dubbi che si sentono dentro la canzone.

Qualcuno si è mai preso gioco di voi?

Certo c’è sempre chi si prende gioco di te. La cosa importante è saper stare al gioco la maggior parte delle volte!

E dall’altra parte? Avete mai fatto finta di essere innamorati di qualcuno, magari autoconvincendovi, ma in realtà non provavate quelle cose?

A Sergio non è mai successo. A me (Marco) sì. Però per quanto ti sforzi ad autoconvincerti se i sentimenti non ci sono davvero ad un certo punto si vede dalle azioni che si fanno e dal comportamento verso l’altra persona. Quindi EVITATE.

Il genere è urban, con sonorità r&b, hip hop e a tratti jazzeggianti ormai tipiche della discografia di Bartowski. Come vi siete trovati a collaborare, a questo proposito, da un punto di vista musicale?

Collaborare per noi è stato molto facile, quasi immediato. Navighiamo tutti e due quasi attorno allo stesso genere con dei mood e dei colori diversi che però se poi vengono uniti danno vita ad un pezzo pieno di energia come Gioco Di Me.

Personalmente (Marco) fare questa canzone con Sergio è stata l’esperienza musicale, per ora, più divertente di sempre.

Se poteste dire qualcosa alla persona che sta ascoltando “Gioco di me”, cosa sarebbe?

MA COME MA-MA-MA-MA-MAI TI PRENDI GIOCO DI ME?

Grazie ragazzi! Alla prossima!

Leggi anche Il weekend che inizia di “Lunedì”: nuovo singolo di Sir Giove.

“Nella mia testa” di Corha: un viaggio introspettivo. Intervista all’artista

Il 9 giugno Corha ha fatto uscire il suo nuovo singolo, “Nella mia testa”, un brano estivo e introspettivo prodotto da heysimo. L’atmosfera urban pop entra in contrasto con il significato del testo.

“Nella mia testa” è un brano leggero che nasconde le parti più dure per la giovane cantautrice: l’eterna lotta tra la consapevolezza della necessità del distacco descritto e la dipendenza reciproca, che si sente anche da lontano, che non la fa mai staccare del tutto.

Vediamo cosa ci dice Corha a riguardo.

Intervista a Corha su “Nella mia testa”

Ciao Federica, partiamo dalle cose “semplici” per sciogliere un po’ il ghiaccio: come stai in questo ultimo periodo? Come sta procedendo con il progetto CORHA?

Ciao! Sto bene grazie è un periodo intenso, gestire tutto da sola non è semplicissimo ma sto lavorando molto e ne sono felice. Il progetto procede (non sta a me dire come – ride – ) io sto dando il massimo, sto scrivendo molto e sto provando a dare un nome alle emozioni che provo.

“Nella mia testa” è la tua ultima release: qual è il significato alla base del singolo? Cosa vorresti arrivasse al pubblico con questo brano?

Alla base del singolo “Nella mia testa” ci sono due storie che si intrecciano, quella di trovare una strada personale nonostante periodi di ansia e, allo stesso tempo, quella di pensare a una persona che probabilmente sta vivendo lo stesso senso di smarrimento a distanza.

Tante influenze in questa e nelle passate pubblicazioni: chi sono i tuoi artisti di riferimento?

Cerco davvero di ascoltare di tutto, da Sergio Endrigo e Mina a SZA, mi sforzo di ascoltare anche mondi musicali lontani dal mio. Io amo la musica italiana e il cantautorato, in particolare anni 60 che ha un sound inconfondibile.

“Dormo solo tre ore, e sogno di perdere quello che ancora non ho”: cosa ti spaventa oggi nella musica? Sei riuscita a trovare la tua strada?

Quella frase è riferita a un forte momento di ansia vissuto un po’ di tempo fa, la strada ora non so se l’ho trovata ma di certo ho le idee più chiare e sto camminando.

Per gli artisti emergenti la dimensione live riteniamo sia fondamentale: hai mai portato la tua musica su un palco? In caso di risposta negativa, quali sono i programmi per l’estate?

Il progetto è nato durante il lockdown quindi mi sono concentrata tantissimo sulla scrittura e questo mi ha portato a lavorare molto di più in studio, di certo non vedo l’ora di pensare a come portare nel modo giusto il progetto live.

Il tema centrale del progetto è l’amore in ogni sua sfaccettatura e la realtà filtrata attraverso i tuoi occhi: quanto e come questo sentimento influenza la tua musica?

La realtà influenza tantissimo la mia scrittura perchè mi piace proprio raccontare della mia quotidianità, delle paure e delle riflessioni di una ragazza “normale”, raccontare quello che vivo nel mio piccolo, in modo molto naturale. L’amore in ogni sfaccettatura perchè non è un sentimento provato per una persona in particolare ma anche per una persona cara, per un’amica, per una sensazione.

Concludiamo con un consiglio: secondo te cosa un artista emergente dovrebbe fare oggi per farsi notare dal pubblico?

Sono la prima ad aver bisogno di qualche consiglio a riguardo – ride – però credo che la sincerità del progetto musicale sia fondamentale. Grazie mille!

Vederti anche “Lontano da te”: intervista a Francesca Teriaca

Francesca Teriaca dopo più di un anno torna con il nuovo singolo “Lonano da te“, prodotto dall’etichetta indipendente MIND e distributa da Ada Music.

Ti ho messo il mondo in mano e l’hai ficcato in tasca”.

Francesca canta di un amore finito ma in cui, anche se si è lontani, ci si sente ancora. Un amore che tiene ancora legati i due, tanto che, nonostante tutto sembra ancora di vedersi: “dimmi che i miei occhi sono ancora i tuoi“.

Un brano estivo e fresco che parla d’amore in termini diversi. Ne abbiamo parlato con Francesca Teriaca.

Intervista a Francesca Teriaca

Ciao Francesca! È uscito da poco il tuo nuovo singolo “Lontano da te”, dopo un anno dalla passata release “Luna spenta”: cosa è successo nel corso degli ultimi 12 mesi? A cosa è stata dovuta questa pausa dalla musica?

Ciao ragazzi! 🙂 In realtà non ho preso nessuna pausa o meglio, non nel senso stretto del termine: ho lavorato a nuove canzoni in silenzio e non vedo l’ora di farvi ascoltare tutto ciò che ho ancora da raccontarvi.

Lo sguardo è un po’ il filo conduttore tra “Lontano da te” e “Guardami”: è un elemento che accumunerà spesso in futuro i tuoi progetti? O questo è solo frutto del caso?

Lo sguardo è un tema che per me vale molto e che in qualche modo collega “Guardami” e “Lontano da te”, però no, i prossimi progetti non avranno un collegamento con questi due brani.

Parliamo delle tue influenze artistiche: da chi prendi oggi ispirazione? Dai grandi del passato o attingi maggiormente da sonorità dei giorni d’oggi?

Le mie influenze artistiche odierne dipendono sicuramente da tutto ciò che ho sempre ascoltato, quindi anche e soprattutto dai grandi del passato. Ma se dovessimo parlare da un punto di vista esclusivamente musicale attingo però da sonorità più moderne.

In “Lontano da te” troviamo un amore si travagliato e sofferto, fatto di alti e bassi, ma che, nonostante tutto, tiene i due ancora più uniti che mai con una profonda consapevolezza dell’importanza reciproca: quanto l’amore oggi influenza le tue canzoni e la tua scrittura?

Mi influenza ogni giorno l’amore che provo e che ho provato, che sia amore per una persona, amore da figlia, amore fraterno, l’amore di un’amicizia: ciò che scrivo nasce sempre da sentimenti che ho già provato.

Stai attualmente studiando al conservatorio canto jazz: quando però ti sei avvicinata la prima volta al mondo della musica?

La prima volta che mi sono avvicinata alla musica è stato all’età di 10 anni in modo molto casuale, ho iniziato a studiare pianoforte in una scuola media a indirizzo musicale e per me è stato amore a prima vista, dal pianoforte è nata la passione per il canto e per la scrittura di brani. Da lì non mi sono più fermata.

Cosa dobbiamo aspettarci dal tuo futuro artistico? Hai in cantiere un progetto più ampio o attualmente ti stai concentrando a pubblicare solo singoli?

Ho in cantiere un progetto più ampio, vi anticipo che sto lavorando al mio primo EP e non vedo l’ora che sia pronto per renderlo anche vostro. Non vi nego inoltre la voglia di suonare anche dal vivo, cosa fondamentale per un artista, quella non manca mai. Quindi ci sentiremo sicuramente presto! 🙂

Il weekend che inizia di “Lunedì”: nuovo singolo di Sir Giove

Dopo averci parlato di Monopattini, Sir Giove torna e lo fa con “Lunedì“, un singolo che è un invito ad approcciarsi con leggerezza alle cose che nella vita di ogni giorno ci sembrano difficili, come l’inizio settimana.

E se pensassimo al lunedì come ad un ulteriore giorno del weekend?

Con un brano che è un inno alla spensieratezza, l’artista crea un’atmosfera gioiosa e coinvolgente in cui rimandare a domani le responsabilità e le preoccupazioni non sembra poi così male. Procrastinare per permettere allo spirito del weekend di vivere un po’ più a lungo in ognuno di noi.

La voce intensa e carismatica di Sir Giove si unisce ad un arrangiamento coinvolgente in cui i fiati si mescolano ad una linea di basso incalzante e ad una batteria in stile funk. Il risultato è un pezzo pop moderno permeato da un messaggio di libertà e da un’atmosfera di festa che ricorda lo stile di Frah Quintale, Willie Peyote e Anderson Paak.

Dove trovare “Lunedì” di Sir Giove?

Disponibile su tutte le piattaforme di streaming a partire dal 12 maggio 2023, Lunedì è la testimonianza della versatilità dell’artista veneto che aggiunge un ulteriore tassello alla sua discografia e si pone come voce innovativa all’interno del panorama contemporaneo.

Il brano, rilasciato per Ooneek Dischi e distribuito da Artist First, è il quinto singolo di Sir Giove che sta costruendo con credibilità la sua carriera da solista dopo aver collaborato con importanti nomi della scena rap italiana. 

Sir giove lunedì

I Frenèsya tornano sotto la luce con i loro “Fulmini”. L’intervista

Abbiamo intervistato i Frenèsya, duo di fratelli romani che torna alla ribalta con il nuovo singolo “Fulmini“. La musicalità del gruppo spazia e si fa influenzare da un pop che strizza l’occhio alla Drill e all’R&B.

Tra luci e ombre, “Fulmini”, parla di cose che finiscono, ma rappresenta, paradossalmente, un nuovo inizio per il gruppo, una nuova luce che illumina all’improvviso.

Incuriositi dal progetto abbiamo voluto saperne di più. La parola agli artisti!

Intervista ai Frenèsya su “Fulmini”

“Fulmini” è il primo tassello del vostro nuovo progetto musicale, che segna per i Frenèsya un nuovo inizio. Raccontatemi di più su com’è nata l’idea e su dove ha intenzione di andare. 

Il tutto è nato dalla necessità che sentivamo da tempo di trovare un nuovo nome che ci unisse davvero, che evidenziasse il nostro legame. Abbiamo passato un anno di silenzio dal punto di vista della pubblicazione di musica, ma ricco di live, in cui siamo cresciuti e ci siamo guardati dentro. Finché un giorno è arrivato questo nome che rappresentava tutto quello che la musica aveva significato per noi da sempre. La frenesia è la sensazione che ci ha guidato in maniera totalmente inconscia verso questa strada. È il motore della nostra musica, un fuoco che ci brucia dentro e che ci accomuna. Ed ora è diventata anche il carattere che contraddistingue il nostro stile musicale, attraverso la sperimentazione tra vari generi.

Parliamo del pezzo. “Fulmini” è una canzone che parla dell’essere in bilico, “Stare vicini e non saperci stare”, buttarsi in avanti ma poi riguardare indietro. Un sentimento che suppongo abbiate conosciuto. Come si esce da questo temporale?

Si può uscire da tutto, anche un temporale arriverà ad una fine. Le nostre vite si intrecciano tutti i giorni creando dentro di noi momenti di sole splendente o temporali. Ma è anche questo il bello. Imparare a vivere le proprie emozioni è qualcosa che spaventa, ma privarsene significherebbe togliersi delle parti di sé. Noi ci siamo passati, ci passeremo ancora e non smetteremo mai di imparare a gestire certe cose, però ci abbiamo scritto su questa canzone tanto intima e fragile, e speriamo che qualcuno ci si possa rivedere.


Musicalmente parlando, le influenze che si sentono nel singolo sono diverse, tanto che è difficile incasellarvi in un genere. A questo proposito, come è stato pensato il progetto da un punto di vista musicale? 

C’è da dire, senza anticipare troppo, che questo è solo l’inizio di un progetto più ampio che scoprirete da qui a giugno. Abbiamo scritto molto in quest’ultimo anno e lavorato alla scrittura con molta cura. “FULMINI”, come tutto quello che sentirete nei prossimi mesi, è il frutto di una ricerca frenetica tra generi diversi, sempre sulla scia urban, passando per l’R&B, la drill, l’hyper pop, la dance, l’Afrobeat. Abbiamo preso e portato dentro le nostre canzoni varie influenze, che abbiamo sviluppato poi in una forma personale e reso coerenti nel sound e nello stile di scrittura ovviamente. Non vediamo l’ora di farvi ascoltare tutto.

Domanda scontata, ma d’obbligo: com’è lavorare con il proprio fratello?

La verità è che è davvero bello. Spesso ci fanno notare che non è scontato avere un rapporto così tra fratelli. Noi anche siamo umani, abbiamo i nostri contrasti. Ma in linea di massima ci siamo sempre armonizzati con spontaneità, senza forzature, sia umanamente che musicalmente. E soprattutto anche quando ci sono degli scontri, solitamente poi ci portano a fare passi avanti, a crescere, proprio grazie alla fiducia, la stima e l’affetto che abbiamo l’uno per l’altra. 

“Un amore mai iniziato e mai finito”. Monopattini di Sir Giove, l’intervista

Sir Giove, dopo aver cantato un “Lieto Fine”, torna con “Monopattini“, una ballad che vuole incastrare in una polaroid un sentimento che poteva essere e non è mai stato, una relazione mai iniziata e mai finita.

Tra sonorità che ondeggiano tra il latin e il cantautorato indie, Sir Giove rende bene l’idea di amore estivo, “sopra monopattini elettrici, con il mare tra i capelli”. Una tragicità passeggera, “solo la foto di un momento”.

Ma da dove nasce la sua storia d’amore leggera? Lo abbiamo chiesto all’artista.

Intervista a Sir Giove su “Monopattini”

“Monopattini” è una canzone un po’ diversa rispetto alle tue precedenti, soprattutto da un punto di vista musicale, predilige un mood un po’ meno pop e un po’ più latin/electro-chill, come l’hai definita tu. Parliamone.

Ciao Benedetta e ciao a tutti!

Allora, In questo momento stiamo prediligendo la modalità di uscita dei brani sotto forma di tanti diversi singoli. Così facendo ogni canzone può ispirarsi a mondi e a direzioni diverse, con il punto di partenza comune rappresentato dalla mia penna e da qualche accordo di piano.

Con Monopattini io e il mio produttore Massimo Calore aka Louiekee, abbiamo fin da subito immaginato un’atmosfera che immergesse l’ascoltatore in un ambiente caldo, scaldato dalle note di piano, dal cinguettio degli uccelli, e dalla ritmica delle percussioni che richiama la sfera latin. L’intento era quello di trovare un ambiente e una dinamica che come un morbido tappeto accompagnassero le voci, vere protagoniste del brano. 

Il nuovo singolo parla di una “storia d’amore leggera”. Alla fine hai trovato risposta alla domanda che ti poni: “come si rimane in equilibrio su un orizzonte in bilico”?

Monopattini vuole essere una canzone che parla di una storia d’amore mai iniziata e mai finita, la fotografia di un momento d’amore perso nel tempo. La fuga dalla quotidianità quando l’orizzonte si inclina, dove per rimanere in equilibrio non resta altro che rifugiarsi nei ricordi di un’estate passata, di monopattini elettrici cavalcati all’alba, di immagini calde di una storia d’amore leggera.

Chi diresti che ti ha ispirato di più nella scelta del genere e dell’intenzione musicale? Sento diverse influenze che sono associabili a diversi progetti indie

Domanda tosta! E’ sempre difficile per me riuscire a dire quali sono gli artisti o i generi che mi hanno influenzato e ispirato di più. Proprio perché nella mia vita ho ascoltato di tutto!

Tutto parte dalla famiglia e da casa, dove la musica è sempre stata al centro di tutto. Mio padre è compositore e sassofonista Jazz, mia sorella è cantante e insegnate di canto. Con loro sono cresciuto in una casa dove lo stereo è rimasto sempre acceso: i Beatles, Frank Sinatra, Sam Cooke, Nina Simone sono fratelli e sorelle adottivi di una famiglia allargata. La prima vera esperienza nel mondo della musica è stata all’alba dei 20 anni come cantante di una band Funky/rap chiamata Navigazione Interna.

Abbiamo condiviso il palco con gli stessi artisti il cui ascolto ci aveva spinti a iniziare quell’avventura: Dutch Nazari, Ghemon, Bassi Maestro. Tutt’ora i miei ascolti sono di vario genere e tipo: dalla Black e Jazz music, al cantautorato indie italiano, passando per le rime e la messa in prosa tipiche della scrittura rap. Ecco, Sir Giove è un po’ un misto mare di tutta sta roba qui.

Siamo al tuo quarto singolo, cosa ci dobbiamo aspettare da Sir Giove nel futuro? Lo sappiamo già?

Il quinto, il sesto, il settimo e spero tanti altri! A inizio Maggio usciremo con il prossimo singolo. Poi a Giugno con un’altra bella hit estiva da cantare sotto gli ombrelloni e le arie condizionate dei locali.

Sono molto contento di come il progetto stia evolvendo e prendendo forma di canzone in canzone e non vedo l’ora di farvi ascoltare le prossime bombette.

E poi partire con la musica live, con i palchi, che sono il vero motivo per cui poi si fa tutto questo, no? L’energia, l’adrenalina, la condivisione con il pubblico. Un “Sir Giove Tour“ dove far conoscere a persone di ogni dove quello che è il suo pensiero e la sua musica.

Una canzone per la mezzanotte: “Forever” – Intervista ai Novanta

Ritorna con “Forever” la band milanese dream pop, i Novanta.

Il nuovo singolo, in featuring con Gioia Podestà, anticipa il mood del disco in un uscita “Punk for introverts”. Etereo e leggero, rientra nelle cosiddette “ceiling-gazing songs” del gruppo: quelle canzoni da ascoltare tra la mezzanotte e le quattro del mattino.

A detta dei Novanta, «”Forever” è stata la prima canzone alla quale abbiamo lavorato per l’album, ed è forse la nostra composizione più pop in assoluto. Desideravamo creare un pezzo che vivesse di contrasti, con una strofa scura e un ritornello aperto e luminoso, in una specie di dualismo sonoro che trova la sintesi perfetta nella linea vocale, che abbatte ogni steccato di genere e fa vibrare d’inquietudine questo brano. “Forever” è una malinconia ballabile».

Ne abbiamo parlato con la band.

Intervista ai Novanta su “Forever”

“Forever” si è aggiunta tra le vostre “ceiling-gazing songs”, quelle canzoni da ascoltare tra la mezzanotte e le quattro del mattino. Ma da dove nasce?

“Forever” ha una lunghissima gestazione, come gran parte dei brani del prossimo disco, “Punk for introverts”. Era il 2020, avevo appena comprato una nuova chitarra per affrontare il tour di supporto a “Some are stars”, l’ep uscito a novembre ‘19, e poi è successo quello che sappiamo.

Quella chitarra nuova, che mi piaceva tantissimo, non l’ho toccata per quasi un anno, mentre con l’iPad ho iniziato a buttare giù canzoni fatte esclusivamente con le tastiere. Quando nel 2021 abbiamo finalmente cominciato a lavorare ai pezzi nuovi, “Forever” (che all’epoca si chiamava “Supremo Re”, in onore del mio gatto Mogwai) ha cambiato forma: dentro le chitarre, dentro una strofa totalmente antitetica al ritornello. È un brano che riflette una nuova identità musicale dei Novanta, ma al tempo stesso riprende un po’ tutto quanto fatto negli anni precedenti.

Com’è nata la collaborazione con Gioia Podestà?

Gioia la conoscevo in quanto cantante degli You, Nothing, una band dream pop che purtroppo si è sciolta: adesso lei vive in Belgio e suona nei Maquillage. Ha una voce ultraterrena e ha portato una sfumatura inedita nella musica dei Novanta: grazie a lei c’è tanta luce ma anche parecchia oscurità. Gioia ha contribuito a far sì che questo pezzo fosse una malinconia ballabile.

Novanta forever
PH: Cristina Zonni

Avete detto che “Forever” è il vostro pezzo più pop in assoluto. Come mai è stata pensata in questo modo per i Novanta?

Ho iniziato a lavorare alla base avendo come riferimento musicale gli MGMT di “Time to pretend”: avevo proprio voglia di una canzone che fosse rotonda, pop, immediata. Non so se siamo riusciti nell’intento, ma è un brano che ci dà una bella vibrazione. E forse una base per il futuro. Forse.

Dateci un consiglio: qual è l’orario perfetto per ascoltare “Forever”?

“Forever” andrebbe ascoltata a mezzanotte in punto, in un segmento temporale indefinito in cui ieri e domani non hanno ancora un senso compiuto, osservando le luci del mondo muoversi al ralenti sul soffitto della propria cameretta. Ma ho notato che funziona bene anche durante il giorno: il ritornello finale va incredibilmente in sincronia con il caos calmo della linea verde della metro di Milano.

Book Pride 2023: La guida secondo noi

0

Siamo finalmente alle porte del Book Pride 2023 che torna al Superstudio Maxi di Milano dal 10 al 12 marzo 2023.

Per chi non lo sapesse, facciamoci la prima fondamentale domanda: cos’è il Book Pride?

Si tratta di un’iniziativa nata nel 2015 su iniziativa dell’Osservatorio degli Editori Indipendenti e che ha l’obiettivo di rappresentare e dare voce al settore dell’editoria indipendente che rappresenta poco meno della metà dell’intero settore (30-40%).

Il mercato dei libri indipendente non è solo un mondo di interessantissime possibilità, ma è capace di scovare e presentare prodotti editoriali di alta qualità che faticheremmo a trovare sugli scaffali delle librerie.

La manifestazione è divisa in tre giorni, durante i quali all’interno dello spazio di Famagosta assisteremo a diversi eventi e incontri su questo magico e interessante universo editoriale.

Vediamo nello specifico il programma nella piccola guida secondo Indielife 🙂

La guida del Book Pride 2023 secondo Indielife

Venerdì 10 marzo

Dopo una mattina dedicata alle scuole, vi segnaliamo nel pomeriggio tanti eventi sul lavoro editoriale, sulla correzione di bozze, sulle newsletter; un incontro che si prospetta molto interessante sugli esordienti, un dialogo sul dialetto in compagnia di Clementino, e un approfondimento sulla letteratura americana in Italia.

Sabato 11 marzo

Il calendario degli eventi si intensifica. Noi abbiamo fatto un’attenta selezione per aiutarvi a barcamenarvi in questo mare magnum. Iniziamo con il primo di un ciclo di eventi dedicati ai libri che vedremo prossimamente sugli scaffali, che vedranno in dialogo autori ed editori. Proseguiamo con un reading che ha per protagonisti due giganti della letteratura: Roberto Bolaño e Wisława Szymborska. Nel pomeriggio di sabato, una delle protagoniste sarà senz’altro Monica Ojeda con la presentazione del suo nuovo libro. A seguire, Accento edizioni, neonata casa editrice fondata da Alessandro Cattelan, si racconta ai lettori. Non poteva certo mancare un evento musicale, infatti l’ultimo evento che vi segnaliamo per sabato è un dialogo tra Giorgio Poi e Paolo Cognetti sulle parole delle canzoni.

Domenica 12 marzo

È anch’essa ricca di eventi. Iniziamo con la presentazione del nuovo numero di COSE, la rivista nata da una collaborazione tra Iperborea e Il Post. Continuiamo domenica con un incontro sulla distanza del femminismo della teoria da quello della pratica. Anche in questa giornata non mancano gli eventi dedicati al lavoro editoriale e di scrittura, in particolare segnaliamo questo evento sul lavoro in ufficio stampa, un incontro sullo storytelling e uno sulla scrittura dei dialoghi. Concludiamo questa giornata in bellezza segnalandovi un evento sulla serie tv che sta facendo impazzire tutti nell’ultimo periodo, esatto avete capito bene, parliamo di Mare Fuori.

Naturalmente vi ricordiamo la presenza all’esterno della fiera di chioschi con le birrette, che sono sempre importanti!

Buon weekend e buone letture 😉

PAULO è il nuovo artista di Up Next Italia by Apple Music

0

PAULO è il nuovo artista che farà parte del programma Up Next Italia. Si tratta del programma Apple – di cui vi avevamo parlato qui – che vuole scovare e valorizzare i nuovi talenti emergenti nel panorama musicale italiano.

Ma chi è l’artista in questione? PAULO è un cantautore della provincia di Brescia classe 2002. Nonostante la giovane età, il cantautore “urban-new wave” ha avuto l’occasione di calcare palchi di festival della portata “Love MI” e “Rock in Roma” e di aprire concerti di artisti quali Blanco, sangiovanni, Ariete e Madame.

Nei testi PAULO esprime la fragilità e i sentimenti della sua generazione, raccontandoli in maniera diretta e sincera, come fa un portavoce.

“Grazie, grazie, grazie ad Apple Music per avermi selezionato per il programma Up Next Italia” commenta PAULO. “È un’occasione importantissima per il mio progetto, mi darà l’opportunità di raggiungere un nuovo pubblico grazie a questo supporto straordinario”. Così commenta emozionato il cantautore.

Paulo ha pubblicato la sua prima trilogia musicale sull’amore con Sugar, continuando il suo percorso verso la maturità artistica con pezzi come “Voglia”, “Ti odio (mi amor)” e “Geloso”.

Up Next Italia è parte del programma globale Up Next, il format mensile pensato da Apple Music per identificare nuovi artisti e mostrarne il talento, selezionando Paulo per il mese di febbraio. Ogni mese viene selezionato un artista emergente da promuovere sulla piattaforma.

Paulo si unisce dunque ad alcuni tra gli artisti più promettenti del panorama emergente italiano, insieme a nomi come Rose Villain, Alfa, Ditonellapiaga, Kaze, GINEVRA, Assurdité e molti altri.

Aggiungi la Playlist Up Next di Apple Music alla tua rotazione.

“Una voce per San Marino”, la finalissima di sabato 25: verso gli Eurovision 2023 a Liverpool

Per il secondo anno di fila il festival “Una voce per San Marino” decreterà il vincitore che accederà all’Eurovision Song Contest 2023, a Liverpool.

Dopo il successo dell’anno passato, la manifestazione – creata dal comune sforzo della Segreteria di Stato per il Turismo di San Marino, le Poste, La Cooperazione ed Expo della Repubblica, insieme a MediaEvolution e San Marino RTV – continua anche quest’anno, con una serie di novità.

Durante la gara la giuria ha selezionato più di 100 semifinalisti – tra cui i favoriti sembrerebbero essere gli Eiffel 65 -, ma solo 10 si sfideranno durante la finalissima di sabato 25 febbraio.

Tra le riconferme di quest’anno, Jonathan Kashanian, tra i volti più noti della tv italiana, selezionato anche quest’anno come presentatore alla finale. Ad accompagnarlo quest’anno l’emblematica Senith, cantante, attrice, performer e artista a tutto tondo, che aveva partecipato all’Eurovision Song Contest 2021 proprio in rappresentanza della Repubblica di San Marino.

Le novità di “Una voce per San Marino” 2023: la finale

Dopo una partenza che aveva visto come presidente di giuria Mogol, quest’anno vedremo tra i giurati della serata che decreterà il vincitore dell’edizione niente di meno che Albano.

Tra le novità, si è deciso quest’anno di rimuovere le categorie “emergenti” e “big“: in entrambi i casi sarà necessario essere selezionati per accedere alla finale di sabato 25 febbraio.

Piccola sorpresa di quest’anno: a quindici anni da quella data, assisteremo ad un omaggio alla prima esibizione di San Marino agli Eurovision 2008 a Belgrado con i Miodio, invitati al contest per l’occasione.

A sfidarsi sul palco del Teatro Nuovo di Dogana sabato 25 febbraio saranno i 4 selezionati durante la fase delle semi finali: Eiffel 65 con “Movie Star”; Ellynora con “Mama told me”; Le Deva con “Fuori su Marte” e Iole con “Sul tetto del mondo”.

Ai quattro vincitori si aggiungeranno i quattro ripescati dell’edizione: Florin Raduta, Flexx, La Bebae e Kiara D.V. featuring Pamela Ivonne Cole

Da regolamento poi due sanmarinesi hanno diritto di passaggio diretto alla finale: si tratta di Kida e Simone de Biagi.

I biglietti per accedere alla serata di sabato 25 febbraio sono disponibili su Viva Ticket. La manifestazione sarà trasmessa in diretta su San Marino RTV dalle ore 21.

Amore e musica coi DUOPOP e la loro “Piccola Stronza” – Intervista

Si apre un nuovo capitolo musicale – e, potremmo dire, “amoroso” – per i DUOPOP, che fanno uscire il loro nuovo singolo, “Piccola Stronza“.

La coppia milanese, formata da Dylan Curcio e Luca Benetta, ha avviato un nuovo progetto dal 2021, che vuole dare spazio a nuove voci e sonorità. Molto coerente è apparsa infatti la scelta del produttore del loro primo singolo, “Vacanze in Italia”, SeeMaw.

In questo orizzonte, “Piccola Stronza”, vuole essere l’emblema di un sentimento semplice cantato a voce alta. Un dolore inserito tra le ritmiche urban pop del pezzo e che, proprio per questo, dà la parvenza di fare meno male, di guardarci in modo ironico.

Perché, alla fine, chi di noi non ha conosciuto questo sentimento? Chi di noi non ha avuto la sua personale e illusoria “Piccola Stronza”?

Tra il pop e l’elettronica, il DUOPOP non delude e ci inserisce nel suo mondo. E quale miglior modo di scoprlirlo più a fondo se non discutendone con loro?

Celentano cantava “Io non so parlar d’amore“, ma io e il DUOPOP ci abbiamo provato.

Intervista al DUOPOP su “Piccola Stronza”

L’amore è una cosa meravigliosa perché non ha un briciolo di senso: a volte sembriamo più attratti da ciò che ci fa male che il contrario e ci si trova a notte fonda a pensare a una “Piccola stronza”. Ditemi di più

Scrivendo questa canzone ci siamo accorti che effettivamente ne vale la pena. Se vivi, soffri, quindi tanto vale farlo per un buon motivo. E spesso i migliori motivi sono quelli che hanno meno senso. Ovviamente quando ti trovi dentro ad una notte che un po’ ti strega e un po’ ti illude non hai quasi mai la capacità di pensare quanto valgono quei momenti e le emozioni semplicemente ti sopraffanno. Dopo qualche giorno, scrivere Piccola stronza è stata semplicemente una presa di coscienza.

Come nasce una canzone dei Duopop?

Le nostre canzoni si fanno un po’ strada da sole: o vengono fuori da blocchi appunti separati, in maniera quindi molto personale, oppure nascono su fogli scritti a due mani. Scrivere insieme ci piace molto perché ci costringe a staccarci dalle “abitudini” di entrambi, ma soprattutto ci consente di essere vicendevolmente criticabili.

“Piccola stronza” fa parte di un progetto iniziato nel 2021 dei Duopop, ma sbocciato soprattutto l’anno scorso. L’elemento elettronico c’è sempre, ma mi è sembrato un pezzo più pop rispetto ai precedenti. C’è qualcosa che sentite cambiato rispetto ai singoli precedenti?

Si, piccola stronza si presenta un po’ più clean. Anche se chitarre, synth e effetti vocali electro non mancano, il ritornello sembrava urlare “non toccatemi troppo”. Alla fine, abbiamo deciso di giocare un po’ sul contrasto di un ritornello pulito e quasi soul con delle strofe più ritmate e sporche.

Chiudiamo con la posta del cuore: consigli per sopravvivere a una “Piccola stronza”?

Amici, musica e una buona dose di autostima. E se proprio ci stai sotto, a quel punto fai un po’ lo stronzo anche tu.

Icaro, il nuovo singolo di Eramo Nubi – Intervista all’artista

Eramo Nubi torna alla ribalta con un nuovissimo pezzo che prende spunto dalla classicità e si chiama “Icaro“, prodotto da MIND e distribuito da ADA Music Italia.

Questo è un brano che vuole essere un po’ il primo step di un nuovo percorso artistico del cantautore siciliano, che si destreggia abilmente in un genere miscellaneo, contaminato da influenze hip hop, jazz e black music.

Un progetto senza ombra di dubbio ambizioso e creativo, che parte da un passato mitico per parlarci di un presente che possiamo toccare con mano e che Eramo Nubi ci sa cantare su un sound ritmato, che scandisce e dà peso e dimensione ad ogni singola parola.

«Icaro è lo specchio della condizione umana contemporanea, privata ed universale – racconta Eramo Nubi – perciò ho cercato di costruirgli intorno un labirinto di versi in grado di dilatarsi e contrarsi. Il testo è scandito da un ritmo serrato, che analizza la dinamica di sofferenza e liberazione che unisce padre e figlio. La scelta della cassa dritta, invece, è una metafora dell’unica mossa possibile per i due protagonisti, che vedo come moderni pedoni degli scacchi, con un passo a disposizione alla volta». 

Icaro: intervista ad Eramo Nubi

Parliamo un po’ di questo “labirinto di Dedalo”. La citazione classica è palese, quindi, da che idea nasce “Icaro”?

Penso che il mito di Icaro e Dedalo sia di grande ispirazione. La traccia è un tentativo di risoluzione, il momento di sospensione in cui possiamo esentarci dal pendere una parte o un’altra. Il dualismo è affascinante come lo è la possibilità di stare in mezzo, di lasciare andare, che è in fondo il desiderio di liberarsi.

Dici: “Forse è il caso di prendersi una pausa, temporeggiare un po’”. Credi che fermarsi sia il segreto per ripartire avendo più a fuoco le cose?

Sto comprendendo che respirare bene mi rende più calmo e lucido nel viaggio. Il respiro è incondizionato ma ci tiene in vita: forse si tratta della consapevolezza più grande che abbiamo. Alle volte fermarsi equivale a rispettarsi, penso.

Eramo Nubi al Ballark di Palermo

A livello musicale, il tuo progetto è veramente interessante e unisce diversi generi. Questo pezzo in particolare mi ha ricordato molto qualcosa alla “Terapia di gruppo” di Davide Shorty coi Funk Shui Project. A questo proposito, mi chiedevo: c’è qualcuno che ti influenza o ti ha influenzato particolarmente nella scelta del genere?

Ti ringrazio per l’apprezzamento. La contaminazione è essenziale nelle arti: ce ne serviamo istintivamente per creare nuovi mondi. Davide è un grande artista e fratello: so che condividiamo un spirito molto affine. Qualcuno o qualcosa che mi ispira in particolare non direi, anzi tento di allontanarmi quanto posso dalle influenze per “forgiare” musica autentica.

Sperando di non bruciarci, ci aspettiamo che “Icaro” voli in alto. Qualche spoiler sul futuro?  

Speriamo se non altro di imparare a goderci il volo pienamente. Per il futuro la penso semplice: voglio suonare e far provare alle persone un po’ del mio microcosmo.

Guida ai regali dell’ultimo minuto per lettori

0

Care e cari, se anche voi vi riducete all’ultimo a fare i regali perché ‘ma sì, c’è tempo’ e poi magicamente è la settimana prima di Natale e sotto l’albero ci sono solo nuvole di polvere e palline che il gatto ha fatto cadere, non disperate: ecco una guida ai regali dell’ultimo minuto per amiche e amici lettori. Quindi godetevi questa carrellata, poi mettete la sciarpa e avventuratevi per librerie, che se li ordinate online ormai non arrivano più!

Un regalo per: l’inguaribil* romantic*

Abbiamo tutti l’amica o l’amico che ha avuto il cuore spezzato duemila volte ma non smette di crederci, noi personalmente le persone così le ammiriamo, quindi ecco qui due libri per loro: Bello l’amore ma non ci vivrei di quel genio di Daniela Collu e Domani avremo altri nomi di Patricio Pron

Un regalo per: viaggiator* seriali

Beh per loro abbiamo solo due parole da dirvi The Passenger, i reportage editi Iperborea dedicati a moltissimi stati e città del mondo. A questo punto potete sbizzarrirvi e regalarne uno dedicato a paesi del cuore, paesi dei sogni o paesi visitati insieme!

Un regalo per: appassionat* di true crime

Qui tra podcast e canali YouTube che ne parlano c’è già moltissimo materiale, ma pensando a questo tema ci vengono in mente subito due libri a metà tra il romanzo e l’inchiesta giornalistica: A sangue freddo, grande classico di Capote, e La città dei vivi, uscito due anni fa dalla penna di Nicola Lagioia.

Un regalo per: feticist* dei libri

Con loro è sempre difficile perché siamo sempre nel dubbio che abbiano già qualsiasi libro possiamo tirare fuori dalla manica, e allora perché non regalare libri sui libri? Ve ne proponiamo due: la Guida tascabile per maniaci dei libri, edita Clichy o Il lettore sul lettino di Guido Vitiello.

Un regalo per: l’amic* cuoc*

Si sa che per chi in cucina fa magie, i libri da cui ispirarsi non bastano mai, qui due consigli un po’ meno mainstream: Cucina essenziale di Francesca Giovannini e La grammatica dei sapori, editi entrambi Gribaudo.

Speriamo di aver risolto con questa breve carrellata almeno parte dei vostri regali librosi dell’ultimo minuto, e non possiamo che augurarvi buone letture per queste feste che incombono!

Apple Music Home Session: il primo artista italiano è GAZZELLE

0

GAZZELLE è il primo artista italiano protagonista di Apple Music Home Session.

Si tratta del format di Apple, nato nel 2020, che dà la possibilità agli artisti di creare delle versioni nuove e personalizzate dei loro pezzi preferiti. Il format nasce come “sfida” durante il periodo del lockdown: creare delle cover dei propri brani del cuore in una versione inedita e “casalinga”.

Gli artisti non hanno infatti accesso a studi o band, ma solamente alla propria musica e al proprio talento.

Potrebbe interessarti anche: OK: recensione dell’ultimo album di Gazzelle.

La collezione completa è disponibile qui.

Il primo artista italiano ad accettare la sfida di Apple Music Home Session è Gazzelle. L’artista ha regalato agli abbonati una performance inedita di “Non lo dire a nessuno“, ultimo singolo del cantautore, e una cover di “Nessun Rimpianto“, celeberrima canzone degli 883.

Gazzelle ha rivelato come mai la scelta del brano del 1997.

Ho sempre voluto fare una cover di “Nessun rimpianto”, trovo che sia una canzone devastante per la sua sincera schiettezza. Da piccolo l’ho consumata più di quanto lei abbia consumato me, nel momento del bisogno, quando faceva male e così dannatamente bene, ascoltarla e riascoltarla. Grazie di averla scritta Max!”​​, dice Gazzelle ad Apple Music. 

La consapevolezza che cura le ferite: “Pietra” di AMarti – Intervista

0

AMarti è un’artista sicuramente piena di sfumature e l’ha dimostrato bene nel suo ultimo singolo, “Pietra“, un pezzo indie-folk nato da una profonda riflessione. Pietra è uscito l’8 novembre e ha dimostrato tutta la potenza creativa e vocale di Martina Alberi, in arte AMarti.

Testo e melodia sono in un rapporto che va al di là della musica, perché si fanno portavoce di un messaggio, prendendosi per mano. Ogni elemento di “Pietra” ha un significato nascosto: dal lento e malinconico inizio c’è un momento di rinascita e di consapevolezza – musicale, vocale e, scopriremo, anche psicologico – che portano alla gioia.

Il tutto è traslato in musica.

“Quando ho iniziato a scrivere Pietra credevo di liberarmi di un’illusione d’amore. La musica è arrivata, invece, a scovare un cassetto più nascosto, dove ho trovato l’infelicità di mia madre, nutrita dalle stesse illusioni ed effimera come la sabbia. Avrei voluto richiuderlo subito, ed invece sono rimasta lì, in silenzio, nel nostro dolore. L’ho ringraziato. Senza, non avrei mai potuto scegliere la mia felicità, sentirmi più solida, come la pietra” 

Abbiamo voluto approfondire con l’artista.

Copertina di “Pietra”

Intervista ad AMarti su “Pietra”

“Possa ringraziar di non esser pietra, ma di tanti granelli leggera e che sull’aria approderò su una terra più vera”: questo lo snodo di “Pietra”, il tuo nuovo singolo: quando arriva la consapevolezza e tutto cambia. Ce ne parli?

In quel punto, dove la musica si fa più serena, c’è un’inversione di approccio al dolore, dalla chiusura del giudizio presenti nella prima parte (non sopporto questo mio modo di essere uguale a lei, che mi fa sempre vacillare) all’ascolto, che percepisce nel silenzio, lascia andare e si nutre di forze potenti capaci di scaldare di amore. Queste due situazioni non possono coesistere nello stesso momento.

Hai detto che senza un dolore che nemmeno cercavi, ma che hai trovato quasi fosse destino che lo scoprissi, non avresti potuto scegliere la tua felicità. Trovo che felicità e dolore abbiano un rapporto molto più stretto di quanto pensiamo, sei d’accordo?

La consapevolezza è un’azione, una volontà di zittire la mente, e sintonizzarsi su vibrazioni più profonde, dove la vita stessa può curarci se solo abbiamo la pazienza di chiedere e ringraziare, senza pretendere.

Sì, come ogni cosa non esiste senza il suo opposto, la felicità non esiste senza dolore. Ma per essere felici, bisogna accettare e saper trasformare quel dolore. Non è automatico che chi sente dolore lo riconosca come un’opportunità. Spesso per insegnamento viene sotterrato e rimosso facilmente (Non é giusto sentirlo il dolore…)e così si manifesta nella vita di tutti i giorni in mille forme, e tanto più ci abituiamo a rimuoverlo tanto più non sapremo da dove proviene, di quali veri bisogni ci parla e trovare modi per ascoltare i suoi preziosi consigli per una vita felice.

Non lo cercavo perché faceva troppo male vedere che veniva da chi mi aveva generato, certo inconsapevolmente, e con un impatto altrettanto inconsapevole sulla mia stessa vita. Quando l’ho accettato mi ha reso cosciente che posso scegliere di essere entrambe le cose, pietra e sabbia, senza esserne dominata.

Parliamo di musica: è lampante come suoni e parole viaggino sullo stesso binario e questo amplifica la profonda capacità evocativa del brano. Ci spiegheresti questa scelta?

Sono stata fedele a me stessa, senza alcun limite, questa é stata la vera scelta. La canzone è arrivata da sola, ho solo ascoltato con pazienza e senza altrettanto giudizio. Ho sentito che quella melodia cercava mia madre dentro di me e ho usato parole che avevo scritto per lei su un quaderno di poesie.

Ad aiutarmi ad essere “integra” con me stessa c’è poi il fatto che non essendo colta musicalmente mi concedo la libertà di sperimentare completamente. 

Accanto a questo c’è un super lavoro di empatia musicale di Maria e Giulio, miei collaboratori, che hanno inquadrato più strutturalmente la canzone, dando colore e soprattutto climax.

Dove vuoi che arrivi “Pietra”?

Ovunque 🙂 , qualcuno la sentirà col cuore.

Ti potrebbe interessare Prhome esce con Ghetto Vibes, singolo che precede il suo nuovo album

Bookcity Milano 2022: la guida secondo noi

Abitanti di Milano, udite udite, il festival del libro e della lettura è tornato: BookCity Milano 2022 è finalmente iniziato. Dal 16 al 20 novembre la città meneghina diventerà il palcoscenico di uno degli eventi culturali più importanti del centro. Il fine è quello di promuovere il mondo del libro e la lettura.  

Facciamo un passo indietro però: come nasce BookCity Milano?

La manifestazione nasce nel 2012 da un’idea del noto editore milanese Stefano Mauri. Questo in seguito alla richiesta dell’Assessorato alla Cultura di Milano dicreare una soluzione che promuovesse e valorizzasse la filiera del libro e le ridesse l’importanza che merita. Così si pensò di creare un evento sul modello del Fuori Salone di Milano.

Proprio grazie a BookCity Milano, la città cantata da Dalla, Battiato e Jannacci (semi-cit.) vinse nel 2017 la qualifica dell’UNESCO di “Città Creativa per la Letteratura”.  

L’headquarter di BookCity è il Castello Sforzesco, da cui partono, in varie zone della città, i numerosi eventi completamente gratuiti della manifestazione. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato alla Cultura di Milano e dall’Associazione BookCity Milano, formata dalle più importanti tra le Fondazioni sull’attività editoriale. Tra queste, Corriere della Sera, Feltrinelli, Umberto e Elisabetta Mauri, Arnoldo e Alberto Mondadori.

Chi sono i protagonisti della Festa del Libro e della Lettura?

Tutti, ma proprio tutti coloro che compongono il mercato del libro: case editrici, editori, autori, ma anche biblioteche, scuole, università e, ovviamente, noi lettori di tutte le età.

Non mi resta che lasciare la parola a Lena che vi racconterà quali sono gli eventi più salienti di questa BookCity 2022 e quindi, per rimanere in tema, vi auguro una buona lettura!

(Benedetta Fedel)

Bookcity Milano 2022: gli eventi imperdibili

Per gli amanti del libro BookCity è come il Fuorisalone, eventi in ogni dove, spesso in contemporanea, spesso in overbooking. Avrei voluto spesso qualcuno che mi guidasse in questo mare di possibilità. E quindi questa volta vogliamo provare noi a guidarvi tra gli eventi secondo noi da non perdere in questa edizione.

Giovedì 17 novembre

Pochi ma buoni: vi segnaliamo innanzitutto un evento sui cento anni dell’Ulisse di Joyce, esatto quel libro mostruoso che spaventa anche i lettori più forti, ma che contiene un universo intero. E in secondo luogo l’intervento di Jón Kalman Stefánsson, grandissimo autore islandese contemporaneo, sul suo ultimo romanzo, La tua assenza è tenebra.

Sabato 19 novembre è sicuramente il giorno più caldo dell’edizione di quest’anno. Per noi da non perdere è innanzitutto l’intervento di Olivia Laing sul tema del corpo, mediato da Jonathan Bazzi. Un intervento in onore di José Saramago, grandissimo autore portoghese, nell’anniversario dei cento anni dalla sua nascita. Altro evento interessante è la presentazione dell’ultimo libro di Paolo Giordano, Tasmania, insieme a Daria Bignardi. Interessante ed estremamente attuale questa conferenza sull’influenza di Instagram e TikTok sul mondo del libro e sulla lettura. Per gli amanti dei classici, segnaliamo il focus sulla ritraduzione dell’Odissea, uscita da pochissimo per Blackie. Ultimo evento che vi segnaliamo per sabato è la presentazione di Notte di battaglia, ultimo romanzo di Miriam Toews, grandissima autrice canadese che racconta le fragilità dell’animo umano attraverso la sua storia famigliare.

Che domenica bestiale, la fine di Bookcity Milano 2022

Domenica 20 novembre è anch’esso ricco di eventi. Per voi ne abbiamo selezionati alcuni, come ad esempio questa presentazione strettamente legata a Milano est tra misteri e noir. La giornata conclusiva di BookCity prosegue con il dialogo tra Paolo Cognetti e Marco Missiroli su Avere tutto, ultimo romanzo dell’autore riminese di cui vi abbiamo già parlato qui.

Un evento che si prospetta estremamente ironico e divertente è la presentazione di Bello l’amore ma non ci vivrei, l’ultimo libro di Daniela Collu, in dialogo con Francesca Crescentini (Tegamini).

Il penultimo evento che vi segnaliamo per domenica torna sul tema dei classici, e riguarda la pubblicazione in due volumi dei diari di Virginia Woolf, qui viene presentato il primo dei due volumi, pubblicato da poco per Bompiani. Eccoci arrivati alla fine di questo weekend all’insegna dell’amore per la lettura, e come potremmo festeggiarla se non con una festa? Per questo l’ultimo evento che vi segnaliamo è la festa del Saggiatore in casa Santeria Toscana, con dj set e vendita di libri al chilo, domenica sera speriamo di vedervi lì!

Buon weekend e buone letture 😉

Il nuovo singolo di Elena Faggi: “Manchi Tu” – Intervista all’artista

A partire dal 28 ottobre abbiamo sentito in radio “Manchi Tu“, il nuovo singolo di Elena Faggi.

“Manchi tu” si propone come seconda parte di “Che ne so“, il singolo diretto da Beppe Vessicchio con cui la giovane cantautrice e musicista era in gara tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2021 e ci parlava di quanto la distanza tra l’odio e l’amore sia breve e confusionaria.

Elena Faggi non abbandona una scelta musicale ritmata e spensierata e, in “Manchi tu“, parla del momento in cui andiamo in fissa per qualcuno e iniziamo a torturare il nostro cervello credendo fermamente che quella persona non ci ricambi. Ci si deve buttare col rischio di farsi male o si deve semplicemente dimenticare il fatto e arrendersi? Questa la domanda di Elena al suo cuore (e anche ai nostri).

«’Manchi tu’ è una canzone molto importante per me perché è tra le primissime che ho scritto in italiano, esattamente il giorno dopo aver scritto ‘Che ne so’. Entrambe rappresentano a pieno il mio primo approccio alla scrittura nella mia lingua madre, da lì è iniziata la ricerca del mio stilesi sposa perfettamente con gli arrangiamenti creati dal mio producer e fratello Francesco».

“Manchi tu” – Intervista ad Elena Faggi

Elena Faggi ha una grande capacità di tradurre in musica e parole sentimenti e situazioni che tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo provato. L’approccio però, specialmente in “Manchi tu” tende ad essere sarcastico e spensierato, nonostante le difficoltà del percorso. Ho voluto chiacchierare con Elena per saperne di più sulla nascita del singolo e sulla scelta musicale.

Ciao Elena, la mia prima domanda è musicale: nonostante i tuoi testi celino sempre delle situazioni dolci-amare, musicalmente sono molto leggeri e ritmati e danno una patina di ironia e spensieratezza ai temi trattati. Da cosa nasce questa scelta? 

Ciao! Intanto grazie per la domanda, perché coglie a pieno il mio modo di esprimermi, in questa mia prima fase. “Manchi tu” e le altre canzoni del mio primo EP, in uscita il 18 novembre, raccontano sensazioni che tutti provano secondo me almeno una volta nella vita, ma in maniera leggera, in modo che possano essere ascoltate non solo per riconoscersi nelle parole, ma anche per canticchiarle spensierati.

Parlaci di “Manchi tu”, del sentimento da cui nasce e della sua produzione.

“Manchi tu” è nata in camera mia, una sera mentre eravamo solo io e il mio ukulele. L’ho fatta poi ascoltare a mio fratello Francesco, che l’ha adorata fin da subito e ha creato un arrangiamento che secondo me la veste perfettamente.

Hai detto che “Manchi tu” è il secondo capitolo di “Che ne so”, in che modo le canzoni sono legate? 

“Manchi tu” e “Che ne so” sono nate ad un giorno di distanza, sono le mie prime canzoni scritte in italiano e con queste ho iniziato a trovare il mio stile. Come racconto sono collegate perché è come se fossero una il continuo dell’altra. “Che ne so” parla di una semplice cotta e di quando ci si creano attorno film mentali, accompagnati da dubbi e illusioni. “Manchi tu” parla invece di quando quella cotta inizia a diventare qualcosa di più, tanto che ti immagini  quanto tutto potrebbe essere perfetto con quella persona accanto. Tuttavia, i dubbi continuano ad esserci, e la paura di non essere ricambiati è ancora più forte.

Cosa ci auguriamo per questo nuovo singolo? 

Mi auguro che “Manchi tu” possa regalare un sorriso a tante persone ed essere condivisa e cantata da tanti.

Up Next Italia, i talenti di Apple Music: Alfa, Matteo Crea, Ditonellapiaga e Kaze

Sono stati quattro gli artisti che si sono esibiti per “Up Next Italia“, il programma firmato Apple Music che vuole selezionare, supportare e promuovere nuovi artisti emergenti italiani particolarmente talentuosi.

Giovedì 14 luglio abbiamo ascoltato a Milano in Piazza Liberty – tra degli emblemi milanesi della famosa mela – quattro talenti: Alfa, Matteo Crea, Kaze e Ditonellapiaga, che hanno parlato di sé e ci hanno fatto sentire in quattro brevi live la loro musica.

Il format, nato nel luglio 2021, ha avuto un grande successo. Da un anno il team editoriale di Apple Music infatti si occupa di mettere in evidenza i migliori artisti tra gli emergenti italiani, promuovendo la loro musica e facendola arrivare ad un vasto pubblico.

Abbiamo avuto così modo durante la serata di conoscere da vicino quattro dei 9 artisti selezionati da Up Next Italia.

I live di Matteo Crea, Kaze, Alfa, Ditonellapiaga: Up Next Italia di Apple Music

Matteo Crea apre le danze

Ad aprire le danze è Matteo Crea, artista fiorentino a tutto tondo classe 1995. Sì, a tutto tondo perché è musicista ma anche attore, oltre che grande appassionato di Paul McCartney.

Con l’emozione nella voce e la voglia di mostrarci cosa sa fare, Matteo Crea è simpatico e sicuro di sé sul palco.

Nel suo brano “A casa dei miei” racchiude uno dei problemi che la nostra generazione vive costantemente: la voglia di realizzarsi da soli e l’apparente impossibilità di farlo. Tragicomico e per nulla scontato, Matteo Crea non perde la sua ironia e ci strizza l’occhio sotto i riflettori.

Aspetto solo di vedere in quali altri modi ci sorprenderà.

Kaze tra i talenti di Up Next Italia

Di seguito Kaze prende il palco e illumina piazza Liberty. Giovane e talentuosa sembra non ci sia niente che non sa fare: un passato da infermiera, un futuro anche nella recitazione, una cantautrice dalla voce che emoziona e tocca dentro.

Tra i suoi pezzi, “Volevo portarti al mare” è uno dei cavalli di battaglia e contiene tutta la dolcezza e la fragilità di un giovane amore. Kaze è delicata e capace di portare i sentimenti sul palco senza un briciolo di paura, ma è anche un uragano di parole e di entusiasmo, motivo per cui sono sicura che questo sia solo il punto di partenza per la giovane cantautrice.

Alfa make us so happy

Il terzo cantante che si cimenta nel suo piccolo grande live è Alfa, che ha 22 anni e un talento enorme. Perché non è facile per niente essere così musicalmente validi e allo stesso tempo professionali, capaci di stare davanti a un pubblico. Specialmente non a questa età.

La parola giusta per descrivere Alfa è sorprendente e, ripensando a quella sera, potremmo noi dedicargli una delle sue canzoni “You Make Me So Happy“.

Ha tanta strada davanti e io non vedo l’ora di vederlo all’opera

I talenti di Apple Music: Ditonellapiaga per Up Next Italia

La “big” tra gli emergenti presentati, reduce da un anno tanto meraviglioso quanto impegnativo che l’ha portata alla pubblicazione del suo primo album, “Camouflage“, oltre che al desideratissimo palco Sanremese, Ditonellapiaga è nata per fare questo.

Avevamo scritto di lei tantissimo tempo fa in questo articolo e già avevamo visto le prime avvisaglie di quello che è oggi.

Non ci sono dubbi che Margherita, in arte Ditonellapiaga, abbia una voce incredibile che dal vivo ti entra ancora più nella testa e nel cuore. Tanto che tra i talenti di Up Next Italia è sembrata quasi obbligatoria la sua presenza.

APICE in concerto a Milano: “la musica vera è quella che parte dal basso”

Giovedì 7 aprile il nostro – sì, nostro in quanto parte integrante da tempo della grande famiglia di Indielife – Apice si è esibito in concerto all’Arci Bellezza di Milano.

È stato un concerto memorabile in cui abbiamo avuto modo non solo di ascoltare il nuovo bellissimo gioiellino di Manuel, Attimi di Sole, ma di viverlo insieme. E no, non è una banale frase fatta. Mi riferisco alla (rara) capacità che ho visto in Apice di annullare la distanza tra pubblico e palco: noi eravamo anche su con lui e lui era anche giù con noi.

Ph Fabio Semele

Ed è proprio da terraqui, in mezzo a noi che parte la musica vera, dice lui. Quella che nasce nelle piazze e nei circoli che danno spazio a tutti coloro che hanno qualcosa da dire e a tutte le orecchie che sono disposte ad ascoltare. La musica che ti ritrovi a canticchiare al ritorno sul tram, quella che “sono andato al concerto un po’ per caso, mi ci hanno invitato, girami il pezzo!”.

La musica vera che non ha bisogno di spinte, ma di mani e di bocche che la portino in giro, che la facciano suonare. Perché anche io la penso come Apice: le cose belle, le cose di valore, devono essere coltivate. Si deve dare loro il tempo, l’attenzione e la cura che meritano.

Ph: Fabio Semele

Mi capita praticamente ogni settimana di girovagare per Milano in cerca di qualcosa che mi parli davvero, che mi inchiodi i piedi davanti al palco e mi faccia passare anche la voglia di andare a fumare.

Apice, senza ombra di dubbio, lo è stato.

APICE ci regala notturni “Attimi di sole” in concerto all’Arci Bellezza di Milano

Se i pezzi di Apice sono belli quando ascoltiamo i suoi album, live prendono vita. E Manuel con loro.

Merito è indiscutibilmente anche dell’indimenticabile, numerosa e poliedrica band che lo accompagna. Troviamo Alessandro Martini (in arte Martiny) alla chitarra elettrica – che ci ha regalato un assolo meraviglioso su Traslocare – e Fabio Mano, compagno “since the very beginning” di Apice, alle chitarre e ai cori. Per quanto riguarda la parte ritmica, c’è Pietro Vitaloni alla batteria e Angelo Sabia al basso. Tutti loro sono stati fondamentali per rendere lo spettacolo quello che è stato.

PH: Fabio Semele

E c’è stato anche il tempo di presentare colleghe de La clinica dischi – nonché amiche – che stima molto, cosa che Apice mostra e dice.

In ordine di apparizione abbiamo visto sul palco la giovane e talentuosa Francesca Moretti, in apertura del concerto, la nostra amata Svegliaginevra, che ci riporta indietro all’estate del 2020 cantando in duetto con Manuel Barche, e l’istrionica e bravissima cmqmartina, che canta con lui un’emozionante Crepe in acustico.

Abbiamo ascoltato pezzi del nuovo album, come Radici, Precipitare, Geronimo, e la poetica Fulmini di guerra, che ha fatto venire voglia un po’ a tutti noi di mettere “il cuore al rovescio nello zaino di scuola“. Ma anche pezzi di BELTEMPO, album del 2019, tra cui Ciao, che mi sembra sempre che parli proprio a me.

Perché non ce n’è: Manuel sa scrivere e sa comporre e lo sa fare bene. Mica per niente nel 2019 si è aggiudicato il Premio Fabrizio De André dedicato al cantautorato. E musicalmente sono gusti, non ci piove, ma questo è oggettivo: avere qualcosa da dire e riuscirlo a dire così bene non è per nulla scontato.

Il live

Il talento musicale di Apice, poi, è esplicito in diversi modi.

Inoltrandoci proprio nell’aspetto live del concerto, posso dirvi che mi ha stupito la sua capacità di “reggere il palco“, come si suol dire. A mio avviso, poi, in assoluto una delle parti più complesse in un concerto dal vivo.

Apice crea un rapporto tra lui e il pubblico, tra il pubblico e la band. Racconta aneddoti, inserisce pensieri, opinioni e il tutto scorre in modo naturale. Si sente che è spontaneo, che non c’è finzione o costruzione.

Ed è forse questo il trucco: avere talento e non avere bisogno di trucchi.

Che poi è quello che ci ha tenuti incollati lì, senza perderci nemmeno un momento: perché noi, come pubblico, eravamo parte integrante del concerto stesso.

E siamo rimasti lì, insieme, a cantare. E io mi sono scordata di uscire a fumare.

Ph: Fabio Semele

“Je so accussì”, Serena Brancale ci mostra tutto ciò che è: l’intervista

Il 25 marzo è uscito il terzo album di Serena Brancale, Je so accussì, per Isola degli artisti.

Un progetto che racchiude un po’ tutta Serena. Ci sono grandi featuring, omaggi al suo artista preferito, i suoi generi, i suoi luoghi e le sue donne del cuore.

Il nuovo disco è stato anticipato da due singoli, “Je so’ pazzo“, omaggio all’intramontabile Pino Daniele, in featuring con Richard Bona e “Pessime intenzioni”, cantata con Ghemon.

Insomma, la talentuosa cantautrice barese, distaccandosi volutamente da una ferrea etichettatura di genere, ci dà la possibilità di entrare nel suo mondo e conoscere molto di sé e della sua musica.

Il talento di Serena, poi, non è certo un segreto.

Ricordiamo che, dopo la partecipazione al Festival di Sanremo del 2015, dove ha presentato il brano “Galleggiare” dall’omonimo album, conquista palchi e riceve ampi consensi da parte di grandi personalità del mondo della musica, divenendo una delle cantanti più riconosciute nell’ambito della musica soul/jazz italiana.

Serena non si ferma qui. Con il nuovo album ammalia anche Quincy Jones, che rimane felicissimo di “Je so accussì“, dandole, ufficialmente, il benvenuto in famiglia.

Intervista a Serena Brancale, “Je so accussì” (e non ho paura di mostrarlo al mondo)

Serena mi ha accolto durante l’intervista con un sorriso che illumina la stanza e il tono amichevole di chi ti conosce da sempre.

Era da tanto che non mi capitava di ascoltare un album e di trovare belli tutti i pezzi al suo interno. Dopo aver conosciuto Serena ho capito che il suo nuovo disco non è l’unica cosa ad essere bella e potente.

Quindi – dopo qualche scambio di consigli tra donne e un dibattito su quale sia l’orario giusto per l’aperitivo – iniziamo a chiacchierare di Je so accussì.

Siamo partiti da “Galleggiare”, siamo passati per “Vita da artista” e siamo arrivati a “Je so accusì”. Tre tappe di un percorso. Come ti senti cambiata? Cosa senti sia diverso in questo nuovo album?

In tutto.
Sono più cosciente, più ordinata nei pensieri, in quello che voglio dire e nei testi.

Questo è il primo album in cui ho co-scritto e ho collaborato con altri produttori. Sono entrata a far parte di un management diverso, Isola degli artisti, e ho un manager, Carlo, che mi ha ascoltata tanto tempo prima di entrare in studio a scrivere pezzi. Mi sono sentita capita e sentivo che partivamo dalla stessa linea.

È proprio in questa fase che abbiamo pensato cosa cantare: Bari, l’omaggio a Pino, un genere che non è jazz, non è soul, ma è qualcosa che fa parte della mia identità e non per forza deve essere etichettabile.

C’è stato maggior ordine anche nella struttura e stesura dei brani, siamo andati per step. Prima abbiamo registrato in trio acustico, partendo sempre da una base di scrittura legata al jazz live, dopodiché tutti i brani sono stati portarti in post-produzione, dando un vestito più nu-soul e più moderno ai pezzi. La terza fase è stata aggiungere il featuring giusto rispetto alle canzoni.

E a proposito dei featuring… Come sono nate queste collaborazioni che si inseriscono perfettamente nel disco?

C’è stata un po’ di fortuna, un po’ di casualità e sicuramente un grandissimo rapporto di stima con tutti gli artisti.

Tutte le voci che senti non sono state studiate a tavolino o contattate dal management, ma sono persone che io ho chiamato in prima persona perché stimo. Margherita è una mia amica, Rochelle, Richard Bona, Ghemon, sono tutti artisti con cui sono entrata in contatto basandomi su stima reciproca e.. sui social!

Può far ridere, ma è proprio così infatti che ho potuto conoscere e poi stringere delle amicizie e dei rapporti con molti artisti di talento. Pensandoci forse questo album si dovrebbe chiamare “Je so accussìAnche grazie a Instagram“.

Je so accussì” l’ho trovato speciale perché racchiude un po’ tutta te. Come dicevamo prima, canti un genere tutto tuo, tra il soul, jazz e R&B, canzoni girl power, ma anche casa, Bari e il suo dialetto, il Sud, Pino Daniele che rimane per te IL modello. È stato difficile mettersi così “a nudo”? Parliamo dei temi principali.

No, non è stato difficile, ma non è stato immediato.

Prendevo coraggio mano a mano che scrivevo i brani. Il primo pezzo è stato “Je so accussì” ed è stato una chiave importante perché mentre scrivevo in dialetto ho capito che la cosa poteva funzionare.

Dovevo fare come Pino Daniele, che è, per questo motivo, il perfetto omaggio in questo album. È stato il primo che ha fatto questo esperimento: usare la sua lingua per cantare la sua terra. C’è un rimando a lui in qualsiasi dettaglio, anche nel titolo.

Fondamentali sono stati i feedback in questa fase, perché ero dubbiosa sul dialetto barese, non sapevo quanto avrebbe atticchito. Però poi la cosa che veniva fuori è che io ero veramente me stessa cantandolo; anche cantarlo sul palco mi veniva facile.

Dentro c’è quindi la Puglia, la mia terra, ma anche le mie donne, mia mamma e mia sorella.

La figura della donna la canto sempre pensando a mia madre e a quanto sia stata importante nella mia famiglia, era lei il capo. Mi piace cantare la bellezza delle donne nelle cose semplici: la donna che si tocca – che basta con sti tabù! -, la donna che cucina, la donna che piange. La donna che, alla fine, è forte nella vita di tutti i giorni, nei piccoli gesti.

Soprattutto negli ultimi anni – forse per gli eventi difficili che abbiamo vissuto o perché abbiamo avuto più tempo per riflettere – si parla di più di accettazione di se stessi nella musica. Je so accussì è un inno che dice “amami per quello che sono”. Tu pensi di essere scesa a patti con quello che sei, di esserti accettata come artista e come donna?

Io penso di sì in generale, al di là delle cose del quotidiano, momenti di gelosia o sconforto. Non siamo ovviamente ogni giorno uguali.

Nella musica mi sento sempre più sicura e tranquilla. Poi figurati in questo momento che è uscito l’album, mi sento alla grande, come Lady Gaga!

Forse, l’unica cosa che cambierei di me è la capacità di lasciarmi andare: sono molto riflessiva, mi faccio un sacco di problemi, anche se poi da fuori, mi vedi, non sembra.

Beh, non ci resta che parlare di Quincy Jones! So di un video in cui ti dà il benvenuto in famiglia.

Quincy Jones che vorrei conoscere e arriverà il momento in cui lo conoscerò. Quando ho ricevuto il video ho pianto, non ho dormito!

Tramite Richard ha ascoltato l’album, gli è piaciuto un sacco, soprattutto il mio omaggio a Bari. Mi ha fatto questi complimenti stupendi in cui mi dice: “Benvenuta nella famiglia Quincy Jones“.

Quindi, io spero di incontrarlo presto, aspetto che lui mi inviti, perché penso sia giusto così. Rimango intanto in attesa, con una collaborazione aperta, un brano che gli è piaciuto tanto e un bellissimo video.

In questo album ci sono tante parti singole che però compongono un’unità. Quali sono i piani futuri di questo piccolo “scrigno”?

Dipende sempre da cosa accade, ma per almeno un paio d’anni vorrei portarlo in giro dappertutto.

Perché ci sono tutti i caratteri giusti per portarlo all’estero, per cantarlo nelle piazze italiane, come nei festival jazz, nei teatri – che io amo per il contatto col pubblico che si crea all’interno -, ma anche in tv, perché ha diverse anime e tematiche.

Continuerò sicuramente a scrivere, ma ora voglio cantare, voglio anni di live.

Cance canta la bellezza di essere una “Mosca Bianca”: il video e l’intervista

Cance, la cantautrice pop con influenze R&B, nel suo ultimo singolo “Mosca Bianca” parla del coraggio di essere se stessi, andando controcorrente.

Dato il tema che sentiamo così vicino, abbiamo voluto fare una chiacchierata con l’artista che ha confermato di avere moltissimo da dire.

Cance non solo afferma la necessità di mettersi a nudo e di mostrarsi in tutto ciò che si è – nel bene e nel male -, ma lo esplicita anche visivamente nel videoclip del singolo, diretto dal regista Luis Turetti per Musa Factory.

Official video di Mosca Bianca – Cance

Qui troviamo, infatti, la giovane artista ligure che si fa tela. Sul suo corpo nudo vengono proiettate macchie di colori e luci che variano e si sovrappongono velocemente. Metaforicamente, questi quadri diversi e vorticosi che cambiano, sono tutto ciò che avviene nel quotidiano, esperienza dopo esperienza.

E mentre tutto si colora e si scolora e si illumina e si rabbuia, l’unica cosa fissa, immobile e immutabile, è il corpo di Cance stessa. L’essenza non si lascia spaventare dallo scorrere del tempo ma rimane ancorata a terra, sicura nello sguardo e nelle parole.

«Esiste un’essenza delle persone, una verità, ed è il corpo, assieme al mondo che nasconde dentro di sé. Tutto quello che vi sta sopra è una costruzione». Questo dice la cantautrice, che nel video non ha paura di mostrarsi svestita, libera nel corpo e nell’anima da convenzioni e pregiudizi.

Cance sottolinea quanto la capacità di mettersi a nudo, mostrare i suoi sentimenti, i suoi desideri, le sue fragilità, non sia debolezza, ma forza. Specialmente in un mondo che continua a dimostrare il contrario e non si ricorda più come si fa. Un mondo che sa solo giudicarti.

C’è tutto un mondo dentro di noi che non deve aver paura di fuoriuscire perché non si incastra alla perfezione con quello esterno. Non bisogna aver paura di essere mosca bianca.

Intervista a Cance: come vivere la vita da Mosca Bianca

Ma cosa vuol dire essere mosca bianca?

Abbiamo voluto capire meglio le ragioni che hanno spinto Cance ad affrontare questo argomento e conoscere la sua esperienza diretta e il suo punto di vista sulla questione.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi

Il titolo del singolo è molto forte e tu stessa hai affermato di sentirti «mosca bianca in mezzo ad uno sciame nero». In cosa ti senti particolarmente “diversa dalla massa”? Quando lo hai capito?

Io credo che ogni essere umano sia unico ed irripetibile ma che purtroppo non tutti abbiano il coraggio di vivere in libertà la propria unicità. Sono tante le “mosche nere” che per comodità tendono ad assumere un comportamento omologato e a mettersi nella posizione di giudicare le diversità in modo superficiale, applicando luoghi comuni. Questo probabilmente avviene per la paura del diverso, dello straniero, di ciò che non è uguale a noi e a volte per mancanza di conoscenza.

Io sento di essere unica in tanti aspetti del mio essere: a volte svampita e tra le nuvole, a volte testarda e magari eccessivamente profonda. Amo sempre andare oltre la superficie nei rapporti e credo che sia vitale, in un momento storico come questo, trasformare i contatti in relazioni e fondersi con le persone alla ricerca di affinità, che possano unirci per provare a cambiare il nostro domani.

Viviamo in una società veloce nella quale non si ha abbastanza tempo per se stessi e quindi figuriamoci per gli altri”. Non possiamo far rallentare la corsa del mondo che abbiamo contribuito a costruire, né scendere per ripartire da capo, possiamo però fermarci a capire che abbiamo bisogno di amore (libero, unico, fluido) in un mondo che corre più veloce di noi. Possiamo trovare il tempo di sentire il suono di una foglia che cade o il profumo del vento che cambia.

In Mosca Bianca canti di unicità e coraggio di essere se stessi contro le critiche e i giudizi delle persone. Questo è qualcosa che hai dovuto imparare nel tempo o, invece, sei sempre stata sicura delle tue idee e distaccata dal giudizio degli altri? 

Con il tempo ho imparato a dare il giusto peso alle opinioni degli altri e a farne tesoro, perché ogni incontro che facciamo nelle nostre vite, nel bene e nel male, contribuisce alla nostra crescita umana e, nel mio caso, anche artistica.

Voglio specificare una cosa, che potrebbe apparire ovvia: l’uomo è un essere sociale, non possiamo vivere senza gli altri, qualsiasi cosa noi facciamo viviamo sempre in relazione con questi ultimi.

La “mosca bianca” infatti non è un essere che si pone in alto rispetto agli altri, che costituiscono fonte di gioia, soddisfazione e ispirazione o sofferenza e sentimenti negativi. La vita si crea insieme, quindi non immagino e non desidero un mondo tutto per me. La mia “mosca bianca” chiede soltanto empatia e capacità di indossare i panni degli altri, soprattutto prima di esprimere un giudizio.

Credi che il messaggio che contiene il singolo sia reso bene in immagini nel videoclip? Che canzone e video si sposino bene?

Io non so se questo video è congruente con quello che dico, ma di certo c’è una base fondamentale di congruenza con quello che dico ed è il fatto che penso sia giunto il momento di fare cadere totalmente le barriere di protezione, di mettersi in gioco con la nostra vera essenza, senza costruzioni.

Ancora non so se sono in grado di difendermi da tutti, però ci voglio provare, voglio mostrarmi senza protezioni e accogliere le opinioni altrui.

Ho osservato e vissuto tanti episodi di persone, soprattutto ragazzi, che vengono vessati sui social per il loro corpo e ho pensato: voglio provarci anche io, mi metto a nudo, perché io sono questa e mi accetto così come sono, con tutti i pregi e difetti. Voi dite quello che volete.

E sai cosa sto notando ad una settimana dall’uscita del video? Sto notando che non tutte le persone vogliono attaccarti ed essere cattive, le cose stanno cambiando e sento che la strada di consapevolezza che noi donne abbiamo intrapreso è quella giusta.

Essere una mosca bianca per me significa quindi avere il coraggio di essere ciò che si è (diversi, perché siamo tutti mosche bianche) e credo fortemente che questo atto possa contribuire anche a fare abbassare le armi agli altri. 

I ‘Dejavu’ di Avanzi: esce il nuovo singolo dell’artista milanese

0

Classe 1993, nato e cresciuto a Milano, Avanzi vive per la musica.

Inizia a suonare la batteria fin da piccolissimo, e fin da piccolissimo capisce che trasmettere e vivere sempre nuove emozioni è ciò che più lo fa stare bene, e non si ferma più.

Dal 2019 inizia a pubblicare una serie di singoli che esplorano tutti i tipi di sperimentazioni che tanto gli sono care: le sonorità e le tematiche spaziano tra tantissime sfaccettature differenti.

Ed è proprio grazie a queste sfaccettature che Avanzi si crea una fan base sempre più ampia, che ascolta e riascolta “Forse/Credo”, “Scarpe da ginnastica”, “Nina”, “Vertigini”, “Compasso” e “Ciao raga”: nel giro di un anno su Spotify i numeri salgono fino a più di 200.000 visite, l’ingresso in 3000 playlist, 5000 salvataggi.

I numeri non mentono: Avanzi sta andando avanti per la sua strada, mischiando sonorità pop, lofi, blues, e lo fa cercando di essere sempre attuale, e allo stesso tempo sempre, fortemente, vero.

Nel 2020 esce “Uma Thurman”, che cambia ancora il volto della sua musica: i riff freschi delle chitarre elettriche mixati con sonorità moderne lofi creano una traccia molto attuale, con lyrics ironiche e malinconiche allo stesso tempo.

Con le ultimissime release “Fuori tempo” e “Per finta” Avanzi porta avanti il suo progetto, che continua oggi, il 25 di Febbraio, con un nuovo, interessantissimo singolo.

E oggi siamo contenti di averlo qui con noi, a Indielife, a presentarlo in anteprima.

Ecco il nuovo singolo di Avanzi su Youtube
  1. Ciao! È un piacere averti qua con noi, per l’uscita del tuo ultimo singolo. Direi di partire da un elemento che accomuna tutto il tuo lavoro: un certo fil rouge, che potrebbe essere ricondotto alla notte. Tra diverse sonorità, quindi illuminata da diverse luci, la notte accompagna tantissimi testi dei tuoi pezzi. Ci racconti che ruolo ha nella tua vita? La preferisci al giorno per scrivere, per pensare, per ascoltare musica?

Ciao, piacere mio di essere qui!

Effettivamente non avevo mai ragionato su questa cosa, ma non posso che confermare questa osservazione.

La sera/notte è tendenzialmente la parte della giornata che posso dedicare maggiormente a me stesso e soprattutto dove posso essere me stesso al 100%, quindi sì, ha un ruolo fondamentale per me.

Sarà che siamo tutti più rilassati, sarà l’atmosfera diversa, ma, nel bene o nel male, la notte succedono spesso cose che durante il giorno non succedono, o quanto meno sono molte volte più interessanti, motivo per cui la maggior parte delle mie canzoni raccontano di eventi accaduti al calar del sole.

Al di fuori di questo, sicuramente la notte mi trovo più a mio agio, mi sento più ispirato, non so, ma raramente mi viene sonno ad un orario decente (cosa che ovviamente poi si ripercuote sul mattino, ma questo è un altro discorso).

  • C’è tanto nella tua musica. Veramente tanto. Di nuovo, di sperimentale. Pop, Lofi, Blues, cantautoriale. Ci sono chitarre elettriche, synth, una linea di basso sempre molto marcata. Qual è stato, per te, il genere più difficile da approcciare? E quale invece ti ha divertito di più?

Mi è difficile fare distinzione tra un genere e l’altro, per il semplice fatto che tutto quello che scrivo e produco (quanto meno per me) è un flusso di coscienza. In quei momenti non mi interrogo tanto su che suono, che bpm o che progressioni armoniche utilizzare, semplicemente mi metto lì e suono qualcosa, spulcio tra i milioni di suoni nelle librerie del mio computer. Poi nel momento in cui sento che c’è qualcosa di “magico”, qualcosa che difficilmente si può spiegare a parole, ma che si percepisce non appena i vari pezzi si incastrano tra di loro, allora è la strada gusta da seguire, ovunque essa porti. E, soprattutto, ogni volta che succede questa cosa, è un po’ come vedere il futuro.

  • Passiamo un attimo al tuo singolo: Dejavu, in uscita il 25 Febbraio. Si parla d’amore, di insicurezza. Di una relazione finita. Sembra quasi dettata da un momento di sconforto, e – a parer mio – è un lavoro molto, molto sentito. Molto personale. Che ruolo ha la musica per te di fronte a momenti così?

La mia musica, da sempre (o quanto meno da quando ho iniziato a scrivere canzoni), è la mia valvola di sfogo per eccellenza. Nella vita privata sono una persona che tende ad interiorizzare tutte le cose più tristi e dolorose, cercando di non mostrare al mondo insicurezze o fragilità, anche alle persone a cui voglio bene. Di conseguenza, scrivere è l’unico modo che ho per esternare tutto questo, senza sentirmi a disagio.

Un po’ mi fa ridere pensare che i miei pensieri più intimi siano in realtà alla portata di tutti.

  • Musica, ma non solo. Sono curioso di conoscere un po’ l’uomo dietro al cantante. Che cosa fa quando non suona e non compone Lorenzo? Cosa lo emoziona, da cosa si fa ispirare?

Allora, contando che circa metà delle mie giornate lavorative le passo a produrre canzoni per altri artisti, l’altra metà di solito la passo a girare video. Il cinema è stata la mia prima vera passione (e tuttora i miei brani sono stracolmi di citazioni), prima della musica e di tutto il resto. Con i miei fratelli mi divertivo a girare cortometraggi (rigorosamente improvvisati) da quando avevo 9/10 anni e, nonostante non fossi minimamente in grado di fare nulla di tecnicamente corretto, la cosa mi faceva impazzire.

Ricordo, poi, che durante i primi anni delle superiori, con gli amici avevamo l’abitudine di andare al cinema quasi tutti i weekend (spesso a vedere film a caso, ma probabilmente il mio inconscio li ricorda ancora tutti).

Quando ho “scoperto” la musica, in realtà, ho abbandonato tutto quel mondo. Avevo così tanto da scoprire e da imparare, che suonare e ascoltare dischi sempre nuovi mi assorbiva completamente.

Poi, quasi per caso, anni dopo ho comprato una videocamera su Amazon per girare dei video di cover che riarrangiavo. Mi sono subito preso bene come una volta e da lì è presto diventata una carriera lavorativa.

Come si dice di solito: “Scegli un lavoro (in questo caso due) che ami e non lavorerai un giorno in vita tua”.

  • Per chiudere, un piccolo anticipo sul futuro? Qualche indizio per i tuoi prossimi progetti? Hai in mente qualche data live ora che – sembrerebbe – stanno riaprendo tutto?

Stiamo lavorando su diversi fronti.

Dal punto di vista delle produzioni in studio, il fil rouge delle copertine dei nuovi singoli dovrebbe suggerire la meta.

Sarebbe anche molto bello poter tornare a suonare dal vivo come nel 2019, con la gente ammassata sotto al palco, il casino e tutto il resto, ma ovviamente, vista la situazione, è ancora tutto in forse, quindi è difficile fare programmi.

Per il resto non sono uno che fa progetti a lungo termine, la vita è bella solo se ti sorprende, quindi vedremo cosa salta fuori.

Trasportati a Sarajevo con Caruccio

Si chiama Sarajevo il nuovo brano di Caruccio, autore e produttore torinese conosciuto anche come Fractae, o più raramente col suo vero nome, Paolo.

Caruccio è infatti quel ragazzo con le camicie retrò, la chitarra tra le braccia e i super capelli ricci che cantava sotto il nome di Fractae la sua Malinconia Delivery.

Caruccio Sarajevo

Il progetto Caruccio è invece cominciato con la pubblicazione di Harem, un brano dal mood leggero che ci porta in giro su una Cadillac, accompagnati da suoni di chitarre dal sapore britannico che si fondono in un sound ipnotico Indie Rock.

Sarajevo è invece un pezzo più romantico, in cui Caruccio si spoglia totalmente davanti a noi e ci mostra il suo lato più dolce e insieme coraggioso.

“Sarajevo è una telenovela romantica coi Kalashnikov, lo spin-off in seconda serata di un grande film d’amore mai andato in onda, da guardare tutto d’un fiato bevendo le ultime due birre rimaste in frigo e canticchiando la canzone trash della sigla, forse ancora disponibile su qualche CD all’’autogrill”.

E ora che la musica dal vivo sembra finalmente ripartire, non perderti l’opportunità di ascoltare Caruccio live il prossimo sabato ad Arci Bellezza a Milano in apertura dei Tonno. Prevendite su DICE.

Piuma Dischi | Sugar Music Publishing

Una voce per San Marino verso l’Eurovision: in gara anche Achille Lauro

L’Eurovision Song Contest si avvicina e chi sarà il prescelto a rappresentare San Marino? Tra i candidati, la star a sorpresa annunciata è un artista che abbiamo visto da poco sul palco dell’Ariston, Achille Lauro.

La scelta su chi rappresenterà la Repubblica verrà presa tramite l’originale concorso canoro dal respiro internazionale Una voce per San Marino“.

La finale del festival si svolgerà sabato 19 febbraio 2022, al Teatro Nuovo a Dogana, nella Repubblica.

Alle 12.20 l'annuncio dei 9 Big di “Una voce per San Marino”

Una voce per San Marino: come nasce il progetto in vista dell’Eurovision

Una voce per San Marino nasce grazie alla collaborazione tra RTV, Media Evolution, la Segreteria di Stato per il Turismo, Poste, Cooperazione ed Expo della Repubblica di San Marino.

L’idea è quella di scegliere un rappresentante in vista dell’Eurovision 2022 che non fosse meramente selezionato da una giuria di esperti, ma che “si guadagnasse” il posto nel grande festival di maggio.

E quale miglior modo di farlo se non attraverso una gara?

«È una novità assoluta in Repubblica. Una sfida nella sfida, perché è un modo per far conoscere San Marino a tantissimi artisti». Questo commenta il Segretario per il Turismo Pedini Amati.

Il progetto viene ideato settembre e, in due mesi, è presentato e accolto con grande entusiasmo. C’è dentro tutto: la musica dal vivo che ci è mancata in questi anni, la possibilità di confrontarsi con artisti internazionali, la necessità di far conoscere la piccola ma grande Repubblica di San Marino al mondo.

È proprio sull’internazionalità della gara che si è tenuto a porre l’accento più volte, oltre che sull’inatteso successo della proposta stessa.

350 sono stati gli artisti iscritti alla selezione, artisti che venivano letteralmente da tutto il mondo e che volevano mettersi in gioco per rappresentare il Paese all’interno del contest.

Importante è stata la risposta, soprattutto se pensiamo che siamo ancora in periodo Covid e che le selezioni sono state in presenza. Questo sottolinea come la passione per la musica sia un vero e proprio motore e come si percepisca la necessità di creare e partecipare ad eventi dal vivo.

Inoltre, per la prima volta, vedremo emergenti gareggiare contro artisti già affermati, tra i quali, la grande novità è proprio Achille Lauro.

Una voce per San Marino: Achille Lauro entra in gara per l’Eurovision

Erano 9 i Big e 9 gli emergenti preventivati in gara, a cui si è aggiunto un cantante d’eccezione, Achille Lauro che aveva già precedentemente fatto richiesta per rappresentare il Paese.

È dunque ufficiale, nonostante le voci post-Sanremo, Tananai o La Rappresentante di Lista non prenderanno parte alla gara e non si accettano più candidature.

Tra i big oltre Lauro vedremo la partecipazione di:

  • Cristina Ramos dalla Spagna
  • Francesco Monte
  • Alessandro Coli e DJ Burak Yeter dall’Olanda
  • Valerio Scanu
  • Blind
  • Ivana Spagna
  • Matteo Faustini
  • Tony Cicco & Deshedus e Alberto Fortis
  • Fabry & Labiuse feat Miodio dalla Repubblica di San Marino

Questi cantanti si sfideranno tra di loro e con altri 9 emergenti nella finalissima. Il confronto sarà di sicuro interessante e la giuria selezionerà il finalista.

La serata sarà condotta da Senhit, la cantante che aveva rappresentato San Marino all’Eurovision del 2011, e Jonathan.

La giuria sarà composta da 5 professionisti del settore, i cui nomi verranno annunciati ufficialmente il 18 febbraio 2022.

Che dire?

Siamo curiosi di assistere per la prima volta questa gara internazionale, dove vedremo cantanti da tutto il mondo sfidarsi per rappresentare la Repubblica.

Dove lo vedo?

Vi ricordiamo che la finalissima si svolgerà il 19 febbrario 2022. I biglietti sono in prevendita su Viva Ticket.

La gara finale verrà trasmessa su San Marino RTV, canale 831 del digitale terrestre, 93 Tivùsat e 520 di Sky.

Quarta serata al Festival di Sanremo: le cover e i duetti

Amici di Indielife, siamo ufficialmente agli sgoccioli: la quarta e penultima serata del Festival di Sanremo dedicata a cover e duetti si è conclusa. E, possiamo dirlo, si è conclusa con un podio inaspettato.

Vincitori della notte sono Gianni Morandi e Jovanotti, armati del medley delle loro rispettive canzoni, seguiti – non sorprendentemente – da Mahmood e Blanco con “Il cielo in una stanza” ed Elisa con “What a Feeling”.

Da dire c’è tanto, ma andiamo con ordine.

Sorpresa nella co-conduzione: Maria Chiara Giannetta, attrice protagonista di Blanca, è stata una delle stelle della serata. Tra la gag-tributo con Maurizio Lastrico e il commovente monologo sulla serie, incentrato sul tema della cecità, si è rivelata l’attrice di talento che sicuramente è. Brava!

sanremo, italy   february 04 maria chiara giannetta attends the 72nd sanremo music festival 2022 at teatro ariston on february 04, 2022 in sanremo, italy photo by daniele venturellidaniele venturelligetty images

Il momento con Lino Guanciale è stato il tipico siparietto sanremese, ma non lo abbiamo disdegnato.

Unica nota dolente: la performance dei Pinguini Tattici Nucleari che, siccome il web è un luogo meraviglioso, sono stati ribattezzati playback tattico nucleare.

Appurato che siamo (inaspettatamente) sopravvissuti agli ospiti e all’ennesima serata svegli fino alle 2, addentriamoci nelle pagelle dei nostri artisti.

Leggi anche Sanremo 2022: la terza serata.

Cover e duetti: le pagelle della quarta serata di Sanremo 2022

Noemi – (You Make Me Feel Like) A Natural Woman di Carol King per Aretha Franklin

LOOK: 8

Forse non avrei scelto quel colore su di lei, ma elegante e classica, come la canzone.

PATHOS: 6-

Si riprende sul finale, ma non ha suscitato tutta questa emozione, nonostante il pezzo.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 5,5

In realtà, cara Noemi, l’errore è stato nella scelta. Cantare Aretha è come fare funambolismo bendati e con un’ascia in mano.

Quindi, sebbene la voce della cantante sia indubbiamente bellissima e benché Noemi abbia creato la sua personale versione del pezzo, non convince.

DRAMA QUEEN: 5

No drama per Noemi, just esibizioncina classica e posata.

Giovanni Truppi e Vinicio Capossela – Nella mia ora di libertà di Fabrizio De André

LOOK: 6,5

Mi è sembrato di finire per un attimo sul set di Pinocchio, però da Vinicio non ci aspettavamo altro e alla fine non è stato così male (nonostante la onnipresente canotta di Truppi).

PATHOS: 7

Non male. Anche qui l’emozione va a braccetto con l’avanzare della performance.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7,5

Scelta coraggiosa, dato il gigante con cui si “confronta” Truppi, ma, niente da dire, l’accoppiata si rivela vincente.

DRAMA QUEEN: 7

La mis-en-scène ha aiutato e hanno fatto esattamente quello che il testo permetteva loro.

Yuman con Rita Marcotulli – My way di Frank Sinatra

LOOK: 8

Essenziale e monocromo, coerentissimi con la proposta portata.

PATHOS: 5,5

Se potessimo votare solo Rita Marcotulli sarebbe un 10, ma Yuman canta con la stessa emozione che avrebbe una persona del pubblico a trovarsi per caso sul palco dell’Ariston mentre cerca il bagno.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 4

NO. Date le capacità canore e il timbro di Yuman ci aspettavamo molto molto molto di più. E, anche qui, perché scomodare un vero e proprio dio della musica se il risultato deve essere questo?

DRAMA QUEEN: 6-

Se l’avesse cantata bene, sarebbe un sei. Esibizione senza troppo drama.

Le Vibrazioni e Sophie and the Giants – Live and Let Die di Paul McCartney

LOOK: 7

Coerente con il mood, mi è piaciuto, anche se si poteva osare di più.

PATHOS: 5

L’emozione è data dal pezzo che è una meraviglia, niente di più.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 6

Se dovessimo dare un titolo a questa performance, la chiameremmo “il compitino“. Ho visto cover band farla con più cuore. Non male, ma niente di che.

DRAMA QUEEN: 4

Era un pezzo che avrebbe dovuto ESSERE il drama – alla Jennifer Laurence in American Husltle (se non avete idea di cosa parlo, recuperate qui) – e non lo è stato per niente.

Sangiovanni con Fiorella Mannoia – A muso duro di Pierangelo Bertoli

LOOK: 8+

Due generazioni a confronto. Il bianco e il nero. Eleganti, belli.

PATHOS: 7,5

Non era facile non farlo scadere nel banale e sono stati bravi ed emozionanti. C’è stata interpretazione.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 8

Sangiovanni ha dichiarato su Rolling Stone che non è un cantante per bambini. Nonostante gli scetticismi, ha talento, e ieri sera lo ha confermato, brillando accanto alla sempre splendida Fiorella Mannoia.

Sangiovanni, nei suoi 19 anni, ha interpretato veramente bene un pezzo storico come questo.

DRAMA QUEEN: 7

Nonostante la canzone non permettesse grandi exploit, è stata una bella scena: gli sguardi, l’emozione, il testo sono stati trasmessi nel modo giusto.

Emma e Francesca Michielin – Baby one more time di Britney Spears

LOOK: 9

Abiti meravigliosi, loro stupende.

PATHOS: 7

Ho apprezzato la palpabile intensità e la complicità che c’era tra le due.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7,5

Ripeto, benino. Probabilmente sono partite svantaggiate perché quando abbiamo letto “Britney Spears” abbiamo alzato l’asticella delle nostre aspettative.

Al di là dei gusti personali, si riconfermano indubbiamente le cantanti di talento che sono.

DRAMA QUEEN: 7,5

Qui la canzone ha invece aiutato: Britney non può che essere l’emblema del drama! Ci aspettavamo di più? , ma comunque non male.

Gianni Morandi e Jovanotti – medley dei loro successi

LOOK: 7

Eleganti e in linea con la proposta. Tuttavia, non ho potuto non pensare ad Abatantuono in Camerieri.

PATHOS: 8

Divertente, c’era complicità, e loro sono dei veri professionisti del live, non possono non emozionare. Specialmente non con i pezzi del medley.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 8,5

Sono arrivati primi in classifica per un motivo: è stata oggettivamente una bella esibizione.

Appunto da fare: l’esperienza di anni nei concerti qui ha giocato un ruolo fondamentale, determinando la distanza tra loro e gli altri.

DRAMA QUEEN: 8

Le scenette non sono mancate ed erano tutte molto in linea con il sound senza scadere nell’esagerazione.

Elisa – What a feeling di Irene Cara

LOOK: 7,5

Semplici ed efficaci.

PATHOS: 9

La voce di Elisa ti smuoverebbe qualcosa da dentro anche cantasse “Fra Martino Campanaro” e per questo parte già in vantaggio. Elena D’Amario ha reso in movimento quello che lei cantava.

Non ha potuto che essere magico per chi le guardava da fuori.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 9

Bello tutto e furba la scelta della canzone.

Elisa è nata per cantare ed Elena – che ha aiutato tantissimo la performance – è nata per ballare. L’unione è stata senza ombra di dubbio vincente.

DRAMA QUEEN: 8,5

Passione, Flash Dance, finale in scivolata corredato da abbraccio e sanding ovation. Devo aggiungere altro?

Sanremo 2022. Elisa canta "What a feeling"

Achille Lauro e Loredana Bertè – Sei bellissima di Loredana Bertè

LOOK: 7

Niente che non ci aspettassimo.

PATHOS: 9

Alta l’intensità e palpabile l’emozione e la paura di Lauro. Questa trasparenza la abbiamo apprezzata.

La Bertè, invece, È emozione.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7

Performance resa bella dalla canzone e dall’intramontabile Bertè (che prima o poi ha il dovere morale di dirci come fa).

Achille Lauro non dà questo grande apporto. Che sia stata la scelta sbagliata?

DRAMA QUEEN: 8

Sarebbe stato un 5, ma poi è arrivata la lettera di Lauro…

Matteo Romano e Malika Ayane – Your song di Elton John

LOOK: 5

Matteo deve aver fatto sicuramente qualcosa di male per essersi meritato questi pantaloni.

PATHOS: 8

Bel gioco di sguardi, non male. La canzone si presta e fa commuovere sempre.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7,5

Bel pezzo, ben eseguito e loro sono oggettivamente bravi.

Non è scaduta nel compitino anche perché l’orchestra è stata meravigliosa (per loro 10).

DRAMA QUEEN: s.v.

So che lo amate quanto me, ma purtroppo niente drama at all.

Irama e Gianluca Grignani – La mia storia tra le dita di Gianluca Grignani

LOOK: 4

Non c’è stata nessuna intesa nel look di uno e dell’altro.

O si è Mary Poppins o ci si veste da graffito. L’unione dà come risultato questo disastro.

PATHOS: 5

Non mi ha emozionata, mi ha trasmesso lo stesso sentimento di una cantata a cena da amici con la chitarra acustica.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7

Loro vocalmente bravi, evitabile il siparietto da villaggio turistico “su la voce, tutti insieme”, ma ormai Gianluca lo conosciamo. Irama se l’è cavata.

DRAMA QUEEN:10

Anche qua, non ci aspettavamo niente di diverso. Sei una rockstar Gianluca“.

Ditonellapiaga e Rettore Nessuno mi può giudicare di Caterina Casell

LOOK: 7,5

Belle anche stasera, ma data la scelta musicale, si sarebbe potuto osare di più.

PATHOS: 6

Non c’è partita con il pathos che vediamo in Chimica. Bellino, niente di che.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7

Noi indie lovers siamo un po’ di parte e amiamo questa coppia.

Tuttavia, erano veramente sottotono ieri e meno affiatate delle serate precedenti. Date le loro rispettive voci e la canzone scelta, avrebbe potuto essere la cosa indimenticabile che non è stata per niente.

DRAMA QUEEN:5

Da due rinomate drama queens come loro ci aspettavamo di più.

Sanremo 2022: Ditonellapiaga e Donatella Rettore cantano Nessuno mi può  giudicare

Iva Zanicchi – Canzone di Don Backy e Detto Mariano nella versione di Milva

LOOK: 8

Elegante come suo solito.

PATHOS: 8

Brava Iva, mi piace il sound, grande l’intensità. Emozionante.

SI PUÒ FARE DI PIÙ:8,5

Vocalmente parlando, lei è una delle più brave in gara senza ombra di dubbio.

Bella la versione, bella la musica, tutto giusto.

DRAMA QUEEN:9

Per contestualizzare il voto. Immaginatevi di mandare Iva a bussare alla porta del/della vostr* ex cantando questo pezzo.

Vedete che ho ragione?

Ana Mena e Rocco Hunt – medley

LOOK: 9

(Inaspettatamente) elegantissimi.

PATHOS: 6+

Divertente sì, emozionante no, se non primo pezzo.

SI PUÒ FARE DI PIÙ:7,5

E chi se lo aspettava?!

È stata intonatissima Ana Mena, bello il medley con Rocco Hunt, che se la rischia con un rap borderline su “Figli delle stelle”. Nonostante questo e un’eccessiva quantità di “su le mani, Sanremo”, non ho commenti negativi.

Bravi!

DRAMA QUEEN:8

Mood festaiolo e voglia di far diventare l’Ariston il nuovo Cocoricò, Rocco Hunt vince il premio drama queen della coppia.

La Rappresentante di Lista + Cosmo, Margherita Vicario e Ginevra – Be My Baby di The Ronettes

LOOK: 9

Visivamente tutti belli.

PATHOS: 8

Mi ha fatto venire voglia di anni ’60, di un concerto di Cosmo, di ballare vorticosamente per la camera e di parlare per ore d’amore.

Ottimo lavoro perché con questo pezzo non era facile.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 9

Squadra che più indie di così non si può a Sanremo 2022: ovviamente li abbiamo adorati.

Forse ci aspettavamo qualcosa di più da Margherita Vicario e Ginevra (e speravamo in un dj set di Cosmo), ma comunque gran bel momento.

DRAMA QUEEN:5

Avrei detto che avrebbero osato di più da questo punto di vista.

Massimo Ranieri e Nek – Anna verrà di Pino Daniele

LOOK: 9

Ho davvero apprezzato lo stile sobrio ed elegante.

PATHOS: 8

Anche qui, la scelta della canzone fa tanto e questa è stata ragionata.

Per me è un . Mi ha emozionato.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 8/9

A Ranieri piace vincere facile, dato il pezzo e le voci in questione.

Ma, comunque sia… Che glie’ voi di a sti due?

L’ho trovata una delle performance migliori.

DRAMA QUEEN: s.v.

Michele Bravi – Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi di Lucio Battisti

LOOK: 9

Alla moda, ieri sera per Michele era un sì.

PATHOS: 8,5

Fare Battisti è un’arma a doppio taglio soprattutto quando parliamo di pathos. Non è affatto facile il “confronto emotivo” con il cantante.

Michele Bravi si rivela all’altezza della sfida.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 8

Ha puntato un po’ troppo tutto sull’emozione, ma si porta a casa una bella esibizione, è indiscutibile.

DRAMA QUEEN: 9

Con questi sguardi intensi lanciati alla telecamera come se ci guardasse dritti negli occhi, si aggiudica il premio drama.

Mahmood e Blanco – Il cielo in una stanza di Gino Paoli

LOOK: 8

Non si scostano dallo stile delle altre serate, ma sono sempre visivamente belli.

PATHOS: 10

È stato meraviglioso, l’intesa tra i cantanti era alle stelle ed è stata una ninna nanna per il cuore.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 9,5

Qualsiasi sia la sfida, Blanco e Mahmood la vincono.

Una canzone-emblema della musica italiana, bella da far male e facilissima da far scadere nel banale, diventa un’altra cosa, si colora di nuove sfumature. Fedeli e rispettosi dell’originale, creano una propria, altrettanto stupenda, versione.

DRAMA QUEEN: 6

L’interpretazione intensa che ci fa stare col fiato sospeso e gli sguardi tra i due creano una scenetta che è, giustamente in questo contesto, leggera come una nuvola.

Rkomi e i Calibro 35 – medley di Vasco Rossi

LOOK: 8

Oltre a farci vincere un sacco di punti al Fantasanremo, ci piace.

PATHOS: 7,5

Ha interpretato e comunicato, mi è piaciuto.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 8+

Vasco è il suo.

Rkomi – che ha uno dei timbri più riconoscibili – si è rivelato all’altezza del medley facendo Vasco a modo suo.

DRAMA QUEEN: 8

Nudo sul palco a cantare Vasco. C’è davvero bisogno che lo dica?

Vasco Rossi, omaggio a Sanremo con Rkomi e i Calibro 35. E lui ringrazia -  Spettacoli - ilrestodelcarlino.it

Aka 7even ed Arisa – Cambiare di Alex Baroni

LOOK: 10

A mani basse i vincitori per quanto riguarda lo stile ieri sera.

PATHOS: 8

C’era emozione e chi non si commuove con Alex Baroni ha la stessa emotività di un termosifone.

Furba la scelta del pezzo.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 8

Un appunto da fare è che il voto è dato da Arisa, senza dubbio una delle voci migliori che abbiamo in Italia.

Aka7even non fa niente di che, il palco non è suo, benché non sia malaccio. Ma togliete Arisa dalla performance, che ne rimane?

DRAMA QUEEN: 8

Passione, piume, CAMBIARE DI ALEX BARONI. Il drama c’è.

Aka7even a Sanremo con Arisa: il significato delle scritte sul completo  bianco

Highsnob e Hu + Mr Rain – Mi sono innamorato di te di Luigi Tenco

LOOK: 8,5

Eleganti, giusto per il pezzo, ma… Che fine hanno fatto i tatuaggi di Highsnob?

PATHOS: 6-

La canzone è emozionante. Loro ci hanno provato con risultati altalenanti.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 5

Perché scomodare Tenco?

Si rifanno sul ritornello, ma le strofe proprio no. L’orchestra è l’unica vera protagonista.

Mr Rain mi sono ricordata che ci fosse solo negli ultimi secondi. Inutile in questa veste.

DRAMA QUEEN: 6

Hanno provato ad usare la mimica per seguire il testo, ho apprezzato il tentativo.

Dargen D’Amico  La bambola di Patty Pravo

LOOK: 8

Ho amato questo completo black and white. Con gli occhiali crea un contrasto vecchio-nuovo che rispecchia la cover.

PATHOS: 9

Dà una carica palpabile e lui ci è dentro al 100%.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 10

Una cover rivisitata in un modo pazzesco.

Senza alcun dubbio una cosa diversa che diventa emblema del concetto “emulare“.

Bellissima, bravo Dargen.

DRAMA QUEEN: 9

Dargen che canta Patty Pravo in mezzo al pubblico, che suona il triangolo, dice le parolacce, bacia la telecamera, balla e canta con il coro, Dargen che si fa cacciare dal palco da Amadeus fa di tutto per rivelarsi una drama queen.

Sanremo 2022. Dargen D'Amico canta La bambola

Giusy Ferreri e Andy dei Bluvertigo – Io vivrò senza te di Lucio Battisti

LOOK: 9

Elegantissima tutte le sere.

PATHOS: 6

Ci ha provato, ma non è arrivata.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 4,5

Non ci siamo. Non è sembrata niente di che, tantomeno una professionista.

L’impressione che dava era quella di un pianobar (contesto in cui ho comunque sentito versioni ben migliori di questa).

DRAMA QUEEN: s.v.

Questa canzone dà un sacco di spazio per strapparsi i capelli e avere il trucco colato, Giusy non ne ha approfittato.

Sanremo 2022. Giusy Ferreri canta "Io vivrò senza te" con Andy dei  Bluvertigo

Fabrizio Moro – Uomini soli dei Pooh

LOOK: 4

Qualcuno avvisi Fabrizio Moro che non è strettamente necessario essere zarri ogni sera.

PATHOS: 8

Ha cantato con sentimento e mi è arrivato. La canzone si presta ad essere emozionante, ma bravo.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 7

Non avrei fatto questa scelta musicale, ma qualcosa di diverso per una volta.

È rimasto nella comfort zone e questo un po’ lo ha penalizzato. Tuttavia, ha interpretato bene una canzone vocalmente molto difficile.

DRAMA QUEEN: 5

Quel pizzico che basta. O quel pizzico dato dalla giacca, non ne sono ancora sicura.

Tananai e Rosa Chemical – A far l’amore comincia tu di Raffaella Carrà

LOOK: 10

Dai, li vedete?

PATHOS: 10

Il pathos è proprio qualcosa che non è mancato in questa esibizione.

SI PUÒ FARE DI PIÙ: 9,5

Anche qui siamo davanti alla rivisitazione giusta di un pezzo.

Estremamente erotica, diversa ma rispettosa dell’originale. Tananai ha cantato inaspettatamente bene, il rap di Rosa Chemical era perfetto… Insomma, iconici.

DRAMA QUEEN: 10

Le regine della serata.

Zoom on: la dance ‘danse macabre’ di Dargen D’Amico

Lo avevamo detto: non passerà inosservato. Dargen D’Amico, al secolo Jacopo, non si è di certo presentato a Sanremo in punta di piedi. Il rapper/poeta/scrittore, però, potrebbe aver deluso più di un fan con la sua canzone.

Perché se per anni ci ha abituato a un viaggio all’interno dei massimi sistemi – morte, vita, sogno, mancanza – qui il cantautore milanese è partito fin da subito con un intento chiaro: “Dove si balla”.

E ha avuto la premura, per neofiti e non, di dissipare tutti i dubbi. Sbandierare ai quattro venti quello che voleva raccontare con la sua musica: una storia. Superficiale?

Noi non crediamo.

Ma andiamo con ordine.

“Dove si balla”, analisi (semi)seria

I lavori di Dargen sono un rebus. Da sempre e per sempre. Ci sono tante parole dietro a ogni parola, tante letture dietro a ogni verso.

Vi riportiamo i più significativi che ci ha cantato dal palco di Sanremo, sperando che non si vada troppo lontani da quella verità che da anni Dargen nasconde dietro ai suoi occhiali a specchio.

“Ultimamente dormo sempre anche se non sogno

Senza live – con il pile sul divano

Se dormi troppo poi ti svegli morto.

(Sono d’accordo).

Quindi dove andiamo?”

Il sogno. La morte. Proprio lui ormai qualche anno fa (perdonate la vecchiaia che avanza) scriveva “La morte è la vita vera, il sogno ne è un assaggio”.

Dormire senza sognare. L’idea totalizzante di un mondo piatto, perché se il sogno è libertà d’espressione, dormire senza sognare è arrendersi.

Bello vedere il contrasto della musica dance, da ballare, con Dargen steso sul divano, avvolto nel suo sudario di pile (immaginiamo sempre con i suoi occhiali da sole), mentre aspetta di svegliarsi.

Il Requiem più allegro del mondo.

E quindi davvero crediamo che questa sia una canzonetta? O sta provando a vedere che succede a mescolare la sua idea di vita, di morte, di arrendevolezza, di speranza, con una base che fa molto Eiffel 65 degli anni migliori?

Proprio lui, che nel suo penultimo cd ha collaborato con Isabella Turso, pianista di fama internazionale, ha deciso di presentarsi sul palco più importante d’Italia, quello di Sanremo, con una lavoretto tirato via?

Ecco la sua prima firma, quindi, che ci ricorda quanto fugace sia la vita, che scappa via al ritmo di una pennichella su un divano, mentre lui se ne rimane avvolto nel suo pile – senza live. Magari con Alexa che ci mette su una playlist di musica dance. Ecco un punto in cui i fan di JD possono ritrovarsi e dire: ‘Eccoci. Ci sta raccontando qualcosa. Non sappiamo cosa, ma lo scopriremo. Ci volesse una vita.’

Ci sta raccontando la superficialità di un mondo in cui solo l’apparenza conta, conta solo la musica dance e un bel vestito (ha specificato che sul divano sta con il pile, che sia una coperta o un maglione), la barba fatta da poco, i capelli pettinati.

E dove stiamo andando?

Ce lo dice Dargen, con la sua voce scanzonata, con la sua ironia che gronda ad ogni parola: stiamo andando

“Dove si balla

Fottitene e balla

Tra i rottami

Balla per restare a galla.”

Perché non possiamo affondare. Dobbiamo rimanere sul pelo dell’acqua con foto di Instagram belle, con la luce giusta, con il bicchiere pieno fino all’orlo e qualche fiore sullo sfondo, col paesaggio bello e il tramonto sulla veranda di casa.

Fottitene di quello che senti, balla tra i rottami dei social, tra le rovine degli stati su Facebook contro il calciatore di turno, tu balla.

E rimani lì, ad annaspare. A non sognare.

Da anni lui invece continua a ballare s.l.m. (sotto il livello del mare) e se ne fotte. Ci racconta la morte con una canzone di 18 minuti, Nostalgia Istantanea, e ci racconta la sua passione per le donne prosperose con Bocciofili. Indistintamente.

Mentre noi annaspiamo lui affonda. Ed è libero di muoversi come vuole.

“Balla per restare a galla

Negli incubi mediterranei

Che brutta fine fermi al confine

La nostra storia che va a farsi benedire

Ma va a capire perché si vive se non si balla.”

Eccoci qui. Prima della rappata finale. Che brutta fine fermi al confine tra libertà e il rimanere a galla, negli incubi mediterranei di un mare in cui siamo prigionieri.

E le nostre storie che se ne vanno, scappano via, sempre al ritmo di musica dance, con l’allegria di ripartire senza stare a pensare, senza soffrire, perché soffrire è brutto, la persona triste è brutta e cattiva.

D’altronde, “a essere belli e bravi siamo bravi tutti.”

Vai a capire perché si vive se non si balla.

Vai a capire perché ballare è diventata una malattia: ci è venuta subito in mente una storia strana, di quelle che sicuramente piacciono a Dargen D’Amico. La storia di una piaga bizzarra, un caso singolare di “isteria del ballo”, verificatosi nel 1518 tra gli abitanti di Strasburgo, dove l’intera popolazione ha ballato fino alla morte, fino a farsi sanguinare i piedi, fino a spezzarsi le ossa.

Che dietro a quelle lenti, mentre affonda, Dargen stia vedendo quella piaga che ritorna? Stiamo veramente ballando fino allo sfinimento mentre tutto intorno la musica non c’è (semicit. a Coez), come in quelle fredde giornate tedesche di 500 anni fa?

Forse la musica dance ce la stiamo immaginando, cercando una cornice colorata per foto vuote?

Perché anche Dargen, in fondo:

“Ogni tanto, in lontananza sento ancora musica

Che fa

Pa para-rà, pararà, pa-pà.”

Ci siamo. Chiudiamo canzone e pezzo. E che il messaggio consegnato a Sanremo sia questo o no (ci rimane da sapere) sappiamo che non ce lo scorderemo presto. E che continueremo a ballarlo ancora per un bel po’. Sperando che, piano piano, andremo un po’ a fondo.

Perché davvero rimanere a galla è così importante?

Sanremo2022: la seconda serata

Amiche ed amici sanremesi, appassionati di indie e vittime del nazionalpopolare tricolore, eccoci qui per le pagelle della seconda serata di questa settantaduesima edizione del Festival di Sanremo. Una serata aperta nel segno dell’attrice Monica Vitti, deceduta all’età di 90 anni, e proseguito tra alti e bassi (più i secondi in realtà), sia sul piano della gara che su quello degli ospiti.
Il monologo sul razzismo di Lorena Cesarini ha raccolto le simpatie della platea ma non è stato particolarmente convincente (voto: 5), mentre disastrose e ripetitive le gag di Checco Zalone, che farà anche ridere, ma dovrebbe ricordare che il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi (voto: 3).

Sanremo Festival host and artistic director, Amadeus, pays homage to Italian actress Monica Vitti on stage at the Ariston theatre during the 72nd Sanremo Italian Song Festival, in Sanremo, Italy, 02 February 2022. The music festival runs from 01 to 05 February 2022. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Laura Pausini ha illuminato il palco col brano scritto da Madame e dedicato “dalla Laura di oggi alla Laura che era qui, come concorrente, nel ’93, quando ho vinto la categoria Novità” (voto 10). Meno convincente il duo con Mika per il lancio della conduzione a tre di Eurovision 2022 Pausini-Mika-Cattelan (voto 7).

Foto da Corrieredellasera.it

Ma questi sono i fuori gara. Nella competizione, la serata è stata vinta da Elisa con O forse sei tu, con Emma seconda con Ogni volta è così e Ditonellapiaga e Donatella Rettore, che hanno cantato Chimica, terze. Flop abbastanza netto dei cantanti saliti da Sanremo Giovani, così come non hanno sfondato i talent-boys, con Sangiovanni miglior piazzato con Farfalle.
La prima generale invece vede un dominio della prima serata ma riserva una sorpresa. Ditonellapiaga-Rettore settime, Emma sesta, Morandi quinto, Dargen D’Amico quarto e La rappresentante di lista terza; ma Mahmood e Blanco, superfavoriti della vigilia, sono secondi in generale alle spalle della vincitrice della seconda serata, Elisa.
Va ricordato che la giuria era quella della sala stampa e che solo dalla terza serata, che vedrà esibirsi tutti i 25 partecipanti a Sanremo 2022, entreranno in scena il voto della giuria demoscopica ed il televoto, col 50% del peso per entrambi.

Ma ora entriamo nel vivo della seconda serata con le pagelle di Indielife in ordine di esibizione.

Sangiovanni – Farfalle

LOOK: Il rosa gli dona. VOTO: 7

PATHOS: Pezzo troppo ballabile per esserci pathos. VOTO: 5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Sa gestire il palco e l’eredità dei talent si sente. Non memorabile, ma si barcamena bene. VOTO: 7

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Nulla di che. VOTO: 5

DRAMA QUEEN: Anche qui nulla da segnalare. VOTO: 4

1 SU 1000 CE LA FA: Sangiovanni difficilmente vincerà, ma con Sanremo forse si avvicinerà al pubblico over 20. VOTO: 5,5

Giovanni Truppi – Tuo padre, mia madre, Lucia

LOOK: Nei brillantini sanremesi, lui porta la quota motociclistica. VOTO: 5,5

PATHOS: Non ce n’è stato molto. VOTO: 4

SI PUÒ FARE DI PIÚ: L’esperienza e la confidenza col pubblico pagano. VOTO: 6,5

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Il testo è un racconto-lettera, travestito d’amore ma puro d’affetto. Truppi è IL cantautore dell’edizione e si sente, anche se Sanremo punisce le penne più di quanto le premi. VOTO 7

DRAMA QUEEN: Nella seconda serata poco dramma, molti drammi (di trash televisivo)… Non il suo.: S.v.

1 SU 1000 CE LA FA: Il vincitore, semplicemente, non sarà lui. VOTO: 3

Le vibrazioni – Tantissimo

Poche parole per la prestazione peggiore della serata: 3 a tutto e meglio dimenticare presto.

Emma – Ogni volta è così

LOOK: Se qualcuno l’ha vista a X Factor, si renderà conto che all’Ariston ha avuto un upgrade estetico. VOTO: 6,5

PATHOS: Che Emma sia intensa è innegabile, la varietà vocale accentua l’insieme. Il palco è suo. VOTO: 8,5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Il palco è casa sua, appunto, e fa tutto quello che deve fare per ricordare a tutti quanti che la voce ce l’ha e la sa usare. VOTO: 8

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Purtroppo, è un po’ il punto debole: non drastico, ma nemmeno particolarmente bello. VOTO: 5,5

DRAMA QUEEN: Poteva fare meglio, ma risponde presente mimicamente. VOTO: 6,5

1 SU 1000 CE LA FA: Anche qui, se Sanremo fosse una gara di canto sarebbe sul podio. Per la serata, lo è stata. Per la prima generale provvisoria, meno. Ml VOTO: 7

Matteo Romano – Virale

LOOK: È abbastanza nella norma. Nulla di male, nulla di bene. VOTO: 6

PATHOS: Tantissimo il suo al debutto tra i Big, poco quello trasmesso. VOTO: 4,5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: In realtà, all’esordio, poteva andare molto peggio. Non trasmette molto, ma non si fa mangiare dalla situazione. VOTO: 8

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Il testo è la cosa che dice meno della sua canzone. VOTO: 4

DRAMA QUEEN: No. VOTO: 3

1 SU 1000 CE LA FA: La vittoria è calcare quel palco in questa competizione. VOTO: 5

Iva Zanicchi – Voglio amarti

LOOK: Non è calcata ed è un punto a favore. VOTO: 6,5

PATHOS: L’atmosfera la crea e la cavalca nonostante un brano non memorabile. VOTO: 6,5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Come sopra, solida nonostante una voce che porta il segno degli anni. VOTO: 6,5

PAROLE, PAROLE, PAROLE: A Sanremo i testi sono troppo spesso un problema. VOTO: 5

DRAMA QUEEN: L’iconicità c’è, il dramma non in senso lato. VOTO: 5,5

1 SU 1000 CE LA FA: Va così. VOTO 3

Ditonellapiaga e Donatella Rettore – Chimica

LOOK: Ditonellapiaga impeccabile, Rettore rivedibile. Si fa la media. VOTO: 5,5

PATHOS: Non era la canzone né la situazione, non c’è pathos ma non serviva. VOTO: 4,5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Cariche e dinamiche nonostante l’età della Rettore. Mangiano il palco e Ditonellapiaga è una bella sorpresa. VOTO: 8,5

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Rendere non banale una sorta di canzone d’amore è qualcosa di davvero difficile. Questo duo transgenerazionale ci riesce, e anche bene. VOTO 7

DRAMA QUEEN: Sfumature. VOTO: 5

1 SU 1000 CE LA FA: Difficile al limite dell’impossibile. Ma la classifica di serata dà loro ragione VOTO: 7,5

Elisa – O forse sei tu

LOOK: Elisa non ha nulla da nascondere, ma la tv vuole trucchi pesanti inutili. VOTO 4

PATHOS: Una delle cifre romantiche in senso artistico di questo Festival. Poco da aggiungere sull’emotività di performance e brano. VOTO 9

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Elisa, Emma, Iva Zanicchi, hanno il savoir faire di chi il palco lo considera un salotto. Classe. VOTO: 7,5

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Allieva di Battiato, protagonista della scena musicale a cavallo tra gli anni ’90 e il primo decennio del 2000. Qualcosa vorrà pur dire rispetto ai prodotti dei social. VOTO: 9

DRAMA QUEEN: Con certi artisti non si cerca il trash. S.v.

1 SU 1000 CE LA FA: Come sogno non è male. Sognare è gratis. VOTO: 8,5

Fabrizio Moro – Sei tu

LOOK: Elegante nella sobrietà. La decenza si fa con poco. VOTO 6,5

PATHOS: Fabrizio Moro non brilla per pathos in generale, figurarsi con una canzone à la Sanremo che ha fatto di tutto per rendere qualcosa più di una canzone d’amore. VOTO: 5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Il suo lo sa fare e lo fa (bene). Pulito. VOTO: 8

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Rendere decente una canzone da Sanremo è possibile se si sa scrivere. “La mia rabbia in affitto” è un’immagine che vale la sufficienza. Poi però non c’è molto altro. VOTO: 6,5

DRAMA QUEEN: Era meglio con Ermal Meta. S.v.

1 SU 1000 CE LA FA: Difficile. VOTO: 5,5

Tananai – Sesso occasionale

LOOK: Nella seconda serata il look uomini è stato parecchio prudente. VOTO: 5

PATHOS: Più che altro si balla. VOTO: 3

SI PUÒ FARE DI PIÚ: La categoria dice tutto. Qui l’autotune serviva. Il minimo è tre, non è tre perché l’arrangiamento era godibile. VOTO: 4

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Nulla di che nemmeno qui. La serata langue. VOTO: 3

DRAMA QUEEN: S.v.

1 SU 1000 CE LA FA: Non è lui quell’uno. VOTO: 3

Irama – Ovunque sarai

LOOK: Un po’ urban, un po’ punk. Gradevole. VOTO: 9

PATHOS: Ovunque sarai è una ballata molto in stile sanremese, ma ha qualcosa di non scontatissimo nell’atmosfera che crea. Tra soli e cuori c’è della malinconia. VOTO: 6,5

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Lo scorso anno era in albergo e partecipava con una registrazione delle prove generali. Ha fatto di più, è stato dal vivo, e il pezzo è cantato più che dignitosamente. VOTO: 7

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Il testo è suo ed è adatto al contesto. VOTO: 6

DRAMA QUEEN: Mimicamente ha il proprio peso. VOTO: 8

1 SU 1000 CE LA FA: Difficile che vinca, ma il pezzo è da top-10. VOTO: 5,5

Aka7even – Perfetta così

LOOK: Stucchevole, l’hawaiano all’Ariston è come l’ananas sulla pizza. Si può fare, ma stona. VOTO: 3

PATHOS: Zero, ma il minimo stasera è 3. VOTO: 3

SI PUÒ FARE DI PIÚ: Sa stare sul palco, memoria dei talent. VOTO: 6

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Il testo è indietro di 15 anni, ma in estate potrebbe avere da dire la sua nei locali di Gallipoli. VOTO: 4,5

DRAMA QUEEN: I talent-boys hanno il drama nelle vene più della musica. VOTO: 6,5

1 SU 1000 CE LA FA: Difficile dargli speranze. VOTO: 3

Highnob e Hu – Abbi cura di te

LOOK: Sembrano dei punk vittoriani e sono belissimi. VOTO: 9,5

PATHOS: La prima vera emozione della gara arriva in coda. VOTO: 9

SI PUÒ FARE DI PIÚ: C’è del rap, c’è dell’autotune (?), c’è del canto, c’è dell’intensità. Veramente bello. VOTO: 9

PAROLE, PAROLE, PAROLE: Leggersi il testo di questa canzone non sarebbe male per capire come sfruttare l’obbligo di melensaggine imposto nella kermesse ligure per raccontare un po’ di emozioni e sentimenti verosimili. VOTO: 9

DRAMA QUEEN: Troppo presi a cantare per fare trash tv. S.v.

1 SU 1000 CE LA FA: Finiranno come i Coma_Cose. Chi vuole se lo segni. VOTO: 6,5

Insecurity: lo straordinario viaggio psichedelico con UnFauno

Lui si chiama UnFauno, nome d’arte di Fauno Lami, ed è un artista romano davvero fuori dal comune.

La sua musica mescola l’indie cantautoriale a influenze electro-dark wave, le sue canzoni sono un misto tra la voglia di confidarsi con l’ascoltatore e quella di cantare a squarciagola le proprie intimità.

In lui c’è Battiato, ci sono I Cani, i Subsonica, forse anche un po’ di Vasco Brondi. Il tutto in un’unica grande contaminazione che sa comunque di novità. UnFauno unisce in sé stesso stili, generi e lingue diverse, dando vita con Insecurity ad un album unico nel suo genere.

Insecurity il viaggio psichedelico di UnFauno

Insecurity è il primo album da solista di UnFauno: un disco nato da un percorso fatto di musica e di meditazione, solitudine e riconciliazione con sé stesso.

Insecurity è un disco da cantare e da ballare, da ascoltare da soli o da far partire ad una festa. Insomma, è un album che coinvolge a 360 gradi, che non è mai banale.

“Un solo piccolo passo”, il brano d’apertura dell’album pubblicato per Phonarchia Dischi, è un brano parlato, raccontato, dove testo e suoni riescono a catturare perfettamente l’attenzione di chi ascolta, preparando il pubblico a compiere uno straordinario e psichedelico viaggio insieme a Insecurity.

“Un viaggio alla scoperta dei non so e dei perché no”, dice l’artista, in cui vi è condensata la sua intera vita. Passando tra riflessioni e rivelazioni, con i brani “Firefly” , “Angel of Light” e “Non Capisco”, quello che alla fine si scopre è che l’unica certezza della vita dell’artista è proprio l’insicurezza. Da qui nascono questi undici gioielli, le undici insicurezze che l’artista ha regalato a noi.

Press: LibellulaMusic

Le cose che so (e quelle che non so) di Davide Bosi

Conosco da diverso tempo Davide Bosi, abbastanza per dire che non lo conosco affatto.

Succede così, con le anime complesse come quella di Dave, che in qualche modo non smettono di stupire e più le metti alla prova e più brillano, e più lasci che la luce della scoperta le attraversi più loro si comportano come prismi di rifrazione, irrorando nuovi fasci luminosi da ogni sghembatura caratteriale, da ogni sfaccettatura musicale.

Però, alcune cose su Davide le so: so che è romagnolo, e si porta dentro tutta quella nostalgia che la Romagna camuffa con l’affabilità dell’accoglienza di chi nel cuore, spesso, ha lidi deserti, svuotati dal turismo affettivo e dal consumo emotivo.

So che ha studiato a Bologna, perché lì ci siamo conosciuti, e so che condividiamo pensieri simili sul capoluogo felsineo, croce e delizia di ogni idealista perso come noi. So che ha il blues nel sangue, come ogni buon romagnolo nostalgico che si rispetti, e che l’alcol lo regge – sì, ma non troppo, come ogni vero bluesman che si rispetti.

So che partirà per un tour europeo, che sta per scrivere un nuovo disco da scoprire, che ha un cagnolino simpatico e una passione per il cioccolato. So anche che ha pubblicato un brano, inedito, registrandolo dal vivo negli spazi de La Jungla Factory, e so che non potevo resistere all’idea di fargli qualche domanda.

Perché ci sono anime di cui pensi di sapere tanto, quando alla fine non sai niente. E allora evviva la curiosità, evviva l’amicizia, evviva Davide Bosi.

Davide Bosi, una chitarra e tanto blues nelle vene. Ma come nasce il tuo rapporto con la musica, qual è il primo ricordo che hai di te a contatto con lo strumento?

Ho cominciato a suonare la chitarra a 6 anni, innamorato della musica di John Lennon e dei Beatles. La prima canzone che ho imparato a fare è “Il Topo Federico”. Sinceramente non so chi l’abbia scritta, l’ho cercata su Internet ma non riesco a trovarla da nessuna parte. Tutta in Re maggiore, ma per me era già una grande conquista.

Tra l’altro, il tuo stile è qualcosa di lontano da ciò che siamo abituati a sentire in Italia. In primis, canti in inglese: hai mai pensato di scrivere in italiano? E soprattutto, qual è il tuo pensiero sulla scena emergente nazionale?

Si, ho pensato di scrivere in italiano. In verità, ho scritto un paio di pezzi in italiano durante il periodo della quarantena nell’album “Quaranteña” (disponibile su Bandcamp). È stato più che altro un esperimento. Il fatto è che ho cominciato ad ascoltare musica anglofona sin da piccolissimo e proprio per questo non ho mai sentito la costrizione di cantare in italiano. A tal proposito, credo che finalmente in Italia si stia dando spazio anche a cantanti anglofoni (non mi riferisco solo ai Maneskin, ma anche a band più di nicchia come i Soviet Soviet e i Sonic Jesus). Penso anche che parlare di nicchia sia comunque sempre riduttivo in un mondo interconnesso e globalizzato: c’è altra musica oltre a quella di Sanremo ed è più seguita di quanto si pensi.

Leggendo i tuoi social, abbiamo notato che da poco hai vinto un concorso importante, che ti darà l’opportunità di partire per un tour gremito di date in Europa. Ce ne parli un po’ meglio?

Sono stato selezionato dal Progetto Sonda (Centro Musica di Modena) per la realizzazione di un tour europeo, che mi porterà a suonare la mia musica fuori dall’Italia. Sono molto contento, ho già suonato in passato all’estero ed è stata una esperienza fantastica. 

Andiamo al sodo. Hai appena pubblicato, in collaborazione con La Jungla Factory, “Emily”, brano inedito registrato proprio tra le mura della struttura ligure. Raccontaci qualcosa che non sappiamo sul tuo nuovo inedito!

La definirei una ballad crepuscolare, come l’80% della mia discografia (ops! Forse non mi sto facendo una gran bella pubblicità!).

Raccontaci un po’ della tua esperienza alla Jungla, a questo punto. Che cos’è questa iniziativa nata da poco a La Spezia, sotto l’egida di La Clinica Dischi?

Ritengo che suonare alla Jungla sia stata una delle esperienze musicali più belle. La Jungla Factory è uno studio in cui la musica si sente, si vede e si tocca con mano. Qui ho incontrato persone fantastiche e tanto interesse sincero per la scena emergente nazionale. Insomma, un ambiente in cui ogni musicista si sentirebbe a casa.

Senti, invece: consigliaci tre dischi che non possono mancare a chi scopre Davide Bosi.

Nick Drake – Pink Moon

Blixa Bargeld & Teho Teardo – Nerissimo

Syd Barrett – The Madcap Laughs

Penz continua il suo percorso “Senza guardare indietro”

L’1 ottobre esce Senza Guardare Indietro, il terzo singolo di Penz, l’artista pop rock che abbiamo seguito fin dal primo pezzo.

Dopo la pubblicazione di Fine e Nella Testa, Penz presenta il suo nuovo inedito.

Un inedito in cui l’artista non ha paura di mostrarsi fragile e che ha il sapore di 2020, un anno in cui ansie e preoccupazioni si sono chiuse in casa con noi.

Penz

Senza guardare indietro di Penz: dal fondo non puoi che risalire

In un mondo che va a caso e non ci è più familiare, ci sentiamo costretti a mostrarci forti e sicuri di noi stessi. Penz si ribella e dice basta, perché è più importante avere paura e non arrendersi che fingersi sicuri e rimanere fermi nello stesso punto.

E quindi il cantante si muove, corre su una strada che è incredibilmente lunga ma familiare. Forse in fondo si vede già dell’altro, di là, dall’altra parte.

Senza guardare indietro è una “canzone-consiglio“.

Per quanto terribile sia stato il perido che abbiamo vissuto, ci ha dato modo di fermarci e riflettere. Ci ha dato la possibilità di ricominciare da capo.

Quanti di noi possono dire di essere diversi?

Penz ci esorta a lasciare indietro persone, ricordi, situazioni che non vanno più bene per noi. Di non voltarci, perché quello che abbiamo davanti, quello che arriverà, sarà meglio.

Non perdiamo l’opportunità di cambiare le cose e di sacrificare quello che non funziona più per la nostra felicità.

Perché, ricordate: dal fondo si può solo risalire. Ed è bello avere nuovi modi di sbagliare, pensando solo a vivere.

E quando arriverò dall’altra parte
Tu non raggiungermi per dirmi che è finito tutto
E ricomincerò senza guardare indietro
E quindi vado come un treno senza sosta, più leggero

Leggi anche: “Fine, l’ultimo singolo di Penz”.

BANKSY APPRODA A PARMA CON LE SUE OPERE

La mostra di Banksy arriva a Parma. Curata e supervisionata dalla Fondazione Archivio Antonio Ligabue, con la speciale supervisione di Vittorio Sgarbi, l’esposizione apre Sabato 18 Settembre. Dopo le critiche, le presentazioni, le code dei visitatori, le dichiarazioni con cui Banksy stesso si discosta dalla mostra in suo onore, che indica come “fake” in un’apposita sezione del suo sito, è doveroso tirare le somme dell’allestimento  ideato da MetaMorfosi Associazione.

L’IDENTIKIT DI UN UOMO SENZA VOLTO

Banksy è oggi.

Banksy è un ratto in un angolo della strada.

Banksy è una ragazza che abbraccia una bomba.

Banksy è la ribellione contro un poliziotto.

Banksy è una quantità di immagini che sono assolutamente reali.

Vertice espressivo di un movimento, la Street Art, che fa della provocazione il proprio punto di forza, Banksy con la sua mostra è andato oltre.
Oltre alle sue opere, oltre ai suoi disegni e oltre alle sue sculture, trasformandosi in qualcos’altro: un maître à penser, che analizza la società e le sue contraddizioni, un uomo che rende accessibile a tutti la sua arte, rendendola reale e immediata.

Un’arte accessibile a tutti eppure monumentale, perché i graffitisti hanno una doppia anima per natura: scendono in strada e si sporcano le mani, passano le dita sul calcestruzzo e sul cemento dei palazzi vecchi, e quel muro lo riempiono tutto, per opere grandiose. Opere monumentali.
Sono gli eredi naturali dei realisti, riportano in alto la pittura antica, la pittura dei grandi affreschi che raccontano la storia delle corti, le vicende dei contadini, dei parmensi, degli uomini e delle donne. E come i realisti non si preoccupano di abbellire quello che vedono. Lo riportano e lo buttano direttamente su tela – o su parete. E le opere di Banksy, in una mostra tutta da vivere, lo testimoniano.

Compito degli affreschi (pensate a Michelangelo e alla Sistina), infatti, è quello di occupare grandi spazi, e i graffitisti fanno lo stesso: hanno riportato la pittura dalle piccole dimensioni di Morandi, quadri da camera, quadri da psicoanalisi, quadri da riflessione, a qualcosa che invece è l’immediatezza del tutto.
Banksy con la sua mostra l’ha fatto con una semplicità e una sintesi che gli permettono di stare tra i grandi pittori classici esposti nelle mostre precedenti di Palazzo Tarasconi.

Quando si va a vederlo non si pensa di andare a vedere un quadretto in cui si concentra una grande tensione intellettuale. Con questa mostra Banksy vuole raccontare le dimensioni del mondo sui muri. L’averlo portato in un museo significa avere cercato di trasformare la sua lezione, il suo racconto in qualcosa che mostrasse di essere classico come la grande arte che è riconoscibile sempre. In questi spazi protetti, in questo equilibrio, le sue opere assumono una grandissima dignità. E dimostra come siano altrettanto grandi, e vere, anche sui muri. Banksy è riconoscibile come Raffaello e Michelangelo.

E Palazzo Tarasconi veste Banksy perfettamente perché Banksy è classico per natura. Un artista di street art in un edificio rinascimentale ci sta perché la vita è classica per natura, e lui racconta la vita. Un uomo, insomma, come gli altri uomini, immerso nella vita come tutti noi, con gli stessi pensieri, le stesse fatiche. Ma è andato oltre la dimensione di uomo normale, superando il confine tra l’arte e la vita, rendendo universale ciò che per ognuno di noi è particolare.

Non è un caso, infatti, che la sua arte venga dal writing, il cui motto è ‘Less is more’.

A Parma abbiamo sentito il racconto del nostro tempo con un’attualità, una vita che Banksy miracolosamente è riuscito a preservare nello spirito della tradizione essendo però modernissimo: anche uno che non sa niente d’arte sente che la mostra di Banksy parla di qualcosa che lo riguarda.

Quando lo guardiamo sentiamo di essere con lui, lui rappresenta ciò che pensiamo e sentiamo con una grandissima semplicità. La poesia della semplicità.

DA SETTEMBRE INIZIA LA RIVOLUZIONE TARGATA BANKSY CON LA MOSTRA DI PALAZZO TARASCONI

E tutto questo si è provato a racchiuderlo in un percorso di oltre 100 opere, raccolte da collezioni private, ed  è stato ideato per mettere sotto la lente d’ingrandimento l’immaginario banksiano, esaminato attraverso riferimenti, stampe, aneddoti, schizzi e aforismi.

Dalle copertine di album musicali a magliette, da banconote false a sculture prese dalla mostra di un distopico parco divertimenti, Dismaland, il viaggio dentro l’arte – e dentro la psiche – di Banksy prende lo spettatore per mano e lo accompagna dentro un mondo immaginifico e concreto allo stesso tempo.

L’esposizione di Parma accetta e non prova a smorzare le esplosioni di colori, le critiche: si limita a contenere la loro forza espressiva nelle sale rinascimentali di Palazzo Tarasconi, dando un seguito logico al percorso dell’artista britannico, accogliendo le sue inquietudini e i suoi slanci.

Proprio lui, che da sempre è stato contrario all’idea di chiudere le sue opere in un allestimento:

“When you go to an art gallery you are simply a tourist looking at the trophy cabinet of a few millionaires.”

“Quando vai in una galleria d’arte sei semplicemente un turista che osserva l’armadietto dei trofei di alcuni milionari.”

La mostra di Banksy è così grande da provare a contenere tutto il potere espressivo dell’artista, tutte le sue contraddizioni. Una mostra che va oltre, e prova a dare una risposta all’ormai famosa domanda: la street art può essere esposta nelle gallerie o appartiene esclusivamente alla strada?

Lunanico – “Non buttarti via” (Anteprima video)

Lunanico è un giovane cantautore svizzero. Il suo nuovo singolo si intitola “Non buttarti via” ed è in uscita il 14 maggio.

Il brano è molto introspettivo. Il testo è una dedica che l’autore rivolge a sé stesso del passato.

I suoni sono pop-cantautorali, di stampo malinconico ma condisivisibile.

Di seguito il videoclip in anteprima.

Seguici su Instagram!

I Brema si raccontano: tra ricordi, vino e concerti – Intervista

Si chiamano “I Brema” e sono una band folk-rock di origine marchigiana. Lo scorso febbraio è stato rilasciato il loro nuovo singolo “Il gioco del vino“: un brano energico che ci fa sentire come un ubriaco che si trova a girovagare per la città.

A comporre I Brema sono Tobias Giacomazzi (voce solista, chitarra ritmica e synth) e Michele Grottesi (chitarra solista e seconda voce), con la collaborazione del batterista Giacomo Diamantini.

Noi di Indielife abbiamo fatto quattro chiacchiere con loro.

I Brema

Ciao ragazzi. Per cominciare toglietemi una curiosità, cosa significa “I Brema”? Da dove deriva questo nome?

Il nome “I Brema” deriva dalla favola “I Musicanti di Brema” dei fratelli Grimm. Noi veniamo da
due band diverse e abbiamo trovato questo parallelismo tra noi e la storia. Essa infatti parla di
alcuni animali che scappano dalle fattorie dei loro padroni e si uniscono per intraprendere un
viaggio verso Brema, dove sperano di poter vivere della loro musica. Nella storia però gli animali
non arrivano mai a Brema, a dimostrazione per noi, che ciò che conta appunto è il viaggio stesso. Viaggio durante il quale i protagonisti della favola imparano insieme ad avere coraggio,
intraprendenza e fiducia in sé stessi e a vivere una dimensione creativa e profonda, che gli
permetterà di raggiungere i propri sogni…

“Il gioco del vino” è il vostro nuovo singolo. Il brano è energico e dal ritmo incalzante, e personalmente mi fa pensare molto ai Litfiba. Ci ho preso? Quali sono gli artisti a cui vi ispirate nel vostro lavoro o che comunque considerate dei punti di riferimento?

Conosciamo bene i Litfiba, erano tra quegli artisti che a volte ci capitava di ascoltare dallo stereo
dei nostri genitori, magari tra alcuni nomi come Branduardi, Vinicio Capossela, Battisti, Fabrizio De André e Guccini, anche se poi negli anni, hanno prevalso sui nostri ascolti i cantautori appena citati.
Negli ultimi anni gli artisti che abbiamo apprezzato particolarmente del panorama italiano sono
stati principalmente Motta, Eugenio in Via di Gioia, Brunori Sas, Lucio Corsi e Zen Circus, per citare alcuni nomi. L’Italia in questi ultimi anni, come abbiamo visto palesarsi nell’ultimo festival di Sanremo, sta attraversando musicalmente un cambio generazionale, che sta offrendo tanta buona musica e diversità di generi, che prima rimanevano più circoscritti in un pubblico di nicchia. Il tutto ci rende molto fiduciosi sul nuovo panorama musicale.

So che avete aperto i concerti di numerosi artisti importanti (come Pinguini Tattici Nucleari, Bandabardò, Meganoidi, Lorenzo Kruger ecc). Avete qualche aneddoto divertente da raccontarci?

Quando si va in tour torniamo sempre a casa con un bagaglio di ricordi enorme! Sarebbero decine e decine gli aneddoti da raccontare come: frizioni bruciate, telecomandi apricancello che si rompono in piena notte prima di entrare nel B&B, nuotate nelle acque dei fiumi romagnoli ecc…
Una serata però che ricordiamo sempre con gioia fu a Sessano del Molise in apertura alla Riserva Moac. Finito il concerto abbiamo fatto nuove conoscenze e ci siamo trovati nel parco del paese a suonare e cantare.
In breve tempo quelle 5/6 persone iniziali sono diventate probabilmente più di 30! Siamo andati
avanti per più di un’ora e dopo l’ennesima chiamata del nostro tour manager siamo stati costretti a riporre le chitarre per raggiungere il B&B dove avremmo passato la notte.

Prima di partire però dovevamo risolvere un problema che era sopraggiunto all’arrivo: il bagagliaio della nostra auto non si chiudeva più. Alle 3:30 del mattino è iniziata quindi la nostra ricerca di spago, forbici e lucidità, per chiudere alla “meno peggio” il baule. Lo spago che abbiamo trovato, ci ha salvato quella sera e i giorni successivi dal distribuire i nostri strumenti per l’entroterra molisano e pugliese.

Qual è fra questi il concerto che vi portate nel cuore?

Tra tutti probabilmente il concerto che ci è rimasto più a cuore fu l’apertura della Bandabardò,
nell’agosto 2019. Un concerto che si concluse con l’invito a salire sul palco da parte del grande
Erriquez e a cantare e ballare sulle note di “Se mi rilasso collasso”. Fu una serata particolarmente speciale, di cui ricordiamo una persona altrettanto speciale che purtroppo non c’è più.

La vostra musica è davvero molto particolare e si distacca a mio avviso da ciò che attualmente il panorama italiano propone. Ma c’è qualche artista italiano (famoso o emergente) con il quale vi piacerebbe collaborare?

Grazie intanto per aver definito la nostra musica distaccata dal resto, per noi è un elemento di
vanto, perchè abbiamo sempre trovato nel diverso un motivo di curiosità e nuovi stimoli. Non a
caso, tra gli artisti che amiamo, abbiamo sempre trovato grande libertà e sincerità in loro stessi,
caratteristiche per noi fondamentali in tutto ciò che facciamo. Se dovessimo nominarne un paio,
sarebbero sicuramente Motta e gli Eugenio in Via di Gioia, di cui di questi ultimi apprezziamo
molto anche i temi spesso trattati, per nulla scontati, che danno un grande valore aggiunto alla
loro musica.

Grazie mille!

Zaminga – “Guinzaglio” è il suo nuovo singolo [intervista]

Si chiama Samuele Zaminga, in arte solo Zaminga, ed è un cantautore nato e cresciuto nella periferia sud di Reggio Calabria e trapiantato a Torino.

Lo scorso 19 marzo è stato rilasciato il suo nuovo singolo, intitolato “Guinzaglio” e distribuito da Artist First.

Zaminga

Ciao Samuele. Domanda di rito, un po’ pesante in questo momento: come stai? 

Ciao Marianna. Domanda assolutamente non banale. Al di là dei limiti imposti da questi tempi surreali paradossalmente devo dirti che mi trovo in un momento abbastanza sereno e produttivo. Stanno succedendo tante cose intorno a me e questo è benzina per pensare ottimisticamente al futuro. Quest’ultimo anno di vita mi ha insegnato l’importanza di mantenere sempre un’attitudine positiva agli accadimenti, piccoli o grandi che siano, di tenerli stretti, che non c’è nulla di scontato o dovuto.

“Guinzaglio” è il tuo ultimo singolo. È un brano che hai scritto durante la prima ondata, in pieno lockdown. Lo definisci “un testo di resilienza”, e io sono pienamente d’accordo. È anche un brano che fa sognare un ritorno alla normalità quotidiana, che ci manca anche con le sue banalità e i suoi problemi. Puoi dirci qualcos’altro su questo brano? Come ti sei sentito nel realizzarlo e come ti senti ora a ricantarlo, a distanza di un anno da quel momento? 

Guinzaglio ha avuto una “gestazione” piuttosto veloce, è nata quasi di getto. Il vissuto di allora, manco a dirlo, era un concentrato di apprensione mista a insofferenza. C’era un’urgenza comunicativa di qualcosa di “terapeutico”, che potesse esorcizzare quella sensazione di inerzia soffocante. Al tempo stesso non mi andava neppure di essere troppo contingente. Guinzaglio, infatti, non è una canzone sulla pandemia o sul lockdown, nelle intenzioni è più un monito (a me per primo) a reagire allo straniamento provocato dai traumi vissuti e al tempo stesso ad accettarli come “parte del gioco”.

L’idea di “pisciare sui problemi” (che ha una reference cinematografica) è un immagine forte, forse poco ortodossa ma che in quel momento riassumeva perfettamente il mio bisogno di evasione. Proprio a motivo di questa ricerca di astrazione oggi mi suscita sensazioni perfettamente analoghe, continuo a scorgerci un messaggio attuale e sempre valido. Scrivere canzoni che non invecchiano sta diventando un po’ una prerogativa per me. 

E adesso? Stai lavorando a qualcosa di nuovo?

Certamente. Sto scrivendo nuove canzoni e spero di tornare presto in studio. Intanto siamo in dirittura d’arrivo col video sul quale ci siamo sbattuti parecchio.

Tu sei, come me, un ragazzo del sud trapiantato al nord. Come ti senti a riguardo? Ti manca la tua terra? La tua meridionalità la porti con te nelle tue canzoni?

Premesso che amo la città che mi ospita sono una persona molto fiera riguardo alle proprie origini, con un forte attaccamento alle radici. La nostalgia per la mia città è in ogni caso una compagna fedele da sette lunghi anni, ma è anche ciò che ogni volta rende più intenso il ritorno. In Guinzaglio ho menzionato le onde del mare non a caso, proprio perchè la loro perseveranza esemplifica perfettamente quell’ambizione di cui parlo nel ritornello a sapersi sempre adattare ai cambiamenti senza subirli. C’è quindi sicuramente una connessione mentale coi luoghi che sanno di casa. Anche questo spirito di adattamento credo che noi meridionali ce lo portiamo dietro tutta la vita. Non possiamo farne a meno, come col pacco da giù.

Se pensi ad un futuro senza chiusure e restrizioni, dove ti piacerebbe suonare?

Considerando che sul fronte live causa covid il progetto è rimasto ai nastri di partenza in questo momento il palco del MI AMI o quello del pub sotto casa per me sono la stessa cosa. Mi piacerebbe comunque partire da dove tutto è nato, Reggio e Torino, credo di doverlo a tutte le persone che mi hanno supportato nel muovere i primi passi in questo nuovo percorso. Roma e Milano? Un sogno.

Abbiamo inserito “Guinzaglio” nella nostra playlist Spotify dedicata agli artisti emergenti.

Tra le nuvole con Nube, l’intervista

Venerdì scorso ha visto la luce “come un film di wes”, il primo singolo di nube per Revubs Dischi; la ballad del cantautore astigiano è subito stata notata, tra gli altri, anche da Spotify, che ha deciso di inserirla nelle sue playlist editoriali New Music Friday e Scuola Indie. Per convincere anche voi a fare lo stesso, abbiamo fatto qualche domanda al ragazzo:

Ciao Nube, benvenuto su Indielife! Domanda spaccaghiaccio utile ad introdurti: tre aggettivi capaci di raccontare Nube. Nel bene e nel male!

Ciao e grazie per avermi voluto qui! La domanda sugli aggettivi mi mette sempre in crisi, ti dico nostalgico, malinconico e lunatico.

Come comincia il tuo rapporto con la musica? Qual’è il primo ricordo che hai di te su un palco?

Il mio rapporto con la musica inizia da prima che nascessi, da quando mia madre col pancione ascoltava Bregovic e musica balcanica. E’ un rapporto che non si spiega, c’è e ci sarà sempre. Il primo ricordo sul palco è legato alla mia prima band in cui facevo il batterista, la serata si chiamava “Prismart” e fu una delle più belle serate della mia vita. Ricordo quel periodo, fine della quinta superiore, come un vortice incessante di emozioni e mi manca da morire.

E invece, di momenti imbarazzanti “on stage” ne hai vissuti? Raccontacene almeno uno!

Il momento più imbarazzante sul palco è stato quando ho dovuto cantare un pezzo che era originariamente di 80bpm a 120bpm perché sbagliammo i settings di Ableton, il risultato fu abbastanza esilarante.

“Come un film di Wes” è il tuo primo singolo per Revubs Dischi. Il brano sembra raccontare un amore che si fa tormento, dipinto con una “color correction” che effettivamente ricorda lo stile di Wes Anderson. Linguaggi che si incontrano e si incrociano: che rapporto hai con il cinema, e con il suo tipo di scrittura?

Il cinema mi è sempre sembrato, insieme alla musica, il modo migliore per evadere dalla realtà. Mi lascio ispirare molto dai film che vedo e dalle immagini in generale, molte volte mi capita di scrivere immaginandomi già il video musicale. “Come un film di Wes” è la traduzione musicale delle emozioni che mi danno i colori di Wes Anderson nel film “Moonrise Kingdom”. Ci tengo a ringraziare Gianvincenzo Pugliese ed Alessandro Rocchi per la realizzazione dei video promozionali.

Ma come mai proprio “Nube”? Alla fine del tuo brano canti, al destinatario del pezzo, che è come una goccia di pioggia che rinfresca la tua testa incasinata. Insomma, sembri un vero appassionato di rovesci e precipitazioni! Cosa rappresenta per te la nube, la pioggia, il maltempo in generale?

Ho scelto il nome Nube perché le nuvole rappresentano pienamente il mio modo di vedere e vivere il mondo. Le nuvole non hanno una forma unica e si lasciano trasportare dal vento senza sapere dove le sta portando, questa è un po’ la mia visione del mondo che si riflette anche nel mio modo di produrre. In generale il vento, la pioggia ed il maltempo mi mettono di buon umore, non a caso la mia città preferita è Londra.

Vetrina dei consigli: tre artisti emergenti che spaccano.

Mi piacciono moltissimo Frambo, Fotomosse e ovviamente mio fratello Maelstrom a cui produco i brani.

La catarsi di “Origami”, il disco d’esordio di Immune

Immune, noi di Indielife, lo avevamo ospitato virtualmente sulle nostre colonne all’incirca un mese e mezzo fa, quando la nostra fanzine è stata trasformata, per lo spazio di una live session, nella prima tappa del suo DPCM (Dal Palco di Casa Mia) Digital Tour: fu l’occasione perfetta per riassaporare l’ormai remoto gusto del palco (seppur virtualmente), alimentando l’attesa per quel disco d’esordio che finalmente ha visto la luce, consegnandosi ieri alle orecchie di pubblico e addetti al settore.

Origami“, e nessun titolo poteva essere più azzeccato di quello scelto da Immune per raccontare la manifattura artigianale, paziente e complessa dei dieci brani della tracklist, che attraverso quello speciale gioco illusionistico che da sempre avvicina arte e magia riescono a far credere all’ascoltatore di trovarsi di fronte a qualcosa di bellissimo perché semplice – come una cassa in quattro o come, appunto, un origami – ma che in realtà nasconde nelle sue sfumature policromatiche il gusto complesso della ricerca e della sperimentazione.

Sin dai primi secondi di “WA”, emerge tutto l’afflato elettronico dell’anima noir di Immune: sintetizzatori e delay sembrano essere gli strumenti principali della rivoluzione estetica che il cantautore piemontese persegue, fondendo poesia e dancefloor nella tessitura curata di una produzione intelligente ed eclettica; “Origami”, la titletrack, è l’urlo liberatorio che, dopo l’afasia frammentata dal retrogusto orientaleggiante dell’introduzione, si concretizza nella rabbia del manifesto: “Chiuso in un barattolo”, “Prima di te”, “Guardandomi” e “Scura” offrono all’ascoltatore l’autopsia di un amore diventato catena, corona di spine condivisa con chiunque nella vita abbia amato veramente; ecco perché “Origami” assomiglia ad un processo di auto-terapia, certo, ma che spinge verso la catarsi: nella storia di Immune si specchiano le storie di tanti, rendendo così il disco un racconto che si fa comune, di tutti.

“Profondo Blu”, “Discoparty” e “Evadere” aprono invece spioncini luminosi da cui filtra la luce necessaria a non far demordere il cuore, che in “Invisibile” pare trovare la dimensione perfetta per l’accettazione delle proprie debolezze, trasformate ora in punti di forza. Insomma, “Origami” è una lezione di musica e filosofia quotidiana, utile a ricordarci che, nonostante le distanze siderali, non smettiamo di essere vicini nella nostra umana predisposizione, come direbbe De André traducendo Cohen, «al trionfo e al pianto».

Bravo Immune, ci hai già fatto salire la voglia di un secondo disco.

In viaggio con Narratore Urbano – “POST”, Volume 1. [Intervista]

“Si chiama Alekos Zonca il giovanissimo cantautore di Torino conosciuto da tutti come Narratore Urbano. Ed è un genio assoluto, oltre che un grandissimo talento.”

Così vi avevamo presentato Narratore Urbano in un nostro vecchio articolo, pubblicato in occasione dell’uscita del suo singolo “25MAG”.

Narratore Urbano

Ora Narratore Urbano è tornato con un album bomba, figlio del periodo assurdo che da un anno a questa parte tutti stiamo vivendo. Si intitola “POST” ed è un album pubblicato in capitoli.

Il Volume 1 è stato rilasciato lo scorso 19 marzo e contiene al suo interno tre singoli: Zenzero, Articolo 1 (feat. Protto) e 25MAG.

Godetevi la nostra intervista a Narratore Urbano: un viaggio fra Torino, la musica e la pandemia.

Ciao Ale, forse non è il periodo giusto per fare questa domanda ma io voglio rischiare: come stai? Come trascorri le tue giornate in un’ennesima zona rossa?

Ciao a voi di Indielife. Nessun rischio. Diciamo che è un periodo relativamente tranquillo, sto imparando a sopravvivere nella mia solitudine, accontentandomi di sentire i miei amici al telefono, e stando in compagnia del mio gatto Marsala e della mia musica, contrariamente a quanto accaduto durante il primo Lockdown di un anno fa. Avere un progetto a lungo termine aiuta parecchio a non pensare al resto, a ciò che ci circonda, e questo forse è un bene… anche se ho un po’ paura se penso all’idea di rassegnarmi. 

Da cantautore emergente come stai vivendo questo periodo di blocco totale? C’è ancora speranza per la musica e la cultura in Italia, “la Repubblica oligarchica fondata sulla disoccupazione”?

Purtroppo tutto il settore musicale sta soffrendo una crisi senza precedenti soprattutto a livello underground, ovvero il luogo dove nascono i progetti che saranno il domani della musica. Non nascondiamocelo: la cultura e l’arte sono sempre stati all’ultimo posto nelle priorità di tutti i governi che si sono avvicendati. Forse per mancanza di fondi, più probabilmente perché un popolo ignorante è decisamente più facile da governare. 

La questione pandemica è stata solo un catalizzatore per un processo già avviato da tempo in tutto il settore dello spettacolo. Ho sentito italiani confondere le discoteche con i club live e i musicisti con i milionari. Non è proprio così. Le cose stanno diversamente e prima ci sarà un’inversione di rotta, prima potremo pensare a debellare il virus dell’ignoranza. E di conseguenza anche quello meno metaforico che ha ormai invaso la nostra quotidianità.

Ci racconti qualcosa in più su di te e sul tuo percorso artistico?

Ho iniziato a suonare a 16 anni, in una delle band della scuola dove andavo a Pinerolo: facevamo cover degli Oasis e degli U2. Poi, una volta avviato il mio percorso universitario, ho cominciato a frequentare Torino e la sua scena, dapprima come chitarrista in due gruppi, poi come cantautore solista.

Narratore Urbano

Il nome Narratore Urbano nasce dopo un concerto, sempre a Pinerolo, con i miei amici e colleghi The Lansbury. Luigi, il loro batterista, si è riferito ai miei brani come a delle vere e proprie “narrazioni urbane”. L’espressione mi piacque e decisi di farla diventare una dichiarazione di intenti, un nome da usare per potermi definire meglio davanti al pubblico. A luglio del 2019 ho iniziato a collaborare con Fabrizio Pan (frontman dei Melody Fall e produttore di Pan Music Production) registrando i miei primi singoli , ovvero “1939” e “Zucchero Filato“.

A Marzo 2020 ho rilasciato il mio primo EP, Fine delle Trasmissioni. Purtroppo il release party, previsto all’OFF Topic per il 5 Marzo è saltato a causa del primo grande DPCM. Dopo un periodo di crisi ho ripreso il progetto a Settembre con alcuni live (Bunker per Sofà so Good, Blah Blah, Diavolo Rosso ad Asti e Joshua Blues Club a Como). Attualmente sto lavorando al mio primo album: POST

Il 19 marzo è uscito Il Capitolo 1 di “Post”, un album sviluppato appunto in capitoli pubblicati con scadenze diverse. Ci racconti qualcosa di questo tuo lavoro?

POST è un album a capitoli. Nasce dall’esigenza di raccontare il cambiamento, le contraddizioni e le difficoltà di questa nuova era che ci ha colto del tutto impreparati. Sarà un viaggio sia attraverso gli eventi di questi anni dimenticabili, sia attraverso la giungla di emozioni e sentimenti spesso difficili da esternare in altro modo. Il tutto lungo un percorso interiore di consapevolezza. 

Si parte dal Vol. 1 che racconterà il trauma. “Zenzero“, traccia di apertura, descrive la discesa dell’Arte a Torino, che come una ragazza vaga attraverso le strade della città consapevole di quanto questa scena musicale e questa città abbia da offrire. Quest’entusiasmo viene però stroncato dal primo Lockdown, raccontato attraverso un delirio/sfogo in “Articolo 1“. La domanda che ci siamo tutti posti almeno una volta è “Ne siamo usciti davvero migliori?”. Questa ha trovato la sua risposta più efficace a pochi giorni dalla fine della prima quarantena, per l’esattezza il 25 maggio 2020, con l’assassinio di George Floyd, evento che da il nome a “25MAG“. 

Posso già anticipare che il secondo capitolo riprenderà la riflessione a partire dall’estate del 2020, con il delirio delle riaperture e dalle contraddizioni, sviluppate nel brano “Gagarin”, per iniziare una nuova riflessione interiore: Ha senso cercare le risposte nel nostro passato? Magari nella nostra infanzia o nella nostra adolescenza? Queste domande troveranno risposte nei brani “Video8 (Autunno 2003)” e “233 Gradi Centigradi” che vedrà la collaborazione di un’artista e amica che stimo tantissimo, Rossana De Pace

Mi sento di aggiungere che tutto questo non sarà solo un lavoro musicale. Ad esempio con Carlotta Anguilano, fotografa, stiamo sviluppando una storyline parallela che racconta attraverso Instagram i riferimenti culturali di POST. Con Chelo ci stiamo concentrando sulle copertine, mentre con il videomaker Edoardo Giuliani e l’attrice/modella Gaia Morellato stiamo creando un lungometraggio che sarà anch’esso parte del progetto POST

Quando finalmente tutto sarà finito dove ti piacerebbe poter suonare? O con chi ti piacerebbe collaborare? 

Oltre alla collaborazione con Rossana e con Protto (in “Articolo 1“) sono previsti altri due featuring all’interno dei capitoli 3 e 4 (ma non voglio spoilerare ancora nulla). 

Mi piacerebbe poter ripartire presentando POST proprio nel luogo dove ho lasciato tutto in sospeso, ovvero l’OFF Topic

Ho tantissime collaborazioni tra i miei sogni, sicuramente con artisti della scena come gli Igloo, i The Lansbury, Anna Castiglia, Irene Buselli, Francamente e perché no gli Atlante.

Se dovessi sognare più in grande (ma qui si parla di sogni nel cassetto difficilmente realizzabili nell’immediato) ovviamente mi piacerebbe un giorno collaborare con Vasco Brondi, Murubutu, Rancore e gli Eugenio in Via di Gioia. Anche se è troppo presto per parlarne, che cos’è un artista se non un gran sognatore che non si è ancora arreso? 

Grazie mille!

Fabrizio Fusaro, tra dolcezza e poesia – Intervista

Si chiama Fabrizio Fusaro, in arte solo Fusaro, ed è un giovane cantautore torinese. Venerdì 5 febbraio è stato rilasciato il suo primo album, intitolato “Di Quel Che C’è Non Manca Niente”.

Fusaro Nuovo Album

Ma qualche settimana fa, prima dell’uscita del disco, abbiamo chiacchierato con lui sul lavoro precedente. Fusaro ha infatti da poco rilasciato anche il singolo Serie A, brano realizzato assieme al cantautore Bianco (di cui vi abbiamo parlato nel nostro articolo) e che ha anticipato l’uscita del disco.

Rispolveriamo quindi la nostra vecchia intervista, in attesa di fare due chiacchiere con l’artista sul suo nuovo album.

Ciao Fabrizio. Per cominciare, come stai? Come ti senti per l’uscita del tuo primo album? Sei emozionato?

Molto emozionato. Aspetto questo momento da tanto tempo, ho speso tante energie per arrivare fino a qui ed oggi non sembra vero. In fondo è un percorso iniziato nel 2019, con l’uscita del mio brano “Solo un giocattolo”. Non vedo l’ora.

La tua musica è poesia pura. I tuoi brani sono dei regali in cui la tua voce delicata ed emozionante e i suoni dolci e armonici si uniscono ad una scrittura profonda. Dove trovi l’ispirazione per realizzare tutto questo? 

L’ispirazione la trovo in ciò che mi succede, in quello che mi riguarda e che mi tocca durante il giorno. È un modo anche per cristallizzare momenti e ricordi della mia vita, per poi riascoltarli con calma e ripensarci a mente fredda. Percorro questa via di comunicazione più soffusa perché la trovo più naturale, più adatta alla mia scrittura. A volte non serve gridarle certe parole, altre volte sì.

Fabrizio Fusaro

“Di quel che c’è non manca niente” è il tuo disco d’esordio, e già dal titolo promette molto bene. Puoi raccontarci qualcosa? Da quanto tempo ci stai lavorando? Cosa dobbiamo aspettarci? 

In realtà il periodo di lavorazione e scrittura del disco dura da sempre. È infatti una fotografia della mia crescita e del mio percorso. Ci sono alcuni brani scritti molto tempo fa, altri in prossimità delle registrazioni. “28 dicembre” è stata scritta grazie al Reset Festival nel 2017, “Dormi serena” è nata pochi giorni prima di entrare in studio, rimescolando un po’ le carte in tavola. La produzione e la collaborazione con Ale Bavo invece si è concretizzata nel 2019, anno in cui abbiamo scelto insieme i brani più adatti e li abbiamo lavorati in studio.

Anche se da quando ti ho scoperto ascolto tutti i tuoi brani in loop, personalmente credo che “Solo un giocattolo” sia quello che mi fa emozionare di più (fra quelli che hai pubblicato finora s’intende). Nonostante il testo mi faccia pensare a qualcosa di triste e pesante, l’azzurro della copertina e la musica del ritornello mi fanno davvero immaginare di staccare i piedi da terra e cominciare a volare. Tu riesci ad avere sempre i piedi per terra o ti definisci più un sognatore?

Direi che sogno poco ma molto intensamente. Sono rari i momenti in cui mi lascio andare ed immagino scenari futuri e fantastici, proietto le mie canzoni nel futuro ed incastro coincidenze impossibili. Di solito durano poco questi viaggi, soprattutto per la grande paura che non si avverino e di rimanere deluso. In fondo questo disco sta uscendo in un periodo particolarmente sfortunato per tutti, in cui ogni piccolo passo è un grande traguardo. Quindi tengo saldi i piedi per terra, e mi lascio volare ogni tanto per non dimenticarmi quanto è bello sognare.

Grazie mille!

La prima tappa del DPCM Digital Tour di Immune

0

Immune, sulle colonne di Indielife, ormai è presenza ricorrente: merito di un percorso convincente che, da qualche anno a questa parte, fa parlare di sé a colpi di qualità e identità autorale.

Alla fine del 2020, avevamo lasciato il cantautore piemontese di origini sarde con un brano da dancefloor, che aveva fatto salire in tutti noi la giusta nostalgia da live: “Discoparty”, il suo ultimo singolo per Revubs Dischi, sembrava già allora ammiccare a quella foga inestirpabile che anima ogni musicista e ascoltatore che si rispetti, incapace di accontentarsi di fruire la musica, come fosse un prodotto da consumare, solo sugli scaffali dei discount digitali.

E forse, già allora stava nascendo in Immune la necessità di trovare vie alternative all’immobilismo e al silenzio al quale la pandemia sembra averci abituato, riducendo allo zero la nostra capacità di reazione e relegando all’attesa la necessità di riportare la musica allo suo stato primigenio e vitale: quello che vive di palchi e sudore, di contatto e distanze ravvicinatissime.

Ecco perché oggi, noi di Indielife, non possiamo che essere entusiasti di ospitare la prima tappa di un tour digitale che, da qui alle prossime sei settimane, porterà Immune all’agognato traguardo del disco d’esordio (la cui pubblicazione è prevista – piccolo spoiler – per fine marzo).

Quattro live session “Dal Palco di Casa Mia” (interessante adattamento dell’ormai celebre acronimo DPCM) oggi ai blocchi di partenza con “Discoparty”; così ne parla Immune:

Tutto è fermo, immobile, impolverato in attesa della vibrazione di un sub woofer, del calore di una luce colorata dal palco. L’anima brucia, impaziente di sentire il respiro della musica suonata. Tre anni a scrivere canzoni e a spremere lo spirito; il disco è pronto, è sopra il livello massimo, vuole essere suonato. Per adesso ve ne porto un po’ in digitale, l’emozione non è la stessa ma la voglia è tanta. Oggi per sentirci meno soli e placare la voglia di succhiare cuori vi porto ad un party“.

E allora godiamocelo, il party segreto e galeotto offerto da Immune, per non dimenticare quanto ci manchi tutto questo.

Mattia Pellicoro si racconta – Video Intervista

Mattia Pellicoro è un giovane cantautore, classe ’91, autore di “La strega“, brano che è stato rilasciato lo scorso 3 dicembre.

Nato e cresciuto con la musica, dopo aver frequentato uno stage per cantautori al CET di Mogol parte per un’esperienza Erasmus in Spagna. Qui, nel 2014, pubblica “Noche De Erasmus“, grazie al quale comincia ad esibirsi in giro per la Spagna.

Mattia Pellicoro

Il suo nuovo singolo “La strega” era già stato presentato lo scorso anno alla Finale di AREA SANREMO e ha portato a Mattia Pellicoro un discreto successo.

Questo brano è “un inno alla ribellione contro chiunque imponga un’idea come un prodotto già stabilito e non come un pensiero e un’unicità”. Le sonorità ci riportano alla mente ambientazioni mitologiche, mostrandoci la figura di una donna che è un po’ una strega e un po’ una sirena ammaliatrice.

Ma non vi diamo altre anticipazioni. Per scoprire chi è Mattia Pellicoro e la sua “Strega”, guardate la nostra video intervista.

Abbiamo inserito “La Strega” del giovane cantautore Mattia Pellicoro nella nostra playlist Spotify dedicata agli artisti emergenti.

Ufficio Stampa: Libellula Music

I 10 artisti Indie che devi assolutamente conoscere

Il fenomeno della musica Indie rappresenta ormai la nuova corrente di stile, di pensiero e di aspetto rispetto al quale il vecchio mondo del Pop italiano si sta modificando e adattando.

L’Indie ormai non è più un fenomeno di nicchia, lo ritroviamo infatti più forte che mai nelle top hits italiane, nelle classifiche dei più ascoltati su piattaforme di streaming come Spotify e niente di meno che nel festival per eccellenza come quello di Sanremo di quest’anno.

A questo punto la domanda sorge spontanea per i neofiti del nuovo filone Indie… Quali sono gli artisti da conoscere assolutamente?

Abbiamo voluto racchiudere quelli che riteniamo i più interessanti e i più ascoltati nell’anno appena passato, ecco quindi i 10 artisti Indie che devi assolutamente conoscere:

(gli artisti sono in ordine casuale e non di importanza)

1) CALCUTTA

Calcutta

All’anagrafe Edoardo D’Erme (Latina, 19 aprile1989), Calcutta è sicuramente l’artista da cui partire nella scoperta dell’indie italiano.

Arriva al successo nel 2015 con il suo secondo album Mainstream, album contenente pezzi del calibro di ‘Cosa mi manchi a fare‘ e ‘Oroscopo‘. La vera esplosione è nel 2018 con l’album Evergreen e soprattutto con i singoli ‘Paracetamolo’, ‘Pesto’, ‘Kiwi’ e ‘Orgasmo’.

Tante le collaborazioni per lui, tra le più importanti quelle con Luca Carboni, Giorgio Poi, Elisa Toffoli e Tiromancino.

Da ascoltare:

  • Cosa mi manchi a fare
  • Oroscopo
  • Paracetamolo
  • Pesto
  • Kiwi
  • Orgasmo

2) COEZ

Coez

Pseudonimo di Silvano Albanese (Nocera Inferiore, 11 luglio1983), Coez rappresenta il punto di confine tra il suo passato da rapper e la sua evoluzione in artista Indie pop di cui oggi è considerato sicuramente tra gli esponenti principali.

Il primo disco solista con sonorità Indie è ‘Faccio un casino’ pubblicato nel 2017 e contenente singoli come ‘Faccio un casino‘ e ‘La musica non c’è‘, singolo che più di tutti ne certifica il successo nazionale.

L’ultimo singolo rilasciato è ‘E’ sempre bello‘ pubblicato l’11 Gennaio 2019.

Da ascoltare:

  • E’ sempre bello
  • Faccio un casino
  • La musica non c’è
  • Le luci della città
  • Barceloneta (Con Carl Brave e Franco 126)

3) GAZZELLE

Gazzelle

Gazzelle, pseudonimo di Flavio Bruno Pardini (Roma, 7 dicembre1989) è probabilmente l’artista più introverso e malinconico della scena Indie attuale.

Inizia a farsi notare nel 2016 con il singolo ‘Quella te‘, singolo che cattura l’attenzione di tutto l’ambiente. Il brano anticipa il rilascio del primo album intitolato ‘Superbattito‘ pubblicato nel 2017.
L’album contiene pezzi importanti come: ‘Quella te‘, ‘Zucchero filato‘ e ‘Nmrpm‘. Pubblicati come singoli risaltano anche ‘Sayonara’ e ‘Stelle filanti’.

Nel 2018 vede la luce ‘Punk’, ultimo album in studio di Gazzelle.
L’album vede al suo interno i singoli: ‘Sopra‘, ‘Tutta la vita‘ e ‘Scintille‘.

Da ascoltare:

  • Quella te
  • Nmrpm
  • Zucchero filato
  • Sayonara
  • Nero
  • Sopra

4) FRAH QUINTALE

Frah Quintale

Frah Quintale, all’anagrafe Francesco Servidei (Brescia, 27 dicembre 1989), è un artista poliedrico, capace di passare facilmente dall’hip hop fresco e divertente all’indie più sentito e romantico.

Muove i suoi primi passi nella scena Hip Hop nel 2006 con il duo ‘Fratelli Quintale’ e si avvicina al genere grazie alla passione per la pittura.

La svolta nel mondo Indie avviene nel 2017 con l’album ‘Regardez Moi‘, al suo interno pezzi come: ‘8 miliardi di persone’, ‘Si,ah’, ‘Hai visto mai’, ‘Cratere’ e ‘Gli occhi’.

Tra le collaborazioni il singolo del 2018 ‘Missili’ in collaborazione con Giorgio Poi.

Da ascoltare:

  • Missili (con Giorgio Poi)
  • Si,ah
  • Cratere
  • 8 Miliardi di persone
  • Hai visto mai
  • Gravità

5) COSMO

Cosmo

Marco Jacopo Bianchi (Ivrea, 21 febbraio1982), in arte Cosmo è, tra tutti, quello che più si avvicina alle sonorità elettroniche mantenendo comunque un’anima Indie.

Pubblica il suo primo album da solista, ‘Disordine‘, nel 2013 e nel 2016 lo ritroviamo con il suo secondo album ‘L’ultima festa‘.

La svolta nel 2017 con la pubblicazione del singolo ‘Sei la mia città‘ che diventa subito un successo. A questo seguirà il terzo album nel 2018 dal titolo ‘Cosmotronic‘.

Da ascoltare:

  • Sei la mia città
  • L’ultima festa
  • Turbo
  • Quando ho incontrato te
  • Le voci

6) THEGIORNALISTI

Thegiornalisti

I Thegiornalisti sono il primo gruppo Indie della nostra lista, nascono nel 2009 a Roma dall’incontro di Tommaso Paradiso, Marco Primavera e Marco Antonio Musella.

I Thegiornalisti riescono ad unire testi divertenti e spensierati a tipiche sonorità Indie, questa è la chiave per il loro successo immediato.

Dal 2009 al al 2014 pubblicano 3 album in studio: 2011 Vol. 1, 2012 Vecchio, 2014 Fuoricampo ma è nel 2016 con l’album Completamente Sold Out che arriva il vero successo.

Da questo album vengono estratti i singoli ‘Completamente’, ‘Sold Out’, ‘Tra la strada e le stelle’ e ‘Il tuo maglione mio’, singoli che contribuiranno a far conoscere il gruppo al pubblico italiano.

Nel 2018 esce l’album ‘Love‘ in cui troviamo i singoli ‘New York‘, ‘Questa nostra stupida canzone d’amore‘, ‘Felicità Puttana‘.

Da ascoltare:

  • Riccione
  • Completamente
  • Sold Out
  • New York
  • Felicità Puttana
  • Questa nostra stupida canzone d’amore

7) CARL BRAVE

Carl Brave

Alla nascita Carlo Luigi Coraggio (Roma, 23 settembre1989), Carl Brave si è affermato negli ultimi anni come punto di riferimento della scena Indie italiana.

Con i suoi testi si possono vedere e vivere le strade di Roma con tutti i suoi abitanti, i suoi difetti e soprattutto con la quotidianità che spesso viene trascurata.

Gli esordi nel 2012 con il gruppo ‘Molto peggio crew’, lo stile, più vicino inizialmente al mondo Hip Hop, cambia dopo l’incontro con Franco 126 con il quale inizierà un nuovo progetto chiamato appunto Carl Brave x Franco126. I due rilasceranno presto l’album ‘Polaroid‘ che li lancerà definitivamente nel mainstream.

Nel 2018 esce ‘Notti Brave‘, primo album solista che vede collaborazioni del calibro di ‘Coez’, ‘Giorgio Poi’, ‘Francesca Michielin’, ‘Fabri Fibra’, ‘Frah Quintale’ e altri.

Da ascoltare:

  • Posso (con Max Gazzè)
  • Fotografia (con F.Fibra, F. Michielin)
  • Barceloneta (con Franco126)
  • Polaroid (con Franco126)
  • Argentario (con Franco126)
  • Pellaria (con Franco126)

8) MOTTA

Motta

Francesco Motta, noto anche solo come Motta (Pisa, 10 ottobre1986) è forse il più introverso e misterioso tra tutti gli artisti di questa speciale raccolta.

E’ attivo come solista dal 2016, anno in cui vede la luce il suo primo album La fine dei vent’anni. Da qui il successo di Motta si amplifica fino a diventare uno degli artisti più interessanti e riconosciuti della scena Indie italiana.

Nel 2018 esce il secondo album Vivere o morire, album contenente il singolo che al momento è il più ascoltato dall’artista, ‘La nostra ultima canzone’.

Da ascoltare:

  • La nostra ultima canzone
  • Dov’è l’Italia
  • Chissà dove sarai
  • Sei bella davvero
  • Quello che siamo diventati
  • La fine dei vent’anni

9) COMA COSE

Coma Cose

Fausto Zanardelli (Fausto Lama) e Francesca Mesiano (California), sono i COMA COSE, il duo più interessante della scena Indie Italiana.

La personalità dei Coma Cose emerge attraverso una musica che è un misto di rap ed elettronica e tramite uno stile urban tutto segnato da testi talmente particolari che Spotify ha deciso di creare un vero e proprio vocabolario per spiegarne i neologismi.

A Marzo del 2019 è uscito ‘Hype Aura’, primo album del duo milanese contenente tracce già conosciute come ‘Granata’ e ‘Via Gola’.

Da ascoltare:

  • Post Concerto
  • Pakistan
  • Nudo Integrale
  • Granata
  • Via Gola
  • Anima Lattina

10) LO STATO SOCIALE

LO STATO SOCIALE

Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi e Alberto Guidetti , sono conosciuti al grande pubblico come Lo Stato Sociale.

La band bolognese ha da sempre messo i testi al centro del loro progetto musicale, si percepisce riascoltandole la vicinanza della band al loro territorio e a tematiche sociali che li caratterizzano dalle altre band della scena.

Il primo album nel 2012 è Turisti della democrazia, seguito nel 2014 da L’Italia peggiore, album contenente i singoli C’eravamo tanto sbagliati e Questo è un grande paese (Ft. Piotta).

Nel 2017 esce il terzo album Amore, lavoro e altri miti da sfatare, il successo nazionale arriva con la loro consacrazione al Festival di Sanremo 2018 con il singolo Una vita in vacanza.

Da ascoltare:

  • Una vita in vacanza
  • Amarsi male
  • Niente di speciale
  • Facile
  • Buona sfortuna
  • Mi sono rotto il cazzo

Termina qui la nostra raccolta dei 10 artisti Indie che devi assolutamente conoscere, come detto si tratta di una selezione fatta prendendo gli artisti più in evidenza nell’ultimo anno e sappiamo bene di aver tralasciato anche altri nomi….

Ti va di suggerirceli? Lascia un commento qui sotto…

Knfuzed: “Wasted!” racconta il dramma amoroso di un ventenne

“Wasted!”, il nuovo singolo dell’artista romano classe 2000 Knfuzed, è disponibile su tutte le piattaforme digitali per Cramps Music con distribuzione Believe.

KNFUZED SPIEGA IL SIGNIFICATO DI “WASTED!”

“Wasted!” è il racconto senza filtri di un dramma amoroso vissuto da un ventenne e così lo racconta Knfuzed:

È un brano che si può definire ‘neo-romantico’ in cui descrivo, in modo crudo, il dolore del fallimento amoroso e l’oppressione devastante di chi si trova stretto nella morsa del rifiuto. Da qui nasce un testo a tratti esplicito che si evolve su una base up-tempo che è un concentrato sonoro dal sapore anni 80 in cui si possono individuare anche tracce di una delle mie grandi passioni musicali, il post-punk“.

KNFUZED: LA BIO

Knfuzed, nome d’arte di Leonardo Brufola, nasce a Roma nel 2000 e si approccia al mondo della musica come produttore musicale già all’età di tredici anni. I suoi primi passi ufficiali nel mondo discografico avvengono quando firma varie produzioni dell’album “THB” (2020) del duo musicale Thelonious B.

Dopo questa e altre collaborazioni con artisti della scena trap, Knfuzed decide di intraprendere la sua carriera da autore solista e forma il suo stile sulla passione per le sonorità post punk / new wave e alternative rock declinate in chiave contemporanea, come ben dimostrano i due singoli precedenti a “Wasted!” usciti alla fine del 2023, “Come mai” e “Luna storta“.

PABLONOREX: il nuovo singolo, “La leggerezza”, anticipa l’album!

È disponibile su tutte le piattaforme digitali “La leggerezza”, il nuovo singolo di PABLONOREX con il featuring di Ciopi. Il brano esce per La CROCE – etichetta che fa parte di Right Combo Mastas’ Entertainment – ed è distribuito da Believe.

Si tratta del terzo singolo che anticipa l’uscita del nuovo album dell’artista trentino di origine uruguaya prevista per il prossimo 28 marzo. Il titolo del disco, “L’insostenibile leggerezza del rapper”, parafrasa quello del noto romanzo di Milan Kundera

“LA LEGGEREZZA”, IL NUOVO SINGOLO

Così PABLONOREX racconta questo nuovo brano in cui collabora con il suo concittadino Ciopi (già parte del gruppo della crew Altropianeta Team): “Il mood è già nel titolo: non si può essere sempre seriosi, c’è bisogno anche di leggerezza. La canzone racconta dei momenti di respiro dalla vita quotidiana. É l’istantanea di una cena tra amici di vecchia data, uno di quei momenti in cui ci si può permettere di rallentare la corsa, scrollarsi di dosso le maschere e le armature che si è costretti a indossare nella quotidianità frenetica della società in cui viviamo“.

La produzione musicale è di Menevolt mentre il mix e il master sono a cura di Bassi Maestro.

PABLONOREX: LA BIO

Pablo Sebastian Chavez Mandressi, in arte PABLONOREX, nasce a Montevideo (Uruguay) nel 1979. I genitori, per allontanarsi dalla dittatura militare al potere in quegli anni, si trasferiscono in Italia alla fine del 1982 passando da Montevideo a una provincia italiana, Rovereto, in Trentino, da cui provenivano dei loro antenati, a loro volta scappati durante il fascismo. Pablo fatica a integrarsi in questa nuova realtà ma durante le scuole superiori viene folgorato dalla cultura hip hop, da tutte le sue discipline, ma in particolare dal writing e dal rap.

Se nel 1995 fonda il gruppo SLS (Smuovi La Scena) con l’amico fraterno Eta, nel 1997 i due incidono il demo “Spinti dall’Istinto” prodotto da Lord Hazy (Zona Blu) con il supporto del collettivo Netcrew di cui fanno parte Nicky, Devilio, Rodi, OTHELLOMAN e altri. Per Netcrew partecipa nel ’98 ai mixtape “Netcrew directory 1” e “Netcrew directory 2”. Nel 1999 incide “Pensavi d’esser forte 2000” con Eta, Zampa e Jap per l’album “La coscienza delle parole” di Zona Blu.

È il 2003 quando produce l’EP “Underground zero” come rapper del gruppo Altropianeta. Nel 2004 crea l’Altropianeta_rec studio, in cui cura la registrazione di molti artisti (tra cui Zampa & Jack The Smoker, Jap). Collabora con il produttore spagnolo Jayder nel 2004 al pezzo “Nella giungla”. Nel 2007, dopo oltre un decennio di hip hop underground, tra live, studio e collaborazioni, il duo Eta e Norex pubblica il primo disco ufficiale: “Più passione” (La Suite records / Self) con featuring di Jack the Smoker, Zampa, Jap e Principe.

Pablo inizia a concepire il suo primo disco da solista nel 2017, cercando il sound giusto mentre ne studia concept e rime. Il disco inizierà a prendere forma nel 2019 sulle produzioni musicali di Menevolt. Nel 2022 arriva la firma per il management 71417Mngmnt e nel 2023 per l’etichetta La CROCE, due realtà fondate da OTHELLOMAN.

“Lo Spazio, l’Egitto, Battiato” di Mattia Rame: recensione

0

Mattia Rame è un cantautore romano che, dopo la pubblicazione di una serie di singoli, ha esordito nel 2023 con il suo primo disco “Lo Spazio, l’Egitto, Battiato”, un titolo che racchiude le sue principali influenze e ispirazioni. Il disco, prodotto da Alessandro Giovannini (White Rock Studio) per Gallia Music, è una collezione di dieci brani che fonde poetiche introspezioni dalle audaci sonorità sperimentali.

L’album si presenta come un viaggio musicale nell’anima dell’artista, che racconta storie di amore e di cambiamento intessute in suggestioni letterarie che trasportano l’ascoltatore in un percorso concettuale. Il disco si distingue per la sua eccentricità, incorporando elementi elettronici, sonorità rock, citazioni poetiche e musicali in un’opera che riflette l’essenza stessa dell’artista con riflessioni sulla lettura, l’amore, la solitudine, e la ricerca della propria identità tra sfaceli cosmici ed interiori.

Il disco è accompagnato in radio dal singolo e videoclip “I Ghiacciai”, una canzone sull’urgenza di cambiare che esplica il concetto di fondo di tutta la musica e della ricerca di Mattia Rame. Un disco d’esordio è, infatti, come una nascita perché tutti siamo chiamati a Nascere. Nascere a noi stessi, a rinascere, per la prima volta; a trovarci, identificarci, oltre i condizionamenti familiari e sociali, le ferite aperte, le brutture, oltre le nostre infinite morti quotidiane alle quali siamo e saremo sempre condannati. “Apritevi, apriamoci” è l’imperativo categorico, gioioso e amorevole, che ci dà la Vita quando ci intima, in fondo, di seguirla. “Seguiamola, dolcemente, senza riserve!”.

Tra gli altri brani spiccano “Con le Doctor Martens blu”, una canzone d’amore sulla fine di un’illusione e di tutte le illusioni, che apre il disco con il trittico che dà il nome all’album; “Marilyn Monroe”, un pezzo sulla storia dell’Amore, dedicato alla Musa, al simbolo degli amori e dell’Amore tormentato, idealizzato, irraggiungibile e lancinante; “Leggere”, una canzone intorno al concetto di lettura, intesa nel senso più ampio del termine: i libri, le persone, il mondo, sé stessi; “Mare Mare”, nato come omaggio all’indimenticabile Franco Battiato, che offre un’esperienza musicale intrisa di citazioni letterarie e riflessioni profonde sul nostro tempo; “Frida Kahlo”, la canzone più pazza del disco, un pezzo kitsch, un kraut rock dell’Anima; “Alle anime”, una piccola poesia stralunata cantata alla Luna e all’Anima, che chiude il percorso raccontato in questo disco.

“Lo Spazio, l’Egitto, Battiato” è un disco che sorprende e coinvolge, che mostra la personalità e il talento di Mattia Rame, un artista che ha saputo creare un linguaggio musicale originale e ricco di sfumature, che non teme di esplorare le proprie emozioni e di condividerle con il pubblico. Un disco che merita di essere ascoltato e apprezzato da chi ama la musica di qualità e di contenuto.

“Say it again”: è uscito il nuovo singolo di Stefano Pesapane

0
Stefano Pesapane
Stefano Pesapane

Say It Again è l’ultima canzone di Stefano Pesapane, disponibile dal 23 febbraio 2024 su tutte le migliori piattaforme di streaming per Bentley Records

Stefano Pesapane in Say It Again fonde perfettamente i ritmi energici dell’EDM con le melodie piene di sentimento del Soul.

Vibrazioni calde e nostalgiche e una produzione accuratamente realizzata avvolgono l’ascoltatore in un abbraccio caldo e nostalgico.

«A volte bastano un suono, una sequenza armonica e la tonalità per creare un brano e dargli il giusto mood – ci racconta Stefano Pesapane Ed è un po’ quello che è successo a me con Say It Again. In questo caso ho usato un piano Fender e la tonalità di LA minore, per esprimere il mio stato d’animo attuale: malinconico ma allo stesso tempo aperto alla speranza e al futuro.»

La musica di Stefano Pesapane è una fusione di generi in cui miscela i suoni moderni di R&B, Soul ed elementi elettronici, creando un’esperienza atmosferica e accattivante.

Ascolta il singolo Say it again su Spotify

Impostata alla velocità di 124 BPM nella tonalità malinconica ma piena di speranza di La minore, questa traccia diventa un viaggio attraverso le emozioni: si passa dalla ballabilità all’introspezione, mantenendo un groove contagioso che avvolge l’ascoltatore per tutta la durata del brano.

Biografia

Stefano Pesapane è nato a Latina nel 1962. Inizia a suonare la batteria all’età di 8 anni e all’età di 16 anni suonava già nei nightclub.

Ha frequentato gli studi musicali presso la St. Louis Music School di Roma.

Ha conseguito il Certificate of Completion rilasciato dal Berklee College of Music presso la Summer School di Umbria Jazz.

Nel 1984 ha avuto la sua prima esperienza professionale con la band “The Nightworkers” e ha trascorso due anni con loro suonando in Marocco e Grecia per il Club Med.

Nel 1987 Pesapane entra a far parte della Rocky Roberts Orchestra con la quale fece tournée in tutta Italia fino al 1989.

Da quel momento ha suonato in altri gruppi e con bandleaders come: Sonny Costanzo, Tony Scott e tanti altri.

Nel 1999 Stefano Pesapane si trasferisce nei Paesi Bassi e inizia a suonare con band e musicisti locali.

Da gennaio 2020 fa parte di Bentley Records e da settembre 2020 è un “Gold Bentley Records Artist”.

Quest’anno il suo brano “Directions” è stato inserito nella Compilation “Legends Chronicles 1.0” prodotta da Bentley Records, insieme ad artisti di rilievo come: FUTURE, Fat Joe, Gucci Mane, Rich the Kid, Dizzy Wright, Ayoo KD, The Game, Bow Wow, Jackie’s Boy e molti altri.

Social, Streaming e Contatti

Il nuovo singolo di Daniela Mastrandrea è “La ballata dell’altrove”

Il brano anticipa “Prospettive temporali”, album di prossima uscita.

La ballata dell'altrove, partitura
La partitura de “La ballata dell’altrove”

La ballata dell’altrove, singolo per violoncello e pianoforte di Daniela Mastrandrea, è disponibile dal 23 febbraio 2024 su tutte le principali piattaforme di streaming e download. Il brano anticipa Prospettive temporali, album in uscita nei prossimi mesi.

I cassetti delle esistenze sono pieni di sogni dimenticati, fogli scritti in attesa di essere strappati o continuati, melodie nate per motivi che ora, magari, non esistono più. Gli scrittori vengono invitati a scrivere libri che non vengono poi pubblicati, e i musicisti a scrivere colonne sonore di film che esistono sulla carta, ma che spesso non trovano un’effettiva collocazione nel mondo. A prender polvere, in fondo a quei cassetti, fogli pentagrammati privi di quel contesto che potrebbe dar loro una giusta cornice. C’è chi quei fogli li getterebbe via, ma non Daniela Mastrandrea, che da sempre si batte per dare dignità a tutte le idee che s’affacciano alla sua mente.

È quasi un gioco, per lei: ripesca, anche a distanza di anni, fogli mezzo sbiaditi, ne ripercorre la storia, rivive le emozioni di un tempo, i motivi per i quali si era abbandonata alla composizione. Quando il motivo non le sovviene, si arma di matita, gomma e di un sentire profondo; si mette, insomma, all’ascolto della sua anima, per cucire un vestito a quella musica che, se appare, lo fa non per essere poi dimenticata, ma per essere contestualizzata e raccontata al mondo.

Guarda il video La Ballata dell’Altrove

La ballata dell’altrove non aveva questo titolo, un tempo. Forse, un titolo non l’aveva nemmeno. Era un insieme di note che facevano da contorno all’idea di un regista che poi ha scosso la testa come per dire non se ne fa più nulla. Quell’idea è rimasta lì, fino a quando una mattina ventosa Daniela si è seduta in riva al mare, le note hanno bussato alla sua porta e lei ha immaginato di collocarle in un altrove, oltre la linea dell’orizzonte, suonate da una dea con un violoncello e trasportate sino a lei grazie a quelle onde che s’infrangono sugli scogli.

Quella dea Daniela l’ha poi trovata. Si chiama Veronica Fabbri Valenzuela, e ha già collaborato con la Mastrandrea nel brano La dolcezza di una lacrima.

Veronica Fabbri Valenzuela, violoncellista
Veronica Fabbri Valenzuela, violoncellista

Il brano è stato registrato presso Lab Sonic Studio a Matera dal fonico Francesco Altieri, che da diversi anni segue i lavori di Daniela Mastrandrea, pianista e compositrice pugliese.

Il nuovo singolo è disponibile su tutte le piattaforme digitali a questo link: https://lnkfi.re/laballatadellaltrove

Chi è Daniela Mastrandrea

A sette anni comincia lo studio del pianoforte e a nove compone i suoi primi pezzi. Si diploma in pianoforte affiancando gli studi di composizione.

Si esibisce in numerosi festival e rassegne musicali come Piano City Milano, Festival Argojazz, Time Zones, Fasano Musica, Bari In Jazz, Experimenta e altri.

È vincitrice di diversi concorsi internazionali di composizione, premi e contest musicali tra i quali Web Talent V.I.T.A. di Believe Digital, Fondazione Estro musicale, Premio Argojazz, Digital Contest Kleisma e Lartista che non cera e altri.

Tra le sue composizioni premiate: Indesiderabile Tenerezza, Luci e Ombre, La Besana e Mondi Paralleli, ospite su Radio Classica, recensito da La Gazzetta del Mezzogiorno, il Corriere del Mezzogiorno, il Nuovo Quotidiano di Puglia, MAT2020, SOund36 e classificatosi tra le migliori proposte del 2020.

Ha all’attivo circa duecento composizioni pubblicate tra album e singoli: dal duo all’orchestra, dal jazz alla classica.

Social, streaming e contatti

Francesco Cavestri ci racconta il disco “IKI – bellezza ispiratrice”

0

“IKI – bellezza ispiratrice”, come si comprende dal titolo, è ispirato alla bellezza della musica ed ai suoi legami tra i generi e gli artisti. E’ un album col quale Cavestri procede nel suo percorso alla scoperta del jazz nella sua forma più libera e aperta che trae ispirazione da fonti musicali diverse e a sua volta contribuisce alla nascita e allo sviluppo di nuove musiche e stili, in un rapporto di continuo scambio e confronto con le innovazioni sonore della contemporaneità. Mentre nel primo album Cavestri analizzava i profondi rapporti che sussistono tra due generi così apparentemente diversi come jazz e hip hop, nel nuovo progetto, “IKI – bellezza ispiratrice”, la ricerca è stata maggiormente improntata ai legami tra jazz e musica elettronica, mantenendo sempre la centralità del pianoforte nella quasi totalità delle tracce.

Grazie, Francesco, per essere qui con noi oggi. Cominciamo con la tua ispirazione dietro il nuovo album “IKI – bellezza ispiratrice”. Come hai sviluppato l’idea di esplorare i legami tra il jazz e la musica elettronica, mantenendo il pianoforte al centro della tua espressione musicale?
L’idea in realtà è un proseguimento del percorso che ho intrapreso fin dal mio primo album, Early 17, in cui esploravo i rapporti tra due generi solo apparentemente distanti come il jazz e l’hip hop. Il principio di base è quello di legare il jazz alle forme musicali della contemporaneità, per rinnovare ancora una volta la tesi secondo cui il jazz è il genere del futuro, in quanto raccoglie quelle che sono le forme musicali del momento, ispirandole e a sua volta venendone ispirato. Secondo questo principio, era naturale che la ricerca del mio secondo album fosse volta ad analizzare i rapporti tra jazz e musica elettronica. A questo si aggiunge il fatto che nell’ultimo periodo ho subito tantissime influenze derivanti dal mondo della musica elettronica (da artisti ad esempio come Floating Points, Four Tet, Kaytranada) e quindi mi è venuto naturale trasferirle nella mia produzione musicale.

Parliamo del titolo del tuo album, “IKI – bellezza ispiratrice”. Puoi spiegare il significato dietro questa scelta e come la filosofia dell’IKI si riflette nella tua musica?
L’IKI è uno dei termini cardini del pensiero giapponese e indica una ricerca estetica appassionata e costante, che stimola e ispira l’uomo a non fermarsi alla superficie, a scavare sempre più nel profondo studiando sé stesso e ciò che lo circonda, con l’ambizione di raggiungere e toccare un faro che indichi la strada, che mantenga retta la via e il percorso. Portato all’interno della musica, questo pensiero si traduce in una ricerca volta ad analizzare i rapporti tra il jazz, il mio genere di formazione da cui parto e verso cui ritorno sempre, e generi ad esso estremamente legati come la musica elettronica o l’hip hop. È l’idea di un genere musicale in movimento, mai fossilizzato ma sempre alla scoperta di nuovi linguaggi, sonorità, stili. Infatti mi piace definire “IKI – Bellezza Ispiratrice” come un album che, in sole sei tracce, condensa quattro-cinque sottogeneri musicali differenti, proprio per dare l’idea della libertà espressiva che ne ha caratterizzato la produzione; libertà, ovviamente, sempre mediata dal linguaggio jazzistico, ammesso, e non concesso, che con esso si intenda qualcosa di specifico e precostituito.

La traccia di apertura del tuo album utilizza un monologo di Steiner tratto da “La Dolce Vita” di Federico Fellini. Puoi spiegarci come questa scelta si inserisce nel contesto dell’IKI e quale ruolo gioca nel tuo concept album?
Il legame tra “IKI”, ovvero il concept ispirato alla filosofia giapponese che ho scelto per l’album, e la prima traccia “Distaccati (da “La Dolce Vita”)” è fortissimo, ed è stato un incontro tanto fortunato quanto casuale: il brano “Distaccati” è stato, tra quelli presenti nel nuovo album, il primo brano (proprio in ordine cronologico) che ho scritto. Mentre ultimavo le tracce successive mi sono imbattuto nella lettura di un libro splendido di Kuki Shuzo, dal titolo “La Struttura dell’IKI”. Dopo aver letto e assorbito questo libro, ho scelto l’IKI come concept e fulcro filosofico del mio album, oltre che ovviamente come titolo. E qui arriva la parte più interessante: l’IKI è formato da tre momenti, al cui apice in ordine di importanza vi è il momento del “distacco” (inteso come facoltà di distaccarsi nella realtà per osservarla nella sua interezza e agire più consapevolmente). Il tema del distacco, centrale nell’IKI, riprendeva senza volerlo il brano che avevo scritto campionando il monologo tratto da “La Dolce Vita”, monologo che si chiude con la ripetizione della parola “Distaccati”. È stato un incontro magico, che ha dato una perfetta circolarità all’album. “Distaccati” ha per me un significato molto speciale, oltre che per la bellezza struggente e catartica del monologo, anche perché rappresenta l’incontro tra epoche, stili e generazioni diverse: il monologo di Steiner, che tra l’altro ho mantenuto nella sua versione originale con il doppiaggio di Romolo Valli, rimanda alla fine degli anni ’50, agli anni della Dolce Vita che hanno ispirato il capolavoro di Fellini, a un’Italia passata che ha segnato un ideale estetico e sociale; la musica che ho scelto di legare al monologo è invece testimone della contemporaneità: è una musica elettronica, un mantra ripetitivo quasi psichedelico costituito da sintetizzatori, campionamenti vocali e batterie elettroniche. La forza del brano è proprio questo interscambio temporale tra il monologo tratto da “La Dolce Vita”, caposaldo culturale del ‘900 italiano, e la scelta di un suono iper-contemporaneo.

Hai citato influenze e riferimenti precisi nella tua musica, come la fusione di “Naima” di John Coltrane con “Everything In Its Right Place” dei Radiohead. Come scegli i brani da citare e come integri tali influenze nella tua composizione?
I brani da citare sono scelti in base all’importanza che hanno avuto nello sviluppo del mio percorso musicale e artistico. Naima è il brano di John Coltrane che amo di più, e questo perché ha una melodia tanto bella e poetica quanto semplice, il che permette di poterla avvolgere con arrangiamenti interessanti e anche citazioni apparentemente distanti, come il caso di Everything In Its Right Place, ovvero il brano che mi ha fatto appassionare ai Radiohead. Riguardo la domanda sulla composizione, credo che (e questa è un’opinione che potrebbe trovare dei detrattori, soprattutto in ambito accademico) le migliori influenze/ispirazioni in ambito competitivo siano quelle passive, ovvero quelle che il musicista-compositore assorbe esclusivamente dall’ascolto reiterato e appassionato di uno o più artisti e di uno o più generi musicali. Cerco sempre di ascoltare e lasciarmi ispirare da generi musicali e artisti anche molto diversi tra loro in modo che la musica che creo abbia un qualcosa ogni volta di originale, di inedito, di imprevisto.

La collaborazione con Paolo Fresu è sicuramente un punto culminante dell’album. Puoi condividere l’esperienza di lavorare con un artista così eccezionale e come la vostra collaborazione ha influenzato il brano che dà il nome all’album?
Intanto sono d’accordo con la tua asserzione sul punto culminante dell’album, ecco perché ho scelto quel brano come traccia conclusiva e come titolo per l’album. Paolo è, ancora prima che un grande artista, una persona speciale e un vero Mentore. Con lui, ancora prima di realizzare questo brano insieme, sono andato in diverse scuole di Bologna e dintorni, in collaborazione con l’associazione Il Jazz Va a Scuola, per raccontare la bellezza e la straordinarietà di questa musica ai bambini e ai ragazzi. Mi ha inoltre invitato per due anni di fila nel suo splendido festival in Sardegna, il Time in Jazz, a cui ho partecipato sia con delle lezioni-concerto da me ideate che con il concerto insieme al mio trio. Andare in studio con lui per registrare questo brano è stata un’esperienza estremamente importante e formativa, così come presentarlo dal vivo insieme al termine del mio concerto all’interno del suo festival. Per quanto riguarda l’influenza sul brano, credo che Paolo abbia colto perfettamente le varie atmosfere presenti al suo interno: dalla dolcezza meditativa e leggermente malinconica del tema, passando per la parte più elettronica, introdotta dal campionamento di una frase di Miles Davis, su cui si sviluppa il dialogo improvvisato tra il mio pianoforte e la sua tromba, fino ad arrivare al finale, minimale e lirico, quasi a fungere da anello di congiunzione con il melodismo del tema iniziale.

Il breve estratto di un’intervista di Miles Davis nell’ultima traccia è un tributo significativo. Come hai scelto questo omaggio e quale messaggio vuoi comunicare attraverso questa citazione?
Miles Davis è, almeno per me, il musicista jazz più influente e innovativo del ‘900. Ha spinto in territori inesplorati il jazz in più direzioni: dal punto di vista musicale è stato un esploratore instancabile, proiettando un genere come il jazz nel confronto con altre realtà come la musica elettronica (con In a Silent Way e, soprattutto, con Bitches Brew) e l’hip hop (con il suo ultimo album, uscito postumo, dal titolo “Doo-Bop”); ha portato però nuova vita al jazz anche dal punto di vista dello stile, creando per sé stesso un personaggio noto anche per il suo stile cool e sempre all’avanguardia, condizione che rispecchiava perfettamente il suo pensiero musicale; in ultimo, ha sempre tentato, spesso con successo, di attualizzare il jazz per renderlo sempre accessibile alla massa, quindi popolare: non a caso è stato l’unico jazzista della storia a esibirsi a un festival come quello tenutosi nel 1970 all’Isola di Wight (evento musicale paragonabile a Woodstock), davanti a 700.000 persone. Per queste ragioni ho scelto di tributarlo nel brano conclusivo dell’album; quel brano che presenta la collaborazione di Paolo Fresu, su cui Miles ha avuto una notevole influenza, che infatti emerge chiaramente nel suono di Paolo.

Infine, guardando al futuro, cosa possiamo aspettarci dal tuo percorso musicale? Hai già nuovi progetti o collaborazioni in cantiere che puoi condividere con i nostri lettori?
Venerdì 16 febbraio (quindi a brevissimo) è in uscita un album contenente una colonna sonora che ho registrato per un Podcast della Rai, dal titolo “Una Morte da Mediano”, ideato e diretto dal giornalista e regista, vincitore del David di Donatello, Filippo Vendemmiati. Essendo io un grande appassionato di cinema, oltre che ovviamente di alcuni tra i più importanti compositori di colonne sonore (come ad esempio Ryuichi Sakamoto ed Ennio Morricone), è stato un grande onore aver avuto l’opportunità di registrare il mio primo commento musicale. Dopo la pubblicazione di questo progetto, partirà il tour di presentazione di “IKI – Bellezza Ispiratrice”, che condurrò al fianco di giovani fantastici musicisti, toccando alcuni luoghi in cui sono molto orgoglioso di poter suonare. Presto comunicherò tutte le date sui miei canali social e sul mio sito, seguitemi per restare aggiornati! 😉

Fiori di Cadillac: il singolo “Anime perse” è la confidenza di un periodo confuso…

È disponibile su tutte le piattaforme digitali “Anime perse”, il nuovo singolo dei Fiori di Cadillac per Boc Music Group con distribuzione Altafonte. Il duo salernitano composto da Luigi Salvio e Valerio Vicinanza con questo brano dà continuità all’ultima parte del 2023 in cui, dopo una pausa, si è rifatto vivo pubblicando i singoli “Ultima nave” e “Stranieri”.

IL SINGOLO: “ANIME PERSE”

In “Anime perse” l’atmosfera pop intimista del duo si fonde a un beat elettronico che anima sempre di più il brano. Una fusione frutto della collaborazione tra i Fiori di Cadillac e il produttore musicale Frank Sativa, direttore artistico di questa nuova fase del gruppo.  

Anime perse – raccontano Luigi Salvio e Valerio Vicinanza – ci ricorda una fase della nostra vita in cui eravamo sospesi, confusi. Su di noi gli effetti della noia e dell’insoddisfazione. Cercavamo un metodo per sopravvivere, senza accorgerci che in realtà la strada che stavamo percorrendo era semplicemente la ‘via del niente’.

Il testo dice ‘… che sono stanco, ormai non è più importante dove andremo a finire’. Questa condizione diventata amica, ci accompagnava quotidianamente. Il tutto si ripeteva come il ciclico roteare di una giostra, da cui non si scenderebbe mai. Si tratta di quelle condizioni in cui poco importa che ore sono, ciò che fai o con chi sei, conta solo lasciarsi alle spalle i soliti problemi e le preoccupazioni quotidiane. La droga, l’alcol, poi, ti portano oltre, via da qualsiasi cosa, oltrepassi il limite e sei convinto di non poter tornare indietro. Eravamo così, anime perse“.

CHI SONO I FIORI DI CADILLAC

I FIORI DI CADILLAC nascono nel 2010 a Salerno come trio ma attualmente sono un duo composto da Luigi Salvio (1986) e Valerio Vicinanza (1988). Il nome d’arte è ispirato a Cadillac Sur Garonne, un paesino francese dove, durante il regime filo-nazista di Vichy, sono state sepolte più di quattromila persone ritenute “diverse”, pazzi per alcuni, fiori rari per la band che a loro, come a tutte le persone che custodiscono preziose diversità, dedica il proprio nome.

La musica dei Fiori di Cadillac è prodotta attraverso un pianoforte, suoni sintetizzati, una chitarra e una batteria. Sul finire del 2013 il gruppo pubblica l’album d’esordio, “Cartoline”, al quale segue un lungo tour in club e festival nazionali. Nel 2017 comincia il lavoro di stesura del nuovo album insieme a Giulio Ragno Favero. Al disco, composto da 9 tracce, collabora anche Andrea Suriani che affianca Favero nella produzione e nel missaggio.

In questo periodo i Fiori di Cadillac firmano per INRI che, nei primi mesi del 2020, pubblica il loro secondo album, “Fuori dalla storia”. Archiviato presto il disco a causa dell’emergenza Covid, il duo, dopo un periodo di pausa, inizia a produrre nuovi brani sotto la direzione artistica di Frank Sativa e si rifà vivo ufficialmente nel 2023.

Sklero rivendica la veridicità nel rap in “No Movie”. L’ospite è Rico Mendossa!

È disponibile in digitale “No movie”, il nuovo singolo del rapper piemontese Sklero che ha come ospite Rico Mendossa. La produzione musicale del brano è di Cintu The Miracle. La distribuzione è Believe.

IL SINGOLO: “NO MOVIE”

Le rime di “No movie” parlano di veridicità e quindi, di riflesso, anche di credibilità: nel rap ma anche nella quotidianità molte persone hanno pose, fingono di essere qualcuno che non sono, “recitano una parte”, come si dice nel testo, mentre i due artisti, entrambi piemontesi, in questo brano rivendicano quella che negli Stati Uniti si chiama “realness”. Su una produzione musicale dall’atmosfera tesa e oscura, infatti, scorrono versi come “la verità che vorresti è nei nostri testi” o “è tutto reale” e il ritornello riprende il titolo per dire “questa vita non è un movie”.

CHI È SKLERO

Sklero è un rapper e tatuatore, e da metà degli anni 2000 a oggi ha pubblicato quattro album e vari singoli riuscendo, da artista indipendente, sempre a coinvolgere ospiti importanti come, per esempio, Jack The Smoker, Jamil, Tormento, Bunna (Africa Unite), Maury-B, Gast e tanti altri. Il suo ultimo album, “Player”, è uscito nel 2023 e tra gli ospiti ci sono Vacca, Thai Smoke e proprio Rico Mendossa.

“No movie”, infatti, è la seconda collaborazione ufficiale tra Sklero e Rico Mendossa dopo “Fratelli” (uscito a dicembre del 2022): i due rapper si sono conosciuti di persona nel 2022 ma si seguono a vicenda dai rispettivi esordi e ultimamente hanno approfondito la conoscenza e consolidato il rapporto anche perché Rico Mendossa va spesso nello studio di Sklero per farsi tatuare.

Maria Antonietta ed il fa fa fa (festival)

In una serata di Dicembre i ragazzi del FaFa Fest di Foggia sono riusciti ad avere un clamoroso sold-out grazie ad una ospite d’eccezione: una ragazza la cui semplicità e pacatezza non ti lasciano mai indifferente. Parliamo di Maria Antonietta, classe 1987, di origine pesarese, che ha da poco aperto il concerto di Lana Del Rey. Considerata una delle pioniere dell’indie italiano al femminile, si presta volentieri con umiltà alle domande dei suoi fan, decidendo con estrema delicatezza quali risposte dare, senza lasciar mai spazio alle parole vane. Proprio per questo motivo ho deciso di farle soltanto dieci minuti di intervista al volo: non volevo privare del tempo alla moltitudine di ragazzi che erano giunti fino a lì ad ascoltarla. Anche perché diciamocelo, sfortunatamente non é facile che una artista già abbastanza affermata nel panorama musicale venga a suonare in una provincia del sud come quella di Foggia.

I costi sono sicuramente più alti per le trasferte dei vari musicisti che di norma risiedono in quella che oramai é la triade della città musicali italiane (Milano, Roma e Bologna), in cui svariati artisti decidono di stanziarsi per comodità. Ma per fortuna i giovani d’oggi hanno tanta passione e voglia di cambiare in meglio le cose, così cercano di organizzare eventi con le poche risorse che hanno. Per me si tratta di una intervista un po’ speciale, perchè la prima fatta con la mia cuginetta, appassionata anche lei del mondo indie italiano e super fan di Maria Antonietta (e che spiega perchè nell’audio uso il “noi”)

Eroine

Non so se te lo ha mai detto qualcuno ma secondo me la tua voce ha un graffio un po’ alla Loredana Berté. Hai qualche eroina italiana a cui ti ispiri?

Questa é una domanda difficilissima perché quest’anno ho ascoltato pochissima musica italiana a dire la verità, per cui, purtroppo, le mie grandi eroine della musica sono americane, inglesi, ecc… . Le mie preferite di sempre sono Courtney Love, P.J. Harvey, Patti Smith. In Italia in realtà quando ero piccolina ascoltavo Carmen Consoli, poi l’ho un po’ persa crescendo. Loredana Berté mi fa piacere ovviamente, ha una voce bellissima e poi é un personaggio vero, nulla da dire, é un complimento grazie

Colori ed emozioni

Se tu potessi scegliere un colore con cui vorresti descrivere le emozioni che vorresti che le tue canzoni suscitassero, quale sarebbe?

Sicuramente rosso, alla fine mi rendo conto che mi trovo sempre a scrivere cose che mi riguardano moltissimo. Mi piace pensare che il colore sia quello, un po’ del sangue, una cosa che ti appartiene talmente tanto che fa parte di te

Sanremo

L’esperienza a Sanremo come é stata? Hai mai pensato di voler provare ad andarci?

É sicuramente stata abbastanza bizzarra perché non me l’aspettavo per niente, ed é stata una cosa abbastanza last-minute. Però sono stata molto fiera di condividere uno spazio così generalista, così grande e trasversale con due colleghe, é una cosa che non capita così spesso. E quindi c’é stato un sentimento di orgoglio: condividere uno spazio del genere con altre due ragazze é stato in questo senso molto bello. Poi io figurati, non ho nessun pregiudizio su quello spazio lì, anzi. Penso che se riesci ad approdarci con il tuo linguaggio o comunque con quello che sei non può che essere bene. Alla fine dai complessità ad uno spazio, racconti comunque una storia.

La mia, rispetto ad altre, é sicuramente un po’ più obliqua; sono partita dal mondo indipendente e continuo a stare nel mondo indipendente. Però ovviamente devi avere la canzone giusta e ci deve essere una politica editoriale che voglia anche premiare o magari dare spazio a dei racconti o a delle persone un po’ più obliqui. Purtroppo non dipende dalla tua volontà. In astratto sì: nel momento in cui porti la tua voce porti un pezzo che hai scritto tu e che ti rappresenta. Non c’è nessuno spazio sbagliato o non adatto a priori

Fa fa fa (festival)

Il tuo intercalare “fa fa fa” lo hai scelto come “marchio di fabbrica” o ti é venuto naturale?

Sì é venuto naturale. Purtroppo c’é sempre poca strategia, perché non ne sono capace ahahah

Vergine

Visto che entrambe siamo del segno zodiacale della Vergine come te

Che bello ahahah mi sento la benvenuta

Quale é la cosa più “da vergine” di te?

Io sono veramente una vergine estrema, ho anche la luna in Vergine e uno stellium di cinque pianeti in vergine, quindi é terribile la mia situazione. La cosa più da vergine é sicuramente la mania del controllo: l’avere tutto sotto al mio di controllo, che tutto comunque sia gestito. Ovviamente é tutta una grande illusione questa, perché non hai mai il controllo, per cui la mia manialicalità e la mia ansia di perfezionismo, questo é Virgo

Ispirazione

Quale é il momento in cui ti senti più ispirata? C’é qualcosa che in te fa scattare di più la scintilla?

É sempre molto relativo, perché poi é un meccanismo che negli anni cambia, come cambi tu cambiano anche le dinamiche della tua creatività. Ultimamente noto che sono più creativa quando sono in tour, sono a suonare. Paradossalmente quando torno a casa dai concerti e dai viaggi sono molto più creativa. Un tempo invece dovevo avere delle larghe finestre anche di solitudine a casa, i miei spazi, contemplazione, ecc… . Adesso é il contrario: fare, andare in gruppi mi fa tornare a casa con un bagaglio di energia. Ora funziona così

Quindi se dovessi chiederti tra live e studio mi risponderesti live?

Assolutamente

La tigre assenza

Visto che da poco é uscito il tuo ultimo album ce lo descrivi in poche parole?

É un disco sicuramente abbastanza scuro direi, abbastanza dark. É un disco sicuramente un po’ complesso. Soprattutto per quanto riguarda i testi c’é stata una rielaborazione di alcuni fatti e di alcuni sentimenti non esattamente molto facili. Sicuramente é un disco che richiede del tempo all’ascoltatore per sorbirlo. Ed é un disco anche molto libero, comunque ci ho lavorato in una maniera diversa rispetto ai precedenti, ho voluto sperimentare con una produzione differente. Sono uscita un po’ dalla mia modalità dell’andare lì e suonare tutti insieme. In questo disco si é suonato poco, é stato prodotto tanto al computer, che é una cosa che non avevo mai fatto

Auto-prodotto?

Per questo disco ho lavorato con un produttore, Antonio Filippelli, che lavora nel pop. Per cui ho sperimentato in questo senso, anche perché ovviamente ascolti musica differente, cresci e quindi sei curioso di sperimentare anche qualche altro linguaggio magari

Progetti futuri

Progetti futuri?

Mah sto scrivendo un nuovo libro ed ho un sacco di pezzi nuovi, quindi in realtà sto scrivendo un nuovo disco

Letteratura

Visto che stasera ci hai letto una bellissima poesia, e che nei racconti del tuo passato c’è molto la presenza della letteratura, quale é un libro che consigli spassionatamente?

Sicuramente i diari di Sylvia Plath. Non é un’opera di poesia perché parla dei suoi diari personali, però é un’opera secondo me stupenda per entrare dentro la mente e la vita di una grande poetessa. E anche per conoscere i suoi meccanismi di creatività e di relazionarsi con la scrittura nell’auto-realizzazione, quella sicurezza in te stessa quando fai una cosa, é bellissimo. Non solo esteticamente é scritto benissimo ma é anche proprio curioso

Consiglio agli emergenti

Va bene, grazie mille del consiglio. Ultimissima domanda: cosa consigli ad artisti emergenti che provengono da piccole realtà come questa di stasera

Secondo me il consiglio più sensato di tutti é quello di restare fedeli a quella che é la propria natura, a quella che é la propria visione e a ciò che si é. Qualsiasi tipo di altra mossa magari sul breve termine paga tantissimo, ma sul lungo termine ti farebbe stare male. C’é questa intervista bellissima a Patti Smith in cui dice: “ricordati che la cosa più importante che hai é il tuo nome”. Se tu non hai cura del tuo nome, delle scelte che fai per preservare il tuo nome, la tua anima e la tua visione te ne pentirai. Una volta che il tuo nome sarà macchiato sarà macchiato e non potrai tornare indietro, ed é una cosa bellissima

https://www.youtube.com/channel/UCNq2qYxUoG74akKVi7TChfg